Eventi e congressi

Calendario Congressi di tutti i più importanti Eventi in Italia, in Europa e nel mondo che trattano di HIV AIDS ed epatiti. Report tradotti in italiano degli Eventi più importanti.

Calendario Congressi aggiornato da Poloinformativo HIV AIDS.
Chi volesse collaborare col sito ed inviarci segnalazioni di eventi o congressi può scrivere a:
redazione@poloinformativohiv.info

Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
1
  • 1° dicembre: il Colosseo si tinge di rosso
    08:00 -23:00
    December 1, 2019Europe/Rome

    Colosseo, Piazza del Colosseo, 00184 Roma RM, Italia

    Colosseo, Piazza del Colosseo, 00184 Roma RM, Italia

    Da NPS Lazio: per il 1° dicembre, giornata mondiale di lotta all’AIDS, a Roma il nostro amato Colosseo si tingerà di rosso!

  • 1° dicembre 2019 : U=U la vera rivoluzione per sconfiggere lo stigma
    18:00 -22:00
    December 1, 2019Europe/Rome

    Via Tazzoli, 6, 20028 San Vittore Olona MI, Italia

    Via Tazzoli, 6, 20028 San Vittore Olona MI, Italia

    NPS Lombardia In occasione del 1° dicembre 2019, Giornata mondiale per la lotta contro l’AIDS, ASA Associazione Solidarietà AIDS e Arcigay Milano, con il patrocinio di ASST Regione Lombardia, Milano Milano Checkpoint e la partnership di  Fast Track Cities Milano Ferma l’AIDS, organizzano un evento in 10 Corso Como Tazzoli, per ribadire l’impegno contro lo stigma e il pregiudizio che ancora oggi colpisce la persone con HIV.

    Per questa speciale iniziativa, che sarà affidata alla conduzione di Fabio Marelli speaker di Disco Radio, testimonial d’eccezione sono Fabrizio Sclavi e il Dj Claudio De Tullio.

    Anche quest’anno vi è un grande progetto che sarà illustrato dall’ideatore Marco Gucciardi, art director di fama internazionale, che ha coinvolto alcune agenzie internazionali di comunicazione per sviluppare una proposta creativa sul tema U=U: Undetectable=Untransmittable. Il primo dicembre verrà presentata l’idea creativa vincente.

    Durante l’evento verrà proiettato il video di Andrew Quinn, noto videomaker australiano, che ha ideato uno spettacolare ed emozionante show interattivo dal titolo “IN QUILT” Interactive Audio Visual Installation, nato per celebrare Le Coperte dei Nomi che ASA raccoglie dal 1989. La collezione italiana di AIDS Memorial Quilts o Coperte dei Nomi, considerata la più grande opera artistica collettiva al mondo, è stata in parte digitalizzata grazie alle tecnologie messe a disposizione dal team di Google Arts & Culture. Da giugno 2019 Le Coperte dei Nomi sono fruibili da tutti in qualsiasi momento sul sito Google Arts & Culture.

    Programma 

    Domenica 1°dicembre, dalle ore 18.30 alle ore 22.30 in “10 Corso Como Tazzoli”, via Tazzoli 3.

    Ore 18.30 Fabio Marelli, speaker di Discoradio, introduce i protagonisti.

    Ore 20.00 Massimo Cernuschi, presidente di ASA, racconta la rivoluzione U=U

    Ore 20.30 Marco Gucciardi illustra il Progetto Creativo per U=U

    Ore 21.00 Lettura Nomi della Coperta dei Nomi

    Ore 21.30- 22.30 drink & dance con DJ Set di Claudio De Tullio

2
3
4
  • Apriamo alla salute globale, fermiamo l’Aids
    17:00 -20:00
    December 4, 2019Europe/Rome

    Via delle Rosine, 18, 10123 Torino TO, Italia

    Via delle Rosine, 18, 10123 Torino TO, Italia

    La giornata internazionale di lotta all’AIDS, introdotta per la prima volta nel 1988, si celebra il 1° dicembre di ogni anno e rappresenta una importante occasione per dimostrare l’importanza della lotta contro questa grave epidemia e della solidarietà necessaria per combatterla.

