HOME PAGE | FAQ | NEWS | ARGOMENTI | SEZIONI |CONTENUTI | DOWNLOADS | ACCOUNT | CONTATTI | MAPPA DEL SITO
Il virus esiste

Dichiarazione di Durban

L'HIV provoca l'AIDS

Risposte agli scettici

MENU
Home Menu :
  Home
  Argomenti
  News
  Invia News
  Archivio Articoli
  AvantGo
  Cerca
  Cerca in tutto il Sito
  Mappa poloinformativohiv
Members Membri :
  Lista Utenti
  Profilo Utente
 Polo Gallery :
  Gallery

Community Community :
 Contatti
  Forum attivo
  Forum Archivio
  Polo Chat
  Messaggi Privati
  Messaggi Pubblici
  Giornale degli utenti

  Passaparola

 Speciali
 

Links Web Links
Select 
Download Downloads
Select 
Poll Statistiche :
  Statistiche Sito
  Analisi Sito
  Top 10
  Sondaggi
Help Documenti :
  Sezioni
  Contenuti
  Calendario Eventi
  FAQ
  Termini medici
  Giornale degli utenti

 Utility :
  Che Tempo che Fà
  Calcola il tuo bioritmo
  Giochi on line
  Risolutore di Sudoku
  Traduttore
  RSS in poloinfo hiv


General Menu Generale :
 Aggiungi ai preferiti
 Contatta il webmaster
Time 03:40:49
Data : 01-08-2014
GMT : +0200

Search
 Cerca nel sito :


Search
 Cerca fuori :




TimeTimeTimeTimeTimeTimeTimeTime
pagine viste dal Giugno 2005

Url Linkaci :


Poloinformativo hiv aids

Menu Categorie

Pensioni - Diritti - Lavoro
· Sieropositività e Pensioni

· Tutto pensioni

· Gli Enti Patronato

· Diritti della persona sieropositiva

· AIDS e lavoro-Tutele vigenti

Altri contenuti
Consulenza legale

Consulenza Legale NPS contro le discriminazioni
Downloads
Total Files: 214
Total Categories: 31
Total Downloads: 10265


 Newest Files 
 1: Delta N° 66 (3)
[Added on: 28-May-2014]

 2: Reallife N1 2014 (1)
[Added on: 17-Apr-2014]

 3: Reallife N3 2013 (1)
[Added on: 17-Apr-2014]

 4: Reallife N2 2013 (2)
[Added on: 17-Apr-2014]

 5: Reallife N1 2013 (0)
[Added on: 17-Apr-2014]

 6: Delta N° 65 (3)
[Added on: 18-Mar-2014]

 7: Linee guida italiane sull'utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica  (12)
[Added on: 02-Dec-2013]

 8: Delta N° 64 (10)
[Added on: 30-Nov-2013]

 9: Delta N° 63 (4)
[Added on: 03-Sep-2013]

 10: Delta N° 62 (6)
[Added on: 05-Jun-2013]


 Last Updated 

 Most Downloaded 
 1: Guida 2010 ai viaggi per persone HIV+
[Downloaded: 506 Times]

 2: Vivere con HIV
[Downloaded: 386 Times]

 3: HIV: MANUALE DI GESTIONE DELLA LIPODISTROFIA
[Downloaded: 348 Times]

 4: HIV: ASPETTI PSICOLOGICI E PSICHIATRICI
[Downloaded: 325 Times]

 5: Effetti Collaterali della Terapia Antiretrovirale
[Downloaded: 324 Times]

 6: Notiziario ISS CoA 2008, n.22-supp. 1 anno 2009
[Downloaded: 279 Times]

 7: Salute e benessere per le persone con HIV
[Downloaded: 252 Times]

 8: Aids e Lavoro- Tutela dei diritti-Informazione e Prevenzione
[Downloaded: 252 Times]

 9: Parlare a bambini e ragazzi di HIV/AIDS
[Downloaded: 241 Times]

 10: Interazioni Inibitori Nucleosidici/Nucleotidici Trascrittasi Inversa
[Downloaded: 224 Times]


Poloinformativo hiv aids
Downloads


Contenuti
Contenuti Presenti: 30
Categorie: 6
Clicks Tot: 455157



1) Verso relazioni positive(edizione 2011) [2532]
2) Donne HIV+ Aggiornamento 2012 SHE in italiano! [3604]
3) Servizi hiv a Modena [4779]
4) Servizi hiv a Reggio Emilia [4698]
5) Servizi hiv a Parma [6733]
6) Servizi hiv a Piacenza [4748]
7) Interazioni di Maraviroc [11258]
8) HIV Stigma e discriminazione [16861]
9) Sindrome infiammatoria da immunoricostituzione [17127]
10) HIV+ over 50 [15672]

