Home Attualità Cannabis terapeutica: Decreto Legge su produzione e distribuzione nelle farmacie italiane

Cannabis terapeutica: Decreto Legge su produzione e distribuzione nelle farmacie italiane

di Luca Negri
Cannabis terapeutica: Decreto Legge su produzione e distribuzione nelle farmacie italiane

Cannabis terapeutica: Decreto Legge su produzione e distribuzione nelle farmacie italiane
Ultimi aggiornamenti sulla cannabis a scopo terapeutico in Italia.

Un emendamento prima del decreto legge: il Ministero della Salute ha previsto un finanziamento di 2,3 milioni di euro allo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze per realizzare nuove serre ed incrementare la produzione della cannabis ad uso terapeutico, andando incontro alla domanda dei pazienti.

Lo ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, commentando l’approvazione dell’emendamento proposto dal Ministero della Salute sulla cannabis terapeutica, contenuto nel decreto fiscale all’esame del Senato.

“L’obiettivo che coglieremo – ha affermato Lorenzin – e’ di garantire il soddisfacimento dell’intero fabbisogno nazionale di circa 350 kg, senza piu’ ricorrere all’importazione da altri paesi Ue”.

Cannabis terapeutica nelle farmacie.

La cannabis a uso medico sarà distribuita dalle farmacie, potrà essere prodotta da più istituti (non solo lo stabilimento militare di Firenze), e le preparazioni prescritte dal medico per la terapia contro il dolore siano a carico del servizio sanitario nazionale. Le misure sono state inserite nel decreto legge collegato alla manovra, nel corso dell’esame in commissione Bilancio.

La norma sulla produzione e trasformazione della cannabis a uso medico, spiega il relatore Silvio Lai (Pd), trasforma in legge il percorso intrapreso dai ministeri della Salute e della Difesa, per ”garantire la disponibilità in Italia della sostanza ad uso terapeutico già prodotta a Firenze dallo stabilimento chimico-farmaceutico militare”.

“Questa misura – spiega Lai – non incide sul bilancio del fondo sanitario nazionale, in quanto il costo complessivo di 2,3 milioni di euro viene a carico dei fondi di riserva del Mef”. Nel dibattito in commissione, attraverso emendamenti di Pd, M5s e Mdp, ”la norma è stata ulteriormente integrata per ottenere numerosi obiettivi”.

Con due emendanti Pd-Mdp si è autorizzato il ministero della Salute a ”estendere ad altri enti e imprese la possibilità di trasformazione e coltivazione di ulteriori quote di cannabis ad uso medico, secondo le procedure già previste dallo stabilimento militare di Firenze”.

Questi enti e imprese, ulteriormente autorizzati, ”hanno l’obbligo di operare secondo le good agricoltural and connecting practices (Gatp)”, spiega il relatore.

Sono poi stati approvati due emendamenti del M5s che dispongono l’aggiornamento periodico del personale medico, sanitario e socio-sanitario sulle potenzialità terapeutiche della cannabis per uso medico, in particolare sul trattamento del dolore. Inoltre viene stabilito lo sviluppo di nuove preparazioni a base di cannabis per la distribuzione nelle farmacie, dietro ricetta medica non ripetibile.

Infine si stabilisce che le preparazioni prescritte dal medico per la terapia contro il dolore siano a carico del servizio sanitario nazionale.

Fonte: droghe.aduc.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più