Home HIV Cabotegravir e rilpivirinaHiv, in studio somministrazione mensile

Cabotegravir e rilpivirinaHiv, in studio somministrazione mensile

di Luca Negri
Cabotegravir e rilpivirinaHiv, in uno studio a somministrazione mensile

Cabotegravir e rilpivirinaHiv, in studio somministrazione mensile.
ViiV Healthcare ha annunciato la partenza di due studi di fase III disegnati per valutare un regime iniettabile a lunga durata d’azione che associa cabotegravir e rilpivirina nel trattamento dell’infezione da virus HIV-1.

Cabotegravir e rilpivirinaHiv, in uno studio a somministrazione mensile: I due trial, FLAIR (First Long-Acting Injectable Regimen) e ATLAS (Antiretroviral Therapy as Long-Acting Suppression), valuteranno la sicurezza e l’efficacia della somministrazione mensile con i due medicinali, somministrati attraverso iniezione, sia nei soggetti naïve (mai pretrattati) sia in quelli che hanno già effettuato terapie antiretrovirali.

ViiV Healthcare ha annunciato la partenza di due studi di fase III disegnati per valutare un regime iniettabile a lunga durata d’azione che associa cabotegravir e rilpivirina nel trattamento dell’infezione da virus HIV-1.

I due trial, FLAIR (First Long-Acting Injectable Regimen) e ATLAS (Antiretroviral Therapy as Long-Acting Suppression), valuteranno la sicurezza e l’efficacia della somministrazione mensile con i due medicinali, somministrati attraverso iniezione, sia nei soggetti naïve (mai pretrattati) sia in quelli che hanno già effettuato terapie antiretrovirali.

Questo regime sperimentale con due farmaci, a lunga durata d’azione e iniettabile, è in corso di sviluppo nell’ambito della collaborazione di Viiv con Janssen.
Sebbene le terapie di combinazione orali a dose fissa abbiano migliorato il trattamento dell’infezione da HIV assicurando un dosaggio semplificato e riducendo quindi l’impatto delle (numerose) compresse, l’aderenza al trattamento continua ad essere essenziale per ottenere la soppressione virale e ridurre l’emergenza di mutazioni resistenti. Di conseguenza è importante che vengano studiate nuove modalità di trattamento dell’infezione da virus HIV, come le terapie iniettabili a lunga durata d’azione, che potrebbero migliorare l’aderenza e gli esiti del trattamento per il paziente.

John C Pottage, Jr, MD, Chief Scientific and Medical Officer di ViiV Healthcare, ha commentato: “In questo momento il trattamento dell’HIV prevede una terapia per tutto il corso della vita con diversi antiretrovirali, per cui è importante continuare a migliorare i regimi di trattamento in termini di durata, sicurezza, tollerabilità e convenienza.

Questo programma di Fase III con cabotegravir a lunga durata d’azione e rilpivirina come potenziale regime di trattamento per l’HIV, è parte del più ampio programma di sviluppo di valutazione dei regimi di trattamento con due farmaci e auspichiamo di vedere i risultati degli studi ATLAS e FLAIR  nel 2018”.

Leggi tutto l’articolo alla fonte originale: pharmastar.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più