Home Altre patologie Cannabis: per la prima volta un tribunale dice si alla cura gratis

Cannabis: per la prima volta un tribunale dice si alla cura gratis

di Luca Negri
La cannabis che cura 28 giugno : una rubrica da Fuoriluogo.it

Cannabis: per la prima volta un tribunale dice si alla cura gratisUn altro passo avanti dopo l’approvazione in Senato sull’ordine del giorno per la sperimentazione

Per la prima volta in Italia, un tribunale ha riconosciuto il diritto di un malato ad ottenere gratuitamente dalla propria Asl un farmaco a base di cannabis. (1) Il tribunale di Avezzano (L’Aquila) ha dato il via libera in base all’articolo 32 della Costituzione, che riconosce il diritto inviolabile alla salute.

C’e’ purtroppo da constatare ancora una volta che per ottenere il rispetto di un diritto costituzionale cosi’ elementare, un cittadino e’ stato costretto a rivolgersi ad un legale e fare causa. Solo poche aziende sanitarie in Italia, grazie a dirigenti e medici illuminati, rimborsano i farmaci a base di cannabis, che devono essere importati dall’estero attraverso complicate e costose procedure. Questo perche’ la politica fatica a decidere sulla base dell’evidenza scientifica, preferendo invece agire sulla base di ideologie che vedono il male in tutto ciò che e’ derivato dalla cannabis.

Eppure, persino le organizzazioni mediche più conservatrici come l’American Medical Association hanno da tempo annoverato i farmaci cannabinoidi fra i piu’ efficaci contro i sintomi di numerose patologie, dalla sclerosi multipla all’Aids, dal dolore cronico al cancro.

Lo scorso mese, il Senato ha approvato un ordine del giorno bipartisan in cui si chiedeva al Governo di promuovere una sperimentazione per la produzione di farmaci cannabinoidi in Italia (2). Abbiamo gia’ il know-how e istituti pubblici pronti a darsi da fare, il tutto con costi modesti per i cittadini rispetto a quelli che oggi siamo costretti a pagare a produttori farmaceutici stranieri.

Basta la volonta’ politica del Governo, e quella in particolare del ministro della Salute Ferruccio Fazio, perche’ migliaia di cittadini possano migliorare drasticamente la qualita’ della loro vita senza dover ricorrere a spese insostenibili (anche 500 euro al mese) o peggio ancora rischiare il carcere con autocoltivazioni di fortuna o recandosi dal pusher sotto casa.

  1. http://droghe.aduc.it/notizia/cannabis%20terapeutica%20ok%20tribunale%20avezzano_115877.php
  2. http://droghe.aduc.it/comunicato/cannabis%20terapeutica%20plauso%20al%20legislatore%20al_17011.php

FONTE: newsfood.com

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più