Home Epatiti Epatite C: caratteristiche, sintomi e complicanze un breve riassunto

Epatite C: caratteristiche, sintomi e complicanze un breve riassunto

di Luca Negri
Ancora sui serbatoi di virus hiv nel corpo, dove si nasconde e resiste ai farmaci
Epatite C: caratteristiche, sintomi e complicanze un breve ripasso

Microfotografia di un virus dell’epatite C (scala = 50 nanometri)

Epatite C: caratteristiche, sintomi e complicanze un breve ripasso
L’epatite c è sempre stata presente a livello informativo su questo sito.

Questo anche per il fatto che in molte occasioni le persone che vivono con hiv hanno anche il virus dell’epatite C (HCV). Il motivo principale di questa coinfezione è che da 30 a 20 anni fa i tossicodipendenti si scambiavano le siringhe passandosi entrambi i virus.
Anche se la documentazione su epatite C è presente nelle pagine del poloinformativo volevo pubblicare un ripasso avendo trovato un bell’articolo sintetico ma completo clicmedicina.it.
Epatite C: caratteristiche, sintomi e complicanze

I gestori dei maggiori siti su epatite in passato si sono spesso giustamente lamentati della poca attenzione sull’argomento. Questo principalmente per il fatto che l’HCV anche se è una patologia invalidante e mortale, si sviluppa molto lentamente. Si fa sentire di solito do 20 – 30 anni e non ha avuto l’impatto scioccante anche a livello sociale dell’HIV.

Ma edesso, dopo la scoperta dei nuovi farmaci finalmente anche l’HCV ha avuto l’attenzione che ha sempre meritato. Come patologia pericolosa  che si può prevenire e  finalmente curare. Grazie alla potenza ed ai grandi risultati delle nuove cure, grazie al giro di soldi pazzesco per le case farmaceutiche. A livello di prevenzione poi una volta c’erano dubbi anche  sul fatto che l’epatite C si potesse trasmettere per via sessuale.

Adesso è una sicurezza, lasciando perdere le percentuali di rischio, solo un idiota giocherebbe con le percentuali sulla propia pelle per una scopata. Che sia un uomo o una donna. Purtroppa la mamma degli idioti è sempre incinta…..e di prevenzione non se ne parla mai abbastanza!!

Infine adesso, anche se per motivi diversi, l’epatite C ha sorpassato l’HIV. Questo sopratutto perche con le cure si può guarire abbastanza in fretta mentre di HIV si vive ma non si guarisce. Dunque non aggiungo la parola epatite C al nome di dominio del sito solo perchè in verità ci sono già ottimi siti in Italia che se ne occupano come Epac onlus.

Redazione del Poloinformativo HIV

Epatite C: caratteristiche, sintomi e complicanze un breve ripasso

Nel nostro Paese i portatori cronici del virus sono circa 1,6 milioni, di cui oltre 300.000 diagnosticati: più di 20.000 persone muoiono ogni anno per malattie croniche del fegato (due persone ogni ora) e, nel 65% dei casi, l’epatite C risulta causa unica o concausa dei danni epatici. A livello regionale il Sud è il più colpito: in Campania, Puglia e Calabria, per esempio, nella popolazione ultra settantenne la prevalenza dell’HCV supera il 20%.

Nel mondo si stima che siano circa 180 milioni le persone che soffrono di epatite C cronica, di cui intorno ai 4 milioni in Europa e altrettanti negli Stati Uniti: più del 3% della popolazione globale. I decessi causati nel mondo da complicanze epatiche correlate all’HCV sono più di 350.000 ogni anno.

L’epatite C è causata dal hepacivirus, identificato nel 1989, ma la sua esistenza era già stata scoperta negli Anni ’70, quando veniva chiamata epatite chiamata, infatti, non-A, non-B. Successivamente sono state identificate sette varianti virali dell’HCV, con diverso genotipo, numerati da 1 a 7, e oltre 90 sub-tipi, nominati con lettere.

Il genotipo 1, responsabile di circa il 60% delle infezioni globali e diffuso prevalentemente nel Nord America (1a) e in Europa (1b), ha dimostrato di essere il più difficile da trattare con successo. L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di persone positive al virus dell’epatite C. Circa il 3% della popolazione italiana è entrata in contatto con l’HCV e il 55% dei soggetti con HCV è infettata dal genotipo 1.

LA TRASMISSIONE DEL VIRUS

Anche se l’epatite C non è facilmente trasmissibile per via sessuale, rapporti non protetti, anche con più partner, sono associati a un rischio maggiore di contrarre l’HCV. La condivisione di aghi o siringhe è a tutt’oggi il maggior fattore di rischio di contrarre la malattia1. Ma non è il solo. Altri fattori includono il tatuaggio e il body piercing eseguiti in ambienti non igienicamente protetti o con strumenti non sterilizzati, la trasmissione dell’infezione per via perinatale al proprio figlio, la trasfusione di sangue non sottoposto a screening, tagli/punture con aghi/strumenti infetti in contesti ospedalieri, ma anche la condivisione dei dispositivi per l’assunzione di droghe inalabili e di spazzolini dentali o spazzole da bagno contaminati, se utilizzati in presenza di minime lesioni della cute o delle mucose. La patologia è definita un “silent killer” in quanto fase acuta dell’infezione del virus dell’epatite C decorre quasi sempre in modo asintomatico, Appena contratta l’infezione, il paziente può manifestare febbre, senso di stanchezza, inappetenza, dolore di stomaco, urine scure, ittero, nausea e vomito, dolori ai muscoli e alle giunture, mancanza di concentrazione, ansia e depressione1. Generalmente questi sintomi sono transitori e per molti anni la malattia non dà segni di se. La cronicizzazione dell’Epatite si può manifestare con alterazione del normale valore delle transaminasi e fibrosi.

LE COMPLICANZE

L’epatite C è la causa principale delle cirrosi, dei tumori al fegato, dei trapianti di fegato e dei decessi in pazienti con coinfezione HIV/HCV. Infatti, soprattutto nelle persone tossicodipendenti, l’infezione dell’HCV è spesso associata a quella dell’HIV: La cronicizzazione dell’epatite C può comportare:
*La formazione di varici nell’esofago e nello stomaco, che, rompendosi, causano emorragie;
*L’ingrossamento della milza, con conseguente anemia, calo dei globuli bianchi e delle piastrine;
*L’ittero, (accumulo nel sottocute del pigmento biliare);
*L’ascite, (accumulo di liquido nell’addome);
*La riduzione della funzionalità urinaria, con concomitante aumento della creatinina e dell’azotemia;
*L’encefalopatia epatica, (accumulo nel cervello attraverso la via ematica di sostanze tossiche che il fegato non riesce più a smaltire), che determina un cattivo funzionamento cerebrale fino ad uno stato confusionale e al coma.

Fonte: clicmedicina.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più