    Nonostante il virus Hiv sia stata identificato per la prima volta nel 1984, ancora oggi nel mondo circa 320 bambine/i e adolescenti muoiono ogni giorno per cause legate all’AIDS13 bambine/i muoiono ogni ora, secondo il rapporto di sintesi su HIV-AIDS e infanzia lanciato nel mese di novembre 2019 dall’UNICEF.

    Vedi il video della campagna su You Tube

    Mercoledì 4 dicembre, il Network Italiano Salute Globale e il CCM – Comitato Collaborazione Medica, in collaborazione con CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, promuovono una tavola rotonda dal titolo “Apriamo alla salute globale, fermiamo l’Aids”, per analizzare la situazione mondiale nella lotta all’AIDS, approfondendo le linee guida e le azioni condivise, con un focus mirato su Italia e Africa.

    Intervengono alla tavola rotonda:

    Saba Anglana, Testimonial del Network

    Margherita Busso Responsabile ambulatorio immigrati – Ospedale Amedeo di Savoia

    Stefano Patrucco, Arcobaleno Aids

    Giancarlo Orofino Infettivologo – Ospedale Amedeo di Savoia

    Alberto Granata, Photoreporter

    Apriranno l’incontro, aperto al pubblico, Stefania Burbo, focal point del Network italiano Salute Globale, Ugo Marchisio, Presidente CCM e Marilena Bertini, Past President CCM.

     

    Tra i relatori Stefano Patrucco, attivista di Associazione Arcobaleno AIDS, racconterà la nascita dell’associazione, fondata a Torino all’inizio degli anni ’90 da un gruppo di auto-aiuto che riuniva persone sieropositive o malate di AIDS, loro familiari, medici, infermieri, psicologi, e alcune storie dell’esperienza diretta di pazienti affetti dalla malattia. Giancarlo Orofino, infettivologo presso l’ospedale Amedeo di Savoia di Torino e vicepresidente dell’Associazione Arcobaleno AIDS, interverrà su “HIV e AIDS: la situazione in Italia”. Margherita Busso, Responsabile ambulatorio immigrati – dell’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino, offrirà ai partecipanti uno sguardo generale su “Prevenzione e incidenza HIV/AIDS nei migranti”.

     

    “Disuguaglianze di genere e discriminazioni nei confronti delle persone vulnerabili fanno sì che le ragazze e le giovani donne nell’Africa subsahariana abbiano il doppio delle probabilità di contrarre il virus rispetto agli uomini della stessa età, nei paesi colpiti più duramente dall’epidemia la probabilità è addirittura sei volte più alta – afferma Stefania Burbo del Network italiano Salute Globale –  La comunità internazionale si è impegnata a porre fine alle epidemie, fra cui l’Aids, entro il 2030 nell’ambito dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Il nostro paese deve continuare a rimanere tra i maggiori sostenitori del diritto alla salute, attraverso il sostegno al Fondo Globale per la lotta contro Aids, tubercolosi e malaria, che ha recentemente incrementato e tramite gli altri canali della cooperazione internazionale”.

     

    A testimoniare l’importanza dell’impegno della società civile, Saba Anglana, attrice e cantautrice da tempo in prima linea a fianco dei diritti umani, e Alberto Granata, photoreporter che ha lavorato con Unicef, Medici Senza Frontiere, Anlaids Italia.

     

     

    La partecipazione alla tavola rotonda è libera e gratuita

     

     

     

    NETWORK ITALIANO SALUTE GLOBALE

    Il Network è una rete di 10 organizzazioni della società civile

    impegnate per il diritto alla salute globale per tutte e tutti.

