Home HIV Anticorpo che neutralizza il 98% dei ceppi del virus HIV aumenta le possibità di un futuro vaccino

Anticorpo che neutralizza il 98% dei ceppi del virus HIV aumenta le possibità di un futuro vaccino

di Luca Negri
Published: Last Updated on 1826 views

Anticorpo che neutralizza il 98% dei ceppi del virus HIV aumenta le possibità di un futuro vaccinoOrmai sono 15 anni e più che pubblichiamo articoli su HIV AIDS, report da tutti i maggiori eventi e congressi mondiali ed è normale che quando sentiamo parlare di un  anticorpo che distrugge il 98% dei ceppi del virus HIV, ci sorge qualche dubbio
Notoriamente i media vanno in estasi a pubblicare notizie  di questo genere che in molti casi si sono rivelate esagerate o non veritiere.

Un anticorpo contro l’HIV: Pensiamo al vaccino dell’HIV che da trenta anni sembra sempre che sia vicino ma alla fine sfugge, questo  virus è talmente mutevole che ancora non riescono a sconfiggerlo definitivamente. In questo caso la notizia è sicuramente reale visto che per adesso è stata  pubblicata solo da un paio di fonti. Noi come sempre continuiamo a fare il tifo….per i ricercatori.

Poloinformativo HIV

 


 

Identificato un anticorpo che neutralizza il 98% dei ceppi di HIV, siamo più vicini che mai a un vaccino.

di Elena Re Garbagnati

Siamo più vicini che mai a un vaccino contro l’HIV, dopo che un gruppo di ricercatori del National Institutes of Health (NIH) ha scoperto un anticorpo in un paziente positivo all’HIV che neutralizza il 98 percento di tutti i ceppi di HIV testati, inclusa la maggior parte di quelli resistenti ad altri anticorpi della stessa classe.

È stato molto difficile trovare un anticorpo in grado di bloccare una vasta gamma di ceppi per via della capacità dell’HIV di rispondere rapidamente alle difese immunitarie del nostro corpo. Ora che ne abbiamo trovato uno potrebbe costituire la base di un nuovo vaccino contro il virus.

L’anticorpo, chiamato N6, è stato in grado di mantenere la sua capacità di riconoscere il virus HIV nonostante il virus si sia trasformato. Inoltre è fino a 10 volte più potente del VRC01, un anticorpo della stessa classe, che era stato testato in studi clinici su pazienti umani dopo che aveva protetto le scimmie contro l’HIV per quasi sei mesi.

“La scoperta e la caratterizzazione di questo anticorpo forniscono un nuovo importante vantaggio per lo sviluppo di strategie per prevenire e curare l’infezione da HIV“, ha detto Anthony S. Fauci del National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

Un anticorpo è una proteina prodotta dal sistema immunitario in risposta ad agenti patogeni nocivi quali batteri e virus. Gli anticorpi sono responsabili di identificare e distruggere questi patogeni legandosi a loro e neutralizzando i loro effetti biologici sia in maniera autonoma, sia segnalando ai globuli bianchi di distruggerli.

Quando i ricercatori hanno esposto N6 a 181 diversi ceppi di HIV, è riuscito a distruggerne il 98 percento, tra cui 16 dei 20 ceppi resistenti ad altri anticorpi della stessa classe. Questo è un significativo passo avanti rispetto all’anticorpo VRC01, che si ferma al 90 percento.

E, come riportano i ricercatori, non solo N6 mostra straordinaria ampiezza di raggio, ma anche un’incredibile potenza: “degli anticorpi presi in considerazione per lo sviluppo clinico, ce ne sono alcuni con raggio di ampiezza elevato, ma moderata potenza (ad esempio 10E8 o VRC01), altri estremamente potenti ma a raggio meno ampio (ad esempio PGT121 o PGDM1400).

Leggi tutto l’articolo alla fonte originale: tomshw.it

 

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetta Tutto Scopri di più