Aperto il primo Check Point HIV Napoli

Centri test HIV in Italia

NPS Italia Onlus annuncia l’apertura del Check Point HIV Napoli sulla città metropolitana! Il primo Check Point di tutto il sud Italia ha aperto i battenti il giorno 4 agosto 2020 per andare incontro alle esigenze socio sanitarie del territorio napoletano orientate a contenere la possibilità di nuove infezioni da Hiv offrendo i supporti necessari per affrontare consapevolmente la tutela della salute delle persone e promuovere strategie di prevenzione della diffusione dell’Hiv e della infezioni sessualmente trasmissibili.

Il servizio sarà attivo tutti i martedì e i giovedì dalle ore 16 alle ore 19. La gestione sarà dei volontari di NPS sezione Campania presso la sede di Arcigay Napoli -circolo Antinoo – sita in vico san Geronimo 17, nel cuore di Napoli, a suggellare ancor più fortemente la partnership che questo progetto già contiene nella sua organizzazione.

Il servizio comprenderà test capillare Hiv e sifilide community based e con la presenza di medico e psicologo, nonché lo sportello informazioni su PrEP, PEP e IST in un ambiente protetto e friendly che garantisca allo stesso tempo la connessione con le strutture ospedaliere della città, in caso di necessità. Dobbiamo anche confessare che il ritardo nell partenza con questo progetto non è stato solo colpa dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ma anche di un’ altra emergenza quella dell’ignoranza che abbiamo riscontrato in alcuni ambiti del territorio che hanno ostacolato il naturale percorso delle attività.

Per eventuali contatti e/o prenotazioni c’è il numero 370 1556589, la mail: nps.cam@npsitalia.net, i social di www.npsitalia.net

Il progetto vede il supporto anche del comune di Napoli e della Federazione dei Medici di medicina generale di Napoli, che ringraziamo per il supporto offerto in questa situazione complessa. Inoltre il progetto è integralmente finanziato dal Fellowship programma 2018 di Gilead.

Fonte: NPS Italia Onlus

Related posts

L’HIV PrEP previene anche l’epatite B e funziona meglio del vaccino contro l’epatite B.

Difficoltà di diagnosi HIV per chi assume la prep nelle prime fasi dell’infezione; rischio di farmacoresistenze se l’uso della PrEP è prolungato

Studio sulla PEP nei primati: due somministrazioni sufficienti per la protezione