CO-INFEZIONE DA COVID-19 E EPATITE DASHBOARD DATI

CO-INFEZIONE DA COVID-19 E EPATITE
DASHBOARD DATI

Cari colleghi,
In seguito al successo del “Dashboard” dei dati della NEAT ID Foundation per monitorare i progressi di COVID-19 E EPATITE nei pazienti con infezione da HIV in Europa, NEAT ID sta creando un Dashboard per la comunità dell’epatite e vi invita a contribuire a questa iniziativa.

Il Dashboard mostrerà a livello europeo e nazionale il numero di casi segnalati a NEAT ID con co-infezione COVID-19 e epatite B e C, il numero di ricoveri e il numero di decessi. Un link per la registrazione sarà disponibile anche su www.NEAT-ID.org se desideri fare riferimento ad esso o caricare i tuoi dati una volta registrati. I dati delle singole cliniche verranno visualizzati solo dal sito di invio e saranno protetti da password e sicurezza.

Il database sarà “in tempo reale” e ti chiediamo di aggiornarlo su base settimanale. Sarai anche in grado di aggiungere dati in modo retrospettivo per le settimane precedenti. Apprezziamo il tempo prezioso e abbiamo sviluppato un processo di input incredibilmente semplice. Per partecipare, fai clic sul link in basso dove ti verrà chiesto di inviare quanto segue:
Il tuo nome, e-mail, nome del sito, città e paese. Risponderemo con i dettagli di accesso al tuo sito individuale entro 48 ore.

Nelle prossime settimane NEAT ID svilupperà un protocollo per uno studio clinico che esamina i risultati, le terapie utilizzate e altri dati essenziali relativi allo stato di avanzamento del COVID-19 nei pazienti con infezione da epatite. Ti sto anche chiedendo di tenere un registro di questi pazienti in modo che tu possa prendere parte a questo studio.

Apprezzo che questo sia arrivato in un momento di grande difficoltà, ma contiamo sul vostro supporto.

Cordiali saluti,
Jürgen Rockstroh

Related posts

Nessun aumento del rischio di diabete con inibitori dell’integrasi nelle persone che iniziano il trattamento per l’HIV

Da Nadir Onlus: ALLERTA soprattutto nei Paesi dell’Africa sub-sahariana

Da un giovane all’altro: dobbiamo prendere sul serio la pandemia di coronavirus