    Il Network mira a contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, con particolare attenzione ai temi connessi al diritto alla salute.

     

    CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

    Un centro espositivo per la fotografia italiana e internazionale.
    Un centro per l’educazione all’immagine, con incontri, laboratori, workshop.
    Un centro di studio per la valorizzazione del patrimonio fotografico.

     

    CCM COMITATO COLLABORAZIONE MEDICA

    Il CCM è una ONG nata a Torino nel 1968. Da oltre 50 anni il CCM contribuisce concretamente a migliorare la salute delle persone più deboli, in Africa e in Italia, portando competenze, cure e assistenza nei contesti umani più isolati sia dal punto di vista geografico che sociale

5
6
7
8
9
10
  • A Milano: OLTRE LE LINEE GUIDA NEL PERCORSO DEL PAZIENTE HIV
    09:00 -22:00
    December 10, 2019Europe/Rome

    Piazza Luigi di Savoia, 6, 20124 Milano MI, Italia

    Piazza Luigi di Savoia, 6, 20124 Milano MI, Italia

    MILANO 10 DIC 2019 CON IL PATROCINIO DI HOTEL MICHELANGELO Piazza Luigi di Savoia, 6 – 20124 Milano

    Il controllo della carica virale e il ripristino immunologico, che si ottengono con le at-tuali terapie antiretrovirali, contribuiscono in misura determinante ad incrementare l’aspettativa di vita del paziente con infezione da HIV, fino ad una sopravvivenza che si avvicina molto a quella della popolazione generale di pari età.

    Rischio cardiovascolare, diabete mellito, fragilità ossea, danno renale, disturbi neuro-logici e psichiatrici, patologia respiratoria ed altri ancora sono di più frequente riscon-tro rispetto al passato nella popolazione infetta, anche a causa dell’effetto di HIV, che attiva e accelera i processi infiammatori cronici, con conseguente aumento di eventi non-HIV correlati.

    È quindi tempo di cambiare prospettiva nell’approccio terapeutico, per rispondere alle esigenze di una popolazione di pazienti che invecchia e si trova ad affrontare nuovi problemi e patologie, legati alla gestione a lungo termine della propria malattia, co-morbosità che spesso hanno un peso anche maggiore della stessa infezione da HIV. Diventa quindi prioritario andare oltre il semplice controllo della carica virale di HIV, cercando di conciliare l’aspettativa di salute della popolazione con le risorse disponibi-li.

    La presa in carico del paziente diventa il punto di partenza per attuare un controllo sull’infezione da HIV e dare delle risposte di sostenibilità al sistema.Accanto alla spesa farmacologica per le terapie occorre dunque pensare ai costi delle comorbidità, e attuare una presa in carico “totale” del paziente HIV ed una governance delle cronicità, attraverso un nuovo management di una malattia che assorbe risorse economiche rilevanti.

    L’obiettivo del Corso sarà creare la Good Clinical Practice in 4 differenti setting del pa-ziente HIV che possano guidare le scelte e procedure cercando comunque di garantire il costante allineamento con le molteplici situazioni dei singoli centri. Il tutto sarà poi erogato e gestito con l’ausilio delle nuove tecnologie multimediali a garanzia di un elevato take home mesages dei contenuti scientifici.L’approccio multidisciplinare vuole facilitare lo scambio di informazioni, il confronto e la reciproca comprensione delle problematiche, nell’interesse di cura del paziente.

    Fonte: simit

11
12
  • 14th HIV Transmission 2019
    08:00 -22:00
    December 12, 2019-December 13, 2019Europe/Rome

    S Washington St & Court House Sq, Rockville, MD 20850, Stati Uniti

    S Washington St & Court House Sq, Rockville, MD 20850, Stati Uniti

    14th International Workshop on HIV Transmission

    The 14th International Workshop on HIV Transmission is scheduled to take place on 12 – 13 December 2019 in the United States.

