Campagna HIV: le persone sieropositive che assumono la terapia non trasmettono il virus attraverso il sesso

www.lovelife.ch

Sesso e persone sieropositive: dalla Francia una campagna che sfata vecchie paure sull’HIV.
Alla vigilia della Giornata mondiale di lotta contro l’AIDS l’associazione francese AIDES, promuove il messaggio oggetto della campagna Révelation cioè che:

Le persone sieropositive sotto trattamento farmacologico non trasmettono il virus attraverso il sesso.

Si tratta di informazioni ampiamente provate scientificamente, ma sicuramente non ancora recepite a livello sociale.  I farmaci antiretrovirali sono ormai così efficaci che rendono il virus non rilevabili nel sangue e fluidi sessuali delle persone sieropositive. Le persone con HIV non potranno quindi trasmettere più l’HIV , anche in caso di rapporti sessuali non protetti.

“E ‘nostra responsabilità di comunicare queste informazioni al maggior numero di persone possibili”, spiega Aurélien Beaucamp, presidente della associazione fracese AIDES. “Per ora pesa più la qualità della vita delle persone con HIV, non il virus. Queste sono le discriminazioni quotidiane che subiscono “.
Una notevole divario rimane in vigore tra il progresso terapeutico e la percezione sociale del virus HIV.

In Francia, l’86% delle persone in screening e trattate con HIV hanno la carica virale non rilevabile. Così sono in buona salute e non contagiosi. Eppure le reazioni di rigetto della sfera emotiva e sessuale sono particolarmente importanti. Secondo il nostro ultimo sondaggio HIV, epatite svolto a marzo 2016, il 49,1% dei casi segnalati di discriminazione si verifica nel contesto sessuale.”

Tale discriminazione  colpisce l’intimità delle persone in modo estremamente violento.

“La paura del rifiuto impedisce a molte persone di avere rapporti emotivi o sessuali, non hanno più il coraggio di parlare della loro malattia, evitano di assumere i loro farmaci in pubblico. Quindi, queste situazioni li bloccano in una forma di auto-esclusione, che è particolarmente dannosa per la qualità della vita e la loro capacità di prendersi cura della loro salute”, dice Aurélien Beaucamp.

Da quì la campagna attraverso una serie di fotografie che ritraggono insegnanti di sport e maestri d’arte che fanno l’amore, senza alcuna protezione, con i loro allievi. Scatti metaforici per rimarcare, come recita lo slogan della campagna, che chi ha l’HIV e segue un trattamento antiretrovirale, può trasmettere tutto agli altri, passioni e saperi, ma non di certo il virus.

Guarda la gallery:

Fonte: aides.org

Canale info: west-info.eu

Related posts

Sei super come sei è la nuova campagna nazionale di Aiuto Aids Svizzero.

HIV ai Tempi del Silenzio: un sito e un podcast per parlare di AIDS

Primo dicembre Anlaids Macerata