Home Epatiti Buoni risultati per il regime a base di daclatasvir

Buoni risultati per il regime a base di daclatasvir

di Neptune
Buoni risultati per il regime a base di daclatasvir

Bristol-Myers Squibb ha annunciato il raggiungimento degli endpoint primari nello studio ALLY-1, lo studio clinico di fase III che ha preso in esame un regime terapeutico di 12 settimane a base di daclatasvir e sofosbuvir, somministrati una volta al giorno in associazione a ribavirina, per il trattamento dei pazienti con infezione cronica da virus dell’epatite C (Hcv) con cirrosi avanzata o recidiva di Hcv post-trapianto epatico. I dati sono stati presentati a Vienna come late-breaker in occasione dell’International Liver Congress, il meeting annuale della Società europea per lo studio del fegato (Easl).

«I risultati dello studio ALLY-1 – sostiene Fred Poordad, professore di Clinica medica all’Health Science Center della University of Texas di San Antonio – indicano il potenziale del regime sperimentale a base di daclatasvir in una popolazione di pazienti i cui bisogni restano ad oggi altamente disattesi, nonostante i recenti progressi nel trattamento dell’epatite C. I pazienti trapiantati assumono diversi farmaci immunosoppressori per prevenire il rigetto – precisa Poordad – e questo complica il trattamento dell’epatite C. In ALLY-1 non abbiamo osservato alcuna interazione farmacologica tra le terapie per il trapianto e quelle per l’epatite C e non si è verificato alcun bisogno di aggiustamento del dosaggio dei trattamenti relativi al trapianto, assunti dai pazienti durante la terapia a base di daclatasvir, che ha portato a tassi elevati di risposta virologica sostenuta a 12 settimane».

L’Easl ha incluso il regime a base di daclatasvir e sofosbuvir nelle linee guida 2015 per il trattamento dell’epatite C, come il primo trattamento per i pazienti con genotipo 3. Le attuali linee guida Easl riportano i regimi a base di daclatasvir e sofosbuvir come opzioni terapeutiche per tutti i genotipi del virus Hcv e per i pazienti con coinfezione Hcv/Hiv.

FONTE: healthdesk.it

Altra fonte in lingua inglese: Aidsmap

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più