    Over the years, advances in HIV treatment have led to an enhanced understanding of the virus and improved care of HIV infected patients. However, our insights into the spread of the HIV virus remain limited. A more extensive exchange of knowledge on the various aspects of HIV transmission provides important perspectives for a better approach to the epidemic. For this purpose, an integrated forum was set up in 2006 to reveal perspectives of experts from different fields, enabling discussion on all relevant mechanisms of HIV transmission. Since then the annual Transmission Workshops are valuable to those specialized (or specializing) in HIV transmission.

    The main objective of this meeting is to provide a forum for basic scientists, clinicians, virologists, epidemiologists and public health officials to present and to discuss the various aspects of the transmission of HIV. The ultimate goal of the meeting is the integration of efforts from all relevant disciplines in order to constrain the spread of (drug-resistant) HIV. We are sure the present workshop will help to achieve this goal.

    Meeting Materials

    The 2018 meeting materials including the abstract book and presentations are available here.

  • EMILIA ROMAGNA: INFETTIVOLOGIA A CONFRONTO
    09:00 -22:00
    December 12, 2019Europe/Rome

    Via del Pozzo, 71, 41125 Modena MO, Italia

    Via del Pozzo, 71, 41125 Modena MO, Italia

    Modena 12 Dicembre 2019Aula CS0.2 Centro Servizi Didattici Policlinico di Modena

    Responsabile Scientifi co Marianna MeschiariClinica delle Malattie Infettive e Tropicali dell’Università di Modena e Reggio Emilia Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico di Modena

    Informazioni generali

    SedeAula CS0.2 Centro Servizi Didattici Policlinico di Modena – via del Pozzo, 71, situato a lato della via Emilia in direzione Bologna. Come arrivare alla Sede del CongressoIn treno: dalla stazione ferroviaria fi lobus n. 7. In auto: se si arriva con l’autostrada A1 da Sud, uscita Modena Sud e dirigersi verso Modena, attraversando le località S. Donnino e S. Damaso; proseguire verso il centro città sempre dritto fi no a una svolta a destra obbligatoria che porta in via del Pozzo;- se si arriva da Bologna per la via Emilia, si trovano le indicazioni per il Policlinico;- se si giunge da Nord, uscire a Modena Nord, prendere la tangenziale in direzione Bologna e percorrerla fi no all’uscita 4 (Policlinico), poi seguire le indicazioni.IscrizioniLa partecipazione è gratuita previa registrazione sul sito www.progettomeeting.itCancellazioniIn caso di rinuncia si prega darne comunicazione a Progetto Meeting.ECMConsorzio MED3 – ID N. 34 ID Evento: 277854 – Crediti formativi n. 6 per professione: Medico Chirurgo (tutte le discipline).Obiettivo formativo n. 18 – Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifi ci di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere. Gli specialisti afferenti ad altre discipline non avranno diritto ai crediti ECM. Èobbligatoria la partecipazione al 100% dei lavori e almeno il 75% delle risposte corrette del questionario di valutazione dell’apprendimento. Gli attestati ECM verranno inviati via e-mail dopo il convegno dal provider MED3 dopo aver effettuato le opportune verifi che.Segreteria Organizzativa Progetto Meeting s.n.c.Via De’ Mattuiani, 4 – 40124 BolognaTel. 051 585792 – info@progettomeeting.it

    Fonte: simit.it

  • Le sfide infettivologiche in Calabria
    09:00 -22:00
    December 12, 2019-December 14, 2019Europe/Rome

    Via Panebianco, 293, 87100 Cosenza CS, Italia

    Via Panebianco, 293, 87100 Cosenza CS, Italia

  • A Padova: OLTRE LE LINEE GUIDA NEL PERCORSO DEL PAZIENTE HIV
    10:00 -22:00
    December 12, 2019Europe/Rome

    Corso Argentina, 5, 35129 Padova PD, Italia

    Corso Argentina, 5, 35129 Padova PD, Italia

    Il controllo della carica virale e il ripristino immunologico, che si ottengono con le at-tuali terapie antiretrovirali, contribuiscono in misura determinante ad incrementare l’aspettativa di vita del paziente con infezione da HIV, fino ad una sopravvivenza che si avvicina molto a quella della popolazione generale di pari età.