1) Donne HIV+ [36613]
2) Funzione renale nelle persone con HIV [30372]
3) La salute mentale [30174]
4) Nutrizione e salute [29176]
5) Attività fisica [28641]
6) Vivere con l'HIV [27798]
7) Terapia antiretrovirale [27121]
8) Parlare a bambini e ragazzi di HIV/AIDS [26998]
9) Profilassi post esposizione sessuale [23376]
10) Coinfezione con HCV [21929]
Argomenti

Persone con HIV
[ Persone con HIV ]

·Invecchiare con Hiv: un problema sociale
·HIV: counseling computerizzato migliora l'aderenza dei pazienti alla terapia ant
·Reallife N1 2014
·Efficacia della ART nella prevenzione della trasmissione per via sessuale
·Università di Modena e Reggio Emilia: terapia antiretrovirale
·HIV e povertà, una sfida all’inglese
·Alberto e l’HIV: la storia di una vita cambiata in una notte
·Lavorare è un diritto. Fermiamo l’Hiv, non le persone con Hiv
·Trapianti di organi affetti da HIV consentiti negli USA


HIV Stigma e discriminazione
Quando paura e ignoranza fanno da padrone



Digitando stigma su wikipedia troviamo:

La parola stigma viene usata come sinonimo di marchio, segno distintivo in riferimento alla disapprovazione sociale di alcune caratteristiche personali. In sociologia si usa per caratterizzare un handicap fisico o mentale o una devianza. Sono i greci che si servono per primi di questa parola per denominare una serie di segni fisici che possono essere associati ad aspetti riprovevoli, considerati legati alla condizione morale dei soggetti che ne sono afflitti.



Insomma, una definizione che lo rende perfetto per rappresentare la discriminazione nei confronti delle persone con HIV: basata su pregiudizi morali e sociali, favorita dalla presenza di "segni fisici" riconoscibili.

Oliviero Toscani AIDS1993

Un marchio, un pò come il tatuaggio di una vecchia campagna pubblicitaria che in realtà è vero e presente nella mente della maggior parte dell'opinione pubblica.

La persona con HIV rimane da biasimare, da incolpare, da allontanare e i media(giornali, televisione,ma anche film e telefilm) fanno poco per eliminare il pregiudizio anzi, in molti casi diffondono informazioni inaccurate o incomplete per accrescere la paura e alimentare i dubbi o addirittura puntano sul sensazionalismo dell'untore sbattuto in prima pagina non appena nella cronaca capita la "rapina con siringa" o il contagio volontario

La persona con HIV vive questo stigma ogni giorno, teme per il suo lavoro, per la sua salute, per la sua famiglia, per la sua vita. Si sente escluso dal resto della società e in questo modo lo stigma diventa anche una forma di controllo da parte di chi ha il potere per negare dei diritti.
Ciò accade in modo evidente in quei paesi dove i governi stessi usano le leggi per negare la libertà alle persone con hiv, o impongono restrizioni che ne impediscono l'accesso dall'estero anche solo per una vacanza

Ci sono molte ragioni che concorrono a favore di questo stigma:
l'hiv è una malattia pericolosa, curabile ma non guaribile
l'hiv è una malattia infettiva e trasmissibile tramite comportamenti come il sesso e l'uso illegale di droghe, che sono soggetti a giudizio morale
spesso colpisce comunità che la società ha già discriminato a priori
è interpretato semplicisticamente come una punizione o come giusta condanna per non aver seguito regole e avvertimenti

I gay sono spesso visti come appartenere al limite della società, tollerati più che accettati e sono spesso associati a decadenza sessuale, malattia mentale e fisica, mancanza di moralità
Gli immigrati sono spesso accusati di essere portatori della malattia e di approfittare delle risorse mediche nazionali.
I tossicodipendenti sono condannati per i loro comportamenti illegali e per le inevitabili conseguenze antisociali che ne derivano.
Stessa cosa accade alle prostitute che quasi sempre sono extracomunitarie e quindi doppiamente sotto accusa
Infine gli eterosessuali che hanno contratto il virus tramite sesso non protetto sono sospettati di aver avuto comportamente illeciti e devianti(sesso di gruppo, adulterio..)

