Home Associazioni Progetto “Liberi di stare bene con l’Hiv in carcere”: inclusione case studies dal ECDC

Progetto “Liberi di stare bene con l’Hiv in carcere”: inclusione case studies dal ECDC

di Luca Negri
case studies dal ECDC

Progetto “Liberi di stare bene con l’Hiv in carcere”: inclusione case studies dal ECDC

Dal sito di NPS Italia Onlus…
A seguito della nostra partecipazione alla XVIII edizione del congresso nazionale Simspe – Agorà Penitenziaria 2017 “Salute in carcere e Lea 2017 : punto di svolta” siamo lieti di comunicare che i risultati presentati rispetto al progetto da Nps Italia Onlus, SIMSPe (Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria) e Università Ca’ Foscari dal titolo “ Liberi di stare bene con l’Hiv in carcere – FLEW” hanno talmente interessato i responsabili italiani ed europei fino al punto di essere stati inclusi come case studies dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) nell’elaborazione della guida comune basata sull’evidenza per la prevenzione e il controllo delle malattie trasmissibili nelle strutture carcerarie nell’UE / SEE.

Progetto “Liberi di stare bene con l’Hiv in carcere”: inclusione case studies dal ECDCQuesto documento fornisce agli Stati membri dell’UE / SEE una consulenza scientifica basata su prove e opzioni di ricerca di casi attive che possono essere applicate alla pianificazione e alla realizzazione di interventi che promuovono la diagnosi precoce delle malattie trasmissibili nelle strutture carcerarie.

La guida si concentra sulle malattie trasmissibili ad alto carico nelle strutture carcerarie. Copre le malattie per le quali è possibile reperire prove sugli interventi di ricerca di casi attivi in ​​ambito carcerario attraverso una revisione sistematica della letteratura, vale a dire l’epatite virale (B e C), l’HIV, le infezioni sessualmente trasmissibili (STI) e la tubercolosi.

I dati riportati si concentrano sugli adulti di 18 anni o più che sono detenuti in carcere per custodia, custodia cautelare o in attesa di processo.

Clicca QUI per visionare il documento (il progetto FLEW è menzionato a pag. 27)

Fonte: npsitalia

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più