Il tuo medico ti ha detto di U=U (non rilevabile = non trasmissibile). Una indagine nel regno unito

Il tuo medico ti ha detto di U=U? Viremia non rilevabile = non trasmissibile. Un’indagine del personale specializzato che lavora nell’HIV nel Regno Unito dimostra che molti ora informano le persone con HIV che, se la loro carica virale diventa non rilevabile a seguito dell’assunzione di terapie antiretrovirali, non possono più trasmettere il virus (” non rilevabile = non trasmissibile “, o U=U). Tuttavia, gli operatori sanitari lo hanno riferito ai pazienti in momenti diversi e hanno anche formulato le informazioni in modi diversi.

Il 61% degli intervistati ha dichiarato di aver discusso di U=U quando i pazienti sono stati diagnosticati e il 55% ne ha parlato quando le persone iniziano il trattamento, il 48% quando i pazienti diventano non rilevabili e il 38% ha detto di parlarne quando i pazienti sono pienamente aderenti. È chiaro che alcuni medici possono discutere U=U con un paziente in diverse occasioni, ma altri sembrano sollevarlo solo quando si sentono sicuri che la persona non sia a rischio di trasmettere l’HIV. Il tre per cento degli intervistati ha dichiarato di aver discusso di U=U solo su richiesta e il 2% ha dichiarato di non aver discusso del tutto.

La pratica incoerente ha spinto l’Associazione britannica dell’HIV (BHIVA, l’organismo professionale per i medici dell’HIV) a consigliare ai suoi membri di discutere U=U con tutte le persone che vivono con l’HIV durante la loro cura.

BHIVA afferma: “Raccomandiamo una terminologia coerente e univoca quando si parla di U=U come” nessun rischio “o” rischio zero “di trasmissione sessuale dell’HIV, evitando termini come” rischio trascurabile “e” rischio minimo “.”

Per maggiori informazioni, leggi NAM (in lingua inglese) ‘Undetectable viral load and transmission – a factsheet for people with HIV’.

Fonte: newsletter HIV Update di AidsMap

Related posts

Le nuove linee guida europee sull’HIV soddisfano molteplici esigenze

U=U NON rilevabile = NON trasmissibile Il comunicato Stampa delle Organizzazioni di utilità sociale in favore del documento elaborato con SIMIT al Ministero della Salute: consenso generale su tutti gli aspetti.

Una possibile ragione per l’aumento di peso associato agli inibitori dell’integrasi