Tutti questi pregiudizi mostrano come sia facile vedere le persone con hiv come chi ha meritato l'infezione e come chi è o deve essere per forza fuori dal sistema della società generale, sana ed economicamente produttiva. In una parola, le persone con HIV sono viste e pensate come colpevoli di qualcosa che le ha portate a contatto col virus.
In contrasto con ciò c'è anche un sentimento di simpatia/pena per tutte quelle persone con hiv che non sono colpevoli della loro condizione perchè infettate da altri.
La stampa ha il potere di decretare al pubblico che questo/a è un'innocente vittima dell'hiv.
Solitamente il termine viene usato per i bambini nati da madri sieropositive, o persone contagiate tramite trasfusioni o, più recentemente, dai parters inconsapevoli di persone con hiv che hanno taciuto la loro condizione.

Lo stigma associato all'hiv ha un alto costo sia a livello comunitario che individuale, è importante ricordarlo sempre per rendersi conto di quanto sia inutile e pericoloso sebbene sia così difficile da sradicare

Lo stigma non previene la trasmissione dell'hiv, la favorisce.
Le persone possono essere così spaventate di ogni possibile associazione col virus da negare il fatto di poter essere a rischio. Questo significa non educare se stessi a preoccuparsi di proteggere la propria salute e quella degli altri con i mezzi necessari, come l'uso del condom o di siringhe monouso.

Lo stigma legato all'hiv può significare che le persone non penseranno mai di sottoporsi al test.
E' risaputo che esiste un sommerso di persone con HIV perchè un buon 25 % di persone risultate positive al test hanno contratto il virus già da anni.
Un lasso di tempo in cui molti di loro possono aver contagiato altre persone senza saperlo. Molte diagnosi fatte in ritardo, quando le persone erano già seriamente ammalate e con sistema immunitario compromesso si sarebbero potute evitare senza la paura dello stigma e una diagnosi più precoce avrebbe potuto farli sottoporre a terapia immediatamente evitandone l'ospedalizzazione o l'aggravamento.
Molte donne hanno scoperto di avere l'hiv nelle ultime fasi della gravidanza o alla nascita del figlio senza così poter usufruire degli interventi preventivi per impedire il contagio verticale e quindi la nascita di bambini con HIV

Lo stigma diffuso e radicato può solo portare le persone infette ad essere isolate, discriminate, escluse o vittimizzate.
In certe situazioni le varie comunutà ammettono che l'hiv è una materia che necessita di un confronto, d'informazione e di dialogo, ma in realtà non vogliono sapere e ciò rinforza lo stigma.

Autostigmatizzazione
A livello personale lo stigma legato all'hiv può portare a sottovalutarsi, autoannullarsi, perdere ogni fiducia in se stessi. Se poi sono presenti altri pregiudizi legati alla razza o alle preferenze sessuali l'aggiunta dell'HIV non fa che aumentare il peso da sopportare.
Scoprire di avere l'hiv può significare cambiare il proprio modo di pensare se stessi, la propria identità,la propria immagine, il proprio futuro alimentando un'autodiscriminazione che viaggia pari passo con lo stigma.

Ci si sente, inutili, malati,non produttivi, potenziali veicoli di rischio per gli altri. Si può decidere di abbandonare il lavoro, i contatti sociali, i rapporti familiari a priori, solo per la paura che prima o poi si verrà a sapere della propria malattia.
E' importante ricordare che l'hiv è solo un infezione, non un giudizio morale o una punizione legata a chi si è o a cosa si è fatto.
E' solo un virus che si trasmette in un determinato modo.
E' importante perdonare se stessi per aver contratto l'hiv e accettare che ora si sta vivendo con l'infezione.
Per molte persone è un processo lungo ed emotivamente doloroso che coinvolge nel profondo mettendo in discussione tutte le certezze fino a quel momento esistenti. Un processo che può ever bisogno di gruppi di supporto o di sostegno psicologico.
Vivere con l'HIV non è la fine del mondo, non è una condanna a morte. Restare in silenzio, nascondersi, annullarsi può solo servire a peggiorare la situazione, favorire la progressione della malattia e nutrire lo stigma.

