I nuovi NNRTI funzionano anche con aderenza non ottimale

Alcuni nuovi regimi di trattamento contro l’HIV consentono di raggiungere la soppressione virale anche con tassi di aderenza dell’ 85%, secondo i ricercatori dello studio US Veteran Aging Cohort Study pubblicato nell’ edizione on line del Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes.

 

 

Gli autori hanno monitorato le tendenze di aderenza e soppressione della carica virale tra il 2001 e il 2010. Sia aderenza che tassi di soppressione virale risultano migliorate nel corso degli anni. Inoltre, un aumento significativo del tasso di soppressione virale è stata osservato tra i pazienti che assumevano una terapia basata su un inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa (NNRTI) anche senza una perfetta aderenza.

“I nostri dati suggeriscono che i livelli di aderenza inferiore al 95% possono essere sufficienti per la soppressione virale con le nuove formulazioni NNRTI “, hanno affermato gli autori. “un 85-89% di adesione a regimi basati su NNRTI può essere sufficiente per la soppressione virale.”

L’obiettivo della terapia HIV è ottenere una carica virale non rilevabile. La percentuale di pazienti che hanno raggiunto la soppressione virale (definita in questo studio, come carica virale inferiore a 400 copie / ml) è aumentata notevolmente negli ultimi anni. Ciò è dovuto in parte al miglioramento dei farmaci antiretrovirali: quelli moderni hanno un buon profilo di sicurezza e la maggior parte ha un dosaggio semplice con combinazioni disponibili ed efficaci in una sola pillola giornaliera.
Ma non è chiaro se le combinazioni moderne richiedono un elevato livello di aderenza.

Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno monitorato i tassi di aderenza e di soppressione virale tra 22.000 veterani con HIV nel corso di dieci anni. Gli autori hanno voluto vedere se il livello di aderenza necessario per raggiungere una carica virale non rilevabile differiva tra i regimi basati su NNRTI, inibitori della proteasi e nuove molecole come gli inibitori dell’integrasi. L’aderenza è stata valutata in base alle richieste di fornitura farmaci.I ricercatori hanno riconosciuto che questo non è metodo perfetto per valutare l’assunzione della pillola, ma credono che sia più affidabile del richiamo diretto al paziente.

La proporzione dei pazienti che assumono un regime complesso multi-farmaco, inibitore della proteasi o regimi a base di NNRTI è diminuito durante il follow-up rispettivamente dal 65% al 43%, e dal 33% al 16%.

Nel 2006 solo l’1% dei pazienti stava assumendo una sola pillola a base di NNRTI (emtricitabina / tenofovir / efavirenz), salendo al 29% entro il 2010. La terapia contenente un inibitore dell’integrasi è stata utilizzata da 11% dei pazienti nel 2010.

La proporzione di pazienti con aderenza del 95% o superiore è aumentata dal 37% del 2001 al 42% nel 2010. Gli autori hanno descritto questo aumento come “marginale”.

I pazienti che assumono i regimi basati su NNRTI avevano più probabilità di adesione quasi perfetta rispetto agli individui che prendono combinazioni contenenti un inibitore della proteasi. I pazienti con terapia in singola pillola avevano una migliore aderenza rispetto ai pazienti che assumono più pillole.

Le analisi dei pazienti con aderenza inferiore al 95% ha mostrato una percentuale di soppressione virale aumentata dal 38% nel 2001 al 94% nel 2010. Un aumento dei tassi di soppressione virale è stata osservata anche tra i pazienti con aderenza a partire da 70% -75%.

La percentuale di pazienti con soppressione virale sostenuta è passata dal 78% nel 2001 al 92% nel 2010.

Nel complesso, le possibilità di raggiungere soppressione virale erano le stesse per i pazienti con aderenza del 90% -94% e quelli con adesione superiore al 95%.
Confrontando i pazienti in base al tipo di regime, a tutti i livelli di aderenza, i tassi di soppressione virale erano più alti tra gli individui in terapia NNRTI.

Per i pazienti in terapia con un inibitore della proteasi, l’adesione superiore al 95% è stata associata con i più alti tassi di soppressione virale, mentre risultati inferiori sono stati osservati anche quando i pazienti stavano assumendo tra il 90% -94% delle loro dosi.

Per i pazienti in terapia a base di NNRTI, un livello di adesione del 85% è stato associato con altrettanto elevata la possibilità di raggiungere una carica virale non rilevabile come con un tasso di adesione pari o superiore al 95%.

“Questi risultati sull’aderenza non dovrebbero lasciare dubbi relativi alle barriere che ancora ostacolano la prescrizione di nuovi regimi HAART nelle fasi iniziali della malattia”, suggeriscono gli autori. “Gli sforzi devono essere fatti per massimizzare la prescrizione e l’uso di regimi single pill. In futuro ci si dovrebbe concentrare sull’uso di altri regimi a pillola singola già approvati e sui nuovi farmaci già inseriti come regimi terapeutici raccomandati negli orientamenti più recenti, facilitando il loro impiego in popolazioni con problemi di accesso e di mantenimento in cura “.

Reference

Viswanathan S et al. Adherence and HIV RNA suppression in current era of highly active antiretroviral therapy (HAART). J Acquired Immune Defic Syndr, online edition. DOI: 10/1097/QAI.0000000000000643, 2015.

Fonte: Aidsmap

Traduzione e adattamento a cura di Poloinformativo HIV
In caso di utilizzo si prega di citare anche la fonte della traduzione

Related posts

HIV-1, ricercatori scoprono come il virus crea la propria “armatura”

L’inibitore del capside lenacapavir, somministrato semestralmente, ha un’elevata barriera alla resistenza ai farmaci e nessuna resistenza crociata con altre classi

Il vaccino per l’HIV che genera anticorpi ampiamente neutralizzanti supera il primo studio sulla sicurezza negli esseri umani