Home Congressi Epatite C: esperti a confronto al Policlinico di Bari

Epatite C: esperti a confronto al Policlinico di Bari

di Silvia Bandini
Policlinico di Bari: esperti a confronto su epatite C - Poloinformativo HIV

Policlinico di Bari: esperti a confronto su epatite C

Epatite C: esperti a confronto al Policlinico di Bari. La sfida per gli esperti di politiche sanitarie è sempre la stessa: come conciliare l’accesso alle cure per tutti e la sostenibilità del servizio sanitario? Vale soprattutto nel caso dell’epatite C.

È l’interrogativo che ha tenuto impegnati rappresentanti delle istituzioni, clinici e pazienti riuniti al Convegno “Epatite C, esperti a confronto nella Regione Puglia”, realizzato grazie al contributo incondizionato di AbbVie al Policlinico di Bari.

«A oggi in Italia sono stati curati oltre 48 mila pazienti. In Puglia, l’impatto della malattia in termini epidemiologici comporterà per i Centri specializzati l’esigenza di affrontare con le nuove cure un numero sempre crescente di pazienti, basti pensare che i pugliesi in trattamento con i nuovi farmaci per l’epatite C sono 5mila, – dichiara Gioacchino Angarano, professore ordinario di Malattie Infettive, Direttore dell’Unità Operativa di Malattie Infettive, Azienda Ospedaliera “Ospedale Policlinico Consorziale” di Bari – pazienti la cui gestione può essere molto complessa a causa delle diverse tipologie, quali ad esempio i pazienti con cirrosi scompensata, coloro che hanno ricevuto il trapianto di fegato e i pazienti con co-infezione da virus dell’Hiv. È fondamentale per lo specialista continuare a gestire al meglio scenari clinici complessi e migliorare la prestazione sanitaria».

I pazienti chiedono che vengano trattate tutte le persone affette da epatite C e non solo coloro con patologia in stato avanzato.

«La sola cosa da fare – sostiene Ivan Gardini, presidente EpaC Onlus è l’abbattimento totale dei criteri di eleggibilità e la contemporanea introduzione di linee guida che indichino come ‘unica’ priorità di trattamento l’urgenza clinica e sociale, come già avviene in altri Paesi, in cui non esistono limitazioni di accesso ai farmaci innovativi anti Hcv. Ciò porterebbe enormi vantaggi sia per il paziente che avrebbe così certezza di sapere ‘quando’ e non ‘se’ sarà curato e per il medico che tornerebbe ad avere la capacità decisionale sulla scelta terapeutica da far seguire».

Fonte: healthdesk.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più