Per combattere lo stigma si deve partire da se stessi, combattendo la propria paura, i propri fantasmi, il "proprio" stigma.
Prendendosi cura di sè, facendo gli esami regolarmente, ascoltando i consigli del medico, informandosi sulle terapie e chiedendo spiegazioni ogni volta che qualcosa non è chiaro, riportando gli eventuali effetti collaterali che si possono presentare, mettendo il medico al corrente di altre eventuali infezioni(epatiti, mst..) o problemi di salute(diabete, pressione alta, depressione...) che potrebbero diventare un'altra fonte di stigma.

Lo stigma affonda le sue radici nella paura e nell'ignoranza. Solo col buon senso e facendo valere i propri diritti si può fare qualcosa.




Uno studio inglese recente
Uno studio, condotto nell'East Side di Londra e pubblicato nell'edizione di dicembre 2007 di AIDS and Behaviour riporta che circa un terzo delle persone HIV+ hanno subito discriminazioni in relazione alla loro patologia. La cosa che più colpisce del dato è che metà delle persone che hanno parlato di discriminazione hanno affermato di averla ricevuta da parte di personale sanitario: dentisti, dottori e infermieri.
La maggioranza delle testimonianze di queste discriminazioni provengono dalle persone che da più tempo convivono col virus e che presentano anche "segni" dell'uso dei farmaci antiretrovirali(lipodistrofia)

Lo studio in questione è partito dalla distribuzione di un questionario da parte di ricercatori della London’s City University e del Centre for the Study of Sexual Health and HIV at Homerton University Hospital per determinare l'ampiezza del fenomeno discriminazione e per valutare se sono presenti altri fattori associati. E' stato condotto tra giugno 2004 e giugno 2005 in un gruppo di persone con HIV >18 anni.
Per stabilire i fattori associati alla discriminazione ai partecipanti è stato chiesto di aggiungere dettagli sulla loro età, sesso, etnia, orientamento sessuale, paese di nascita, stato civile ed eventuale situazione di immigrazione(regolare o irregolare). Inoltre sono stati chiesti particolari relativi alla situazione di sieropositività( da quanti anni, se prendevano terapie, se avevano esperienza di effetti collaterali o se pensavano che il loro corpo avesse subito mutamenti come conseguenza delle terapie) e alle preferenze sessuali per valutare se la discriminazione era legata a comportamenti sessuali a rischio. Su 2680 persone eleggibili ad essere inclusi nello studio solo 1687 hanno compilato e consegnato il questionario.

Risultati
758 gay bianchi, 480 donne africane etero, 224 uomini africani comprendevano l'87% del campione e sono stati inclusi nell'analisi. Sebbene il questionario sia stato anche riconsegnato da bianchi(uomini e donne)etero e pazienti di colore di altre etnie(anche asiatici)il loro numero era troppo esiguo per le analisi statistiche. Nell'analisi iniziale i gay hanno riportato maggiori discriminazioni rispetto alle donne di colore e agli uomini 34%vs28%vs21% p<0.001
La successiva analisi multivariata ha mostrato che il riportare una segnalazione di discriminazione subita in tutti e tre i gruppi era significativamente associato a più anni vissuti con l'hiv e all'evidenza dei segni sul corpo p<0.05 Dopo il controllo in base agli anni d'infezione i ricercatori hanno trovato che tutti e tre i gruppi sono stato discriminati per la condizione da hiv+ e non per altri fattori.
Alla domanda Da chi hai subito discriminazione hanno risposto in 403 anche se solo 54 hanno espressamente parlato di hiv nelle riposte. Poco meno della metà 49,6%ha parlato di discriminazioni subite da personale sanitario, (es rifiuto di cure da parte dei dentisti) seguito da discriminazioni da parte del datore di lavoro(es o perso l'opportunità di fare carriera perchè sono hiv+) e in ultimo da parte di familiari e/o amici(sono stato rifiutato dalla mia famiglia perchè hiv+). 72 persone hanno riportato episodi di discriminazioni da parte delle stesse fonti, ma non hanno nominato l'hiv. L'esperienza di discriminazione subita per HIV(dopo il controllo in base al numero di anni d'infezione e ai cambiamenti corporei) è stata significativamente associata con depressione e pensieri suicidi nei gay(p<0.05) e nelle donne di colore p=0.06. Non è stata trovata relazione tra discriminazione e adozione di comportamenti a rischio(sesso non protetto anale o vaginale)

