Tre consigli per i musulmani con l’HIV che seguono il Ramadan

 

Tre consigli per i musulmani con l’HIV che seguono il Ramadan

Alcune indicazioni importanti, divulgate dalla storica associazione francese Sida Info Service, per permettere ai fedeli musulmani con l’HIV di affrontare serenamente il Ramadan.

 

1) Innanzitutto, si può seguire la pratica religiosa del Ramadan solo se, oltre all’HIV, non si soffre di altre patologie, come diabete e ipertensione.

2) Possono rispettarlo solo i pazienti che assumono i medicinali in dosaggio unico. Vietato, invece, a chi li prende a due o tre riprese nell’arco della giornata. In quanto, gli intervalli temporali da rispettare tra una dose e l’altra durante il mese sacro sono troppo brevi.

3) Per i farmaci che vanno presi lontano dai pasti, ci si può regolare in base agli orari di fine o inizio del digiuno.

di Annalisa Lista

Fonte: west-info.eu

Related posts

Le nuove linee guida europee sull’HIV soddisfano molteplici esigenze

U=U NON rilevabile = NON trasmissibile Il comunicato Stampa delle Organizzazioni di utilità sociale in favore del documento elaborato con SIMIT al Ministero della Salute: consenso generale su tutti gli aspetti.

Una possibile ragione per l’aumento di peso associato agli inibitori dell’integrasi