Home Dipendenze Alcol

Alcol

di Luca Negri

AlcolL’alcol è una sostanza legale ed ha una lunga tradizione nella nostra tavola. Il fatto di essere socialmente accettata e facilmente accessibile, può far sottovalutare l’impatto che ha sull’organismo in caso di abuso.
E’ il prodotto risultante dalla fermentazione di zuccheri o amidi di origine vegetale(uva, luppolo, malto, ecc.). Il contenuto di alcool etilico che è il principio attivo varia dal 9 a 14% per il vino, dal 3 al 9% per la birra e altre bibite alcoliche, dal 20 al 30% per i liquori, dal 40 al 50% e oltre per whisky e altri superalcolici.

Effetti ricercati
Bevendo si riducono le tensioni e le inibizioni, aumenta la confidenza verso gli altri e la fiducia in se stessi, aumentano le capacità comunicative e di socializzazione, aumenta l’allegria e la voglia di ridere e diminuiscono ansie e paure.
Un uso moderato (in termini di quantità e di frequenza del consumo)nelle persone senza particolari patologie(es. problemi epatici) non costituisce fonte di rischio.

Effetti collaterali
L’abuso di alcool provoca dipendenza sia fisica che psichica.
Provoca danni al sistema nervoso incidendo sulla coordinazione motoria, sui sensi e sulle capacità verbali.
Favorisce comportamenti aggressivi e violenti.
Aumenta la depressione e la tristezza soprattutto in coloro che già ne soffrono
Provoca cancellazione temporanea (in alcuni casi permanente)della memoria
A medio-lungo termine provoca danni al sistema digerente soprattutto fegato e pancreas, al sistema cardiocircolatorio e all’apparato genitale.

Annotazioni particolari
La diminuzione delle inibizioni data dall’alcol può impedire di considerare rischiosi i rapporti sessuali non protetti.
L’alterazione della percezione e del tempo di reazione sono estremamente rischiose nella guida di qualsiasi veicolo.
L’alcol può causare disidratazione, quindi una buona idratazione con acqua aiuta il corpo ad affrontare l’alcol assunto. Il caffè invece aumenta la pressione sanguigna e concorre nella disidratazione del corpo.
In caso di coinfezione con epatiti o in presenza di malattia epatica l’uso e non solo l’abuso di alcol sono da evitare.

Interazioni con la terapia antiretrovirale
L’abuso alcolico ha conseguenze negative sull’aderenza al trattamento antiretrovirale perchè influisce sulla memoria e può far dimenticare l’assunzione dei farmaci o gli orari.
Riguardo agli NRTI l’uso di alcol in terapia con abacavir (Ziagen) comporta un aumento del 40% della concentrazione di abacavir aumentandone la tossicità.
L’abuso alcolico in presenza di un regime contenente nevirapina(Viramune) può aumentare l’epatotossicità della nevirapina, in modo particolare se vi è la coinfezione con virus epatitici.
Il consumo cronico di alcol può alterare la metabolizzazione epatica degli Inibitori della Proteasi,  degli Inibitori Non Neuclosidici della Trascrittasi Inversa e di elvitegravir/cobicistat riducendone le concentrazioni ematiche, quindi gli effetti antivirali.

Disulfiram(Antabuse)
La co-somministrazione di farmaci sostitutivi per la dipendenza da alcol e della cART rende opportuna una stretta collaborazione tra i Ser.T. e i medici infettivologi.
Il farmaco Antabuse utilizzato per il trattamento dell’alcolismo, metabolizzato a livello epatico (ma non dal CYP450) e mediato dall’enzima alcol-deidrogenasi, può provocare reazioni anche gravi con le formulazioni in soluzione orale dei farmaci antiretrovirali che contengono alcol (Norvir, Kaletra) e con le capsule di Aptivus(tipranavir- che contiene etanolo come eccipiente), per cui non può essere associato a formulazioni alcoliche di farmaci antiretrovirali. L’effetto collaterale dato dall’antabuse consiste in rossore, cefalea pulsoria, nausea, vomito, sudorazione, palpitazione, ipotensione e confusione. Tale sintomatologia può protrarsi per 30 minuti circa nei casi lievi o per diverse ore in quelle gravi.

Per le interazioni degli antiretrovirali con Alcover (Gamma-Idrossibutirrato GHB) si rimanda alle pagina specifica.

Consultare le tabelle di hiv-druginteractions.org per ulteriori aggiornamenti Riguardo le interazioni con Disulfiram che non è incluso in tabelle specifiche per le sostanze, cercare nelle singole tabelle relative alle varie classi di farmaci antiretrovirali alla voce ‘other’ (altro)

Bibliografia delle interazioni
-Commissione Nazionale per la lotta contro l’AIDS- Comitato Scientifico di Progetto del Centro Nazionale per la Prevenzione e il controllo delle malattie. Aggiornamento sulle conoscenze in tema di terapia
– McDowell JA, Chittick GE, Stevens CP, Edwards KD, Stein DS.Pharmacokinetic interaction of abacavir (1592U89) and ethanol in human immunodeficiency virus-infected adults. Antimicrob Agents Chemother
2000; 44:1686–1690.
– Trivedi CD, Pitchumoni CS. Drug-induced pancreatitis: an update. J Clin Gastroenterol 2005; 39:709–716.
– Bruce RD, Altice FL, Friedland GH. Pharmacokinetic drug interactions between drugs of abuse and antiretroviral medications: implications and management for clinical practice.Exp Rev Clin Pharm 2008; 1:115–
127.

Scheda sull’alcol
Su Gentile concessione del U.O. Dip.Dipendenze Patologiche U.O.SERT di Faenza

Ultimo aggiornamento 2014

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più