Il commento dei ricercatori.
Circa un terzo delle persone con hiv prese in esame dal questionario sulla discriminazione raccolto tra il 2004 e il 2005 è stato discriminato a causa dell'hiv e non per altri fattori quali etnia, orientamento sessuale o genere. Di questo circa la metà ha riportato discriminazione da parte di personale sanitario. I ricercatori hanno anche tenuto conto delle limitazioni intrinseche allo studio, in quanto la difficoltà maggiore da parte di chi ha subito discriminazioni è proprio nell'avere il coraggio di parlarne(questo è già evidente nella ridotta partecipazione alla compilazione- su 2680 questionari, compilati solo 1687) ed inoltre non è stato neppure possibile valutare se le discriminazioni sono passate o sono attuali.
Inoltre il numero ridotto di partecipanti non ha reso possibile esaminare in modo più approfondito determinati gruppi di pazienti che, secondo i ricercatori, non possono non essere stati mai testimoni o protagonisti di eventi discriminatori.

Nonostante ciò tali risultati sono stati considerati determinanti perchè rappresentano l'ampia diffusione del fenomeno in un gruppo considerevole e vario di persone ed evidenziano come sia urgente , per il Dipartimento della Salute, intervenire implementando il suo piano d'azione per combattere la discriminazione correlata all'HIV che, ed è importante ricordarlo, nel Regno Unito è stata dichiarata illegale, come pubblicato nel 2001 nell'ambito della UK’s national HIV strategy e nel 2006 il governo inglese ha pubblicato una bozza del piano d'azione contro stigma e discriminazione relativa all'hiv.
Come parte di questo piano il
NAM , editore di aidsmap.com è stato commissionato dal dipartimento della salute per redigere un libretto informativo HIV STIGMA & YOU che potete scaricare a questo link
HIV STIGMA & YOU
Questo manuale sarà presto aggiornato e lo stesso NAM chiede agli utenti on line di partecipare con le proprie testimonianze tramite e-mail all'indirizzo: michael@nam.org.uk




E in Italia?
Il 25 settembre 2007 nell’Auditorium del Consiglio Regionale a Firenze è stato presentato il libro “Positivo scomodo. La prevenzione della discriminazione delle persone HIV positive” scritto per la maggior parte da operatori sanitari dell’Azienda USL 2 di Lucca,un’opera unica in Italia per gli argomenti trattati, così come purtroppo unica rimane in Italia l’esperienza della Regione Toscana in questo ambito.
Ma sono passati 25 anni dalla scoperta del virus, e c'è ancora bisogno, in ambito ospedaliero poi, di una pubblicazione sul come gestire le persone con HIV?
La risposta è SI.
Ancora oggi, senza nessuna giustificazione scientifica, ci sono persone sieropositive per l’HIV che subiscono discriminazioni ingiuste e intollerabili. Sebbene in Italia tali episodi siano molto meno gravi che nei paesi in via di sviluppo, non sono ancora del tutto debellati i pregiudizi che circondano questa malattia.
La discriminazione delle persone HIV positive o presunte tali è considerata dall’Alto Commissariato per i Diritti Umani dell’ONU come la prima causa di fallimento delle campagne di prevenzione della malattia.
Oggi per combattere l’AIDS dobbiamo prima sconfiggere i pregiudizi, lo stigma e la discriminazione che purtroppo ancora colpiscono le persone che hanno contratto l’HIV.


Come riportato precedentemente ci sono ancora casi di discriminazione in ambito ospedaliero(pubblico o privato) che non hanno ragione di esistere in quanto le procedure universali di ingiene e di prevenzione di malattie devono essere SEMPRE utilizzate e non sono a misura di persona con HIV, ma generali, a tutela di tutta la popolazione che accede alle cure.
Per questo motivo se viene usata la classica frase"non abbiamo l'attrezzatura per curare una persona con HIV" significa che la struttura in questione non è sicura o è comunque gestita da persone inaffidabili.
Evitarla accuratamente e sconsigliarla ad amici, parenti e conoscenti

Meglio informare sempre la direzione sanitaria di ospedali o strutture mediche in caso di comportamenti discriminatori, si può farlo direttamente o tramite le associazioni di pazienti

Stessa cosa per quel che riguarda eventuali problemi nell'ambiente di lavoro, mobbing o altro legato alla condizione di sieropositività


Non accettate mai lo stigma e la discriminazione come un fatto ineluttabile della vita con l'HIV


Alcune associazioni a cui rivolgersi(ne trovate altre consultando i Web Links del portale):

