Rischio di attacco cardiaco e infezione da HIV.

Il rischio di attacco cardiaco aumenta con la lunghezza dell’infezione da HIV, a prescindere dall’età.

Una persona che vive con l’HIV da dieci anni ha circa il doppio del rischio di attacco cardiaco rispetto a chi ha  appena acquisito l’HIV, indipendentemente dall’età della sieroconversione.

Smettere di fumare, migliorare la dieta e l’esercizio fisico è particolarmente importante per le persone che vivono con l’HIV nel lungo termine.

Lo studio ha considerato anche gli effetti di invecchiamento su 18.468 persone che vivono con l’HIV
I risultati sono stati presentati alla 15a Conferenza AIDS europea tenutasi a Barcellona la scorsa settimana.

La durata dell’ infezione da HIV è stato uno dei più forti predittori di attacco cardiaco anche con carica virale soppressa. Una grave soppressione immunitaria però aumenta notevolmente il rischio. Avere una conta delle cellule CD4 al di sotto di 100 è stato associato ad un rischio approssimativo quattro volte maggiore rispetto ad avere un numero di cellule CD4 superiore a 100.

Lo studio è stato progettato per determinare quali sono i fattori più fortemente legati con un aumentato rischio di infarto nelle persone che vivono con l’HIV, e in particolare, come l’infezione da HIV può contribuire al rischio di attacco cardiaco.

Precedenti analisi sugli eventi avversi di farmaci anti-HIV (D: A: D) di coorte, istituiti al fine di analizzare gli effetti a lungo termine della terapia antiretrovirale, hanno suggerito che diversi farmaci antiretrovirali sono associati ad un aumentato rischio di attacco di cuore, tra cui abacavir (Ziagen, anche in Kivexa), indinavir (Crixivan) e lopinavir / ritonavir (Kaletra).

Anche la più recente relazione D: A: D continua a mostrare un’associazione tra l’analogo nucleosidico abacavir e un aumentato rischio di infarto.
Altri fattori sono stati proposti come possibili contributori ad un aumentato rischio di infarto come la durata dell’infezione, la soppressione immunitaria, la viremia HIV.

Tutti questi fattori potrebbero contribuire ad un aumento dell’ infiammazione. La replicazione incontrollata HIV provoca infiammazione, e anche quando la carica virale è completamente soppressa dal trattamento, alcuni studi hanno trovato prove di infiammazione cronica di basso livello.

Quest’ultimo studio ha concluso che le linee guida per la gestione del rischio cardiovascolare nelle persone che vivono con l’HIV deve prendere in considerazione la durata di infezione da HIV come un fattore di rischio indipendente, e particolare attenzione deve essere posta su come affrontare i fattori di rischio come la dieta, il fumo e l’esercizio fisico nelle persone con HIV da lungo tempo, indipendentemente dalla loro età.

Per altri dettagli Aidsmap

Related posts

Vivo con l’HIV e ho ricevuto il vaccino COVID

POP ART: un nuovo approccio ai bisogni delle persone con HIV

World AIDS Day: Gilead Lancia la prima HIV Call for Artists