    Rischio cardiovascolare, diabete mellito, fragilità ossea, danno renale, disturbi neuro-logici e psichiatrici, patologia respiratoria ed altri ancora sono di più frequente riscon-tro rispetto al passato nella popolazione infetta, anche a causa dell’effetto di HIV, che attiva e accelera i processi infiammatori cronici, con conseguente aumento di eventi non-HIV correlati.

    È quindi tempo di cambiare prospettiva nell’approccio terapeutico, per rispondere alle esigenze di una popolazione di pazienti che invecchia e si trova ad affrontare nuovi problemi e patologie, legati alla gestione a lungo termine della propria malattia, co-morbosità che spesso hanno un peso anche maggiore della stessa infezione da HIV. Diventa quindi prioritario andare oltre il semplice controllo della carica virale di HIV, cercando di conciliare l’aspettativa di salute della popolazione con le risorse disponibi-li.

    La presa in carico del paziente diventa il punto di partenza per attuare un controllo sull’infezione da HIV e dare delle risposte di sostenibilità al sistema.Accanto alla spesa farmacologica per le terapie occorre dunque pensare ai costi delle comorbidità, e attuare una presa in carico “totale” del paziente HIV ed una governance delle cronicità, attraverso un nuovo management di una malattia che assorbe risorse economiche rilevanti. L’obiettivo del Corso sarà creare la Good Clinical Practice in 4 differenti setting del pa-ziente HIV che possano guidare le scelte e procedure cercando comunque di garantire il costante allineamento con le molteplici situazioni dei singoli centri. Il tutto sarà poi erogato e gestito con l’ausilio delle nuove tecnologie multimediali a garanzia di un elevato take home mesages dei contenuti scientifici.L’approccio multidisciplinare vuole facilitare lo scambio di informazioni, il confronto e la reciproca comprensione delle problematiche, nell’interesse di cura del paziente.

13
  • 14th HIV Transmission 2019
    08:00 -22:00
    December 13, 2019-December 13, 2019Europe/Rome

    S Washington St & Court House Sq, Rockville, MD 20850, Stati Uniti

    S Washington St & Court House Sq, Rockville, MD 20850, Stati Uniti

    14th International Workshop on HIV Transmission

    The 14th International Workshop on HIV Transmission is scheduled to take place on 12 – 13 December 2019 in the United States.

    Over the years, advances in HIV treatment have led to an enhanced understanding of the virus and improved care of HIV infected patients. However, our insights into the spread of the HIV virus remain limited. A more extensive exchange of knowledge on the various aspects of HIV transmission provides important perspectives for a better approach to the epidemic. For this purpose, an integrated forum was set up in 2006 to reveal perspectives of experts from different fields, enabling discussion on all relevant mechanisms of HIV transmission. Since then the annual Transmission Workshops are valuable to those specialized (or specializing) in HIV transmission.

    The main objective of this meeting is to provide a forum for basic scientists, clinicians, virologists, epidemiologists and public health officials to present and to discuss the various aspects of the transmission of HIV. The ultimate goal of the meeting is the integration of efforts from all relevant disciplines in order to constrain the spread of (drug-resistant) HIV. We are sure the present workshop will help to achieve this goal.

    Meeting Materials

    The 2018 meeting materials including the abstract book and presentations are available here.

  • Le sfide infettivologiche in Calabria
    09:00 -22:00
    December 13, 2019-December 14, 2019Europe/Rome

    Via Panebianco, 293, 87100 Cosenza CS, Italia

    Via Panebianco, 293, 87100 Cosenza CS, Italia

14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Gennaio
Gennaio
Gennaio
Gennaio