NPS Italia ONLUS

Via E. Tazzoli, 11 - CAP 20154 - Milano

Tel. 02 36565535- Fax +39 02 36565502

segreteria- nazionale@npsitalia.net

servizio legale- legale@npsitalia.net



Associazione Nadir Onlus

Via Panama 88, 00198 Roma - C.F.: 96361480583 - P. IVA: 07478531002

email: redazione@nadironlus.org



LILA lega italiana per la lotta contro l'aids

C.so Regina Margherita 190e - 10152 Torino-Tel. 0039/011/4310922 Fax 0039/011/5217552

Segreteria Marina Pierini - m.pierini@lila.it








Fonti:Studio inglese da Aidsmap.com

Elford J et al. HIV-related discrimination reported by people living with HIV in London, UK. AIDS and Behaviour (in press), 2008.
In Italia?- tratto da Lo schermo.it
per Presentazione Positivo Scomodo

Adattamento e traduzioni a cura di Silvia Bandini per Poloinformativohiv

Copyright © by Poloinformativo hiv aids
Tutti i diritti riservati.

Autore: silvia - Pubblicato il: 2007-12-08 (16861 letture)

[ Indietro ]
Opzioni

Pagina Stampabile Esporta in PDF Invia ad un Amico
Content ©
Poloinformativo HIV in ENGLISH

Translate in english

Cerca in tutto il sito
Login Utenti
Nickname

Password

Codice di Sicurezza: Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.
SHE Program

Vai sul sito

Click!

Aderenza in 4 A

Aderenza in 4A

Click!

Polo Partners


Movimento Omosessuale Sardo



Gruppo Sport Benessere Disabilita



Network Italiano di Persone con hiv



Motore d'informazioni del Servizio Sanitario Regionale



Pagine HIV AUSL Ravenna



Niccky blog



Ragazzi della Panchina



La Nuova Alba



Gay Help Line



Idee giovani contro l'HIV



AIDS Rafforziamo le difese



www.piccolipassi.info - Forum di esperienze personali su Linfoadenopatie, Paragangliomi, Linfomi Hodgkin e non Hodgkin e relativi protocolli di cura.
www.piccolipassi.info
Succ 3 Eventi
Agosto 2014
  1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31


05/09/14 - 08/09/14
ICAAC 2014
congressi HIV nazionali
congressi HIV europei
corsi e workshop
congressi HIV extraeuropei
mostre cinema e teatro
dipendenze
congressi HCV-HBV nazionali
congressi HCV-HBV europei
gruppi Autoaiuto
congressi HCV-HBV extraeuropei
eventi e incontri
seminari e convegni
concorsi
Aggiungi ai Feed

Feed rss Feed rss News

Feed rss Feed rss Eventi

Feed rss Feed rss Downloads

Feed rss Feed rss Links

Feed rss Feed rss Forums
Vecchi articoli
Giovedì, 17 luglio
· Per l’Onu “entro il 2030 sarà possibile fermare l’epidemia del virus Hiv
Martedì, 15 luglio
· Vaccino anti Aids: parla Barbara Ensoli
Lunedì, 14 luglio
· Bms arriva per prima (in Giappone) con un regime interferon free per genotipo 1
Sabato, 12 luglio
· Il virus ritorna nella bambina “guarita”
· Rabbia e delusione per il rinvio delle trattative Aifa-Gilead per Sovaldi
Domenica, 06 luglio
· Vaccino anti-AIDS: verso le fasi finali della ricerca
Giovedì, 03 luglio
· Hiv "scomparso" in tre bambini grazie a un farmaco
Lunedì, 30 giugno
· CHMP: parere favorevole a compressa singola Abacavir - Lamivudina - Dolutegravir
Sabato, 28 giugno
· Invecchiare con Hiv: un problema sociale
Mercoledì, 25 giugno
· Il telefono verde Aids compie 27 anni

Articoli Vecchi
Meteo

Previsioni Italia
 
Immagini Satellite
 
Previsioni Città
HOME PAGE | FORUM | FAQ | ARGOMENTI | SEZIONI |CONTENUTI | DOWNLOADS | ACCOUNT | CONTATTI | MAPPA DEL SITO

Valid HTML 4.01! Valid CSS!No Spam!RSS valid!

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I post sul forum e i commenti sono di proprietà e sotto la responsabilità di chi li inserisce.
Puoi vedere le nostre news tramite il file backend.php o ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license
Versione italiana a cura di Weblord.it.
© Weblord Design