Sindrome infiammatoria da immunoricostituzione

Sindrome infiammatoria da immunoricostituzione
Immune reconstitution inflammatory sindrome- IRIS

La sindrome infiammatoria da immunoricostituzione (IRIS) è oggi riconosciuta come una delle possibili complicanze della terapia antiretrovirale specialmente in pazienti che iniziano la terapia antiretrovirale in fase avanzata di malattia e con CD4+ molto bassi(< 100/mmc).

Vi sono tendenzialmente 2 aspetti clinici in corso di SIR: una forma che si manifesta con un peggioramento del quadro clinico di un infezione opportunistica già in trattamento antinfettivo quando si inizia la cART, ed una forma che si manifesta durante la cART come espressione di una nuova infezione dovuta ad un agente microbico latente.
Questo fenomeno di per sé non rappresenta qualcosa di nuovo o di inaspettato nell’ambito di una patologia infettiva in quanto è nota la comparsa di un fenomeno analogo denominato reazione paradossa anche nei pazienti affetti da tubercolosi.

Esempi di infezioni che possono riattivarsi in corso di una sindrome infiammatoria da immunoricostituzione sono la retinite da citomegalovirus,l’infezione da Mycobacterium avium-intracellulare, la tubercolosi, la criptococcosi, la leucoencefalite multifocale progressiva(LEMP), l’herpes zoster, l’epatite B e C.

I segni clinici di una SIR possono includere febbre ed esacerbazione della sintomatologia clinica caratteristica della patologia dell’organo colpito. Così ad esempio assisteremo a febbre, tosse e peggioramento del quadro radiologico in corso di polmonite da P.Carinii o Tubercolosi polmonare ovvero a disturbi del visus in caso di infezione da citomegalovirus (CMV).

In corso di IRIS non è raccomandata l’interruzione di cART

La strategia terapeutica da adottare in corso di sindrome da immunoricostituzione mira essenzialmente al trattamento dell’infezione riattivata e deve essere valutata paziente per paziente, dopo aver fatto un bilancio attento dei rischi/benefici.
Non vi sono test che possono indirizzare con chiarezza alla diagnosi di SIR, che resta pertanto essenzialmente clinica.

Estratto da Delta 29 – Delta 37  di Nadir Onlus
Aggiornato in seguito alle nuove linee guida

Le informazioni qui contenute sono a carattere informativo e non intendono sostituire quelle fornite dal medico curante.

Ultimo aggiornamento febbraio 2018


Approfondimenti

ReADFiles2007

Related posts

Alendronato efficace nel prevenire la perdita ossea nei pazienti che iniziano la terapia antiretrovirale

Risultati promettenti del programma per ridurre i disturbi del sonno nelle persone con HIV

Aumento di peso con il trattamento dell’HIV: cosa è normale e cosa è dannoso?