Home Congressi CROI 2020: Gli esperti hanno fatto luce sulla risposta del coronavirus e sulle sue implicazioni per le persone con HIV

CROI 2020: Gli esperti hanno fatto luce sulla risposta del coronavirus e sulle sue implicazioni per le persone con HIV

di Luca Negri
continuità dell'assistenza durante il blocco COVID

Gli esperti hanno fatto luce sulla risposta del coronavirus e sulle sue implicazioni per le persone con HIV

I funzionari della sanità pubblica degli Stati Uniti e della Cina hanno fornito aggiornamenti sull’epidemiologia e sulla risposta al nuovo coronavirus questa settimana alla Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche (CROI 2020). Hanno detto che, sebbene finora non vi siano dati sul coronavirus nelle persone con HIV, il rischio potrebbe essere elevato in quelli con un basso numero di CD4 e in quelli senza accesso coerente al trattamento per l’HIV.

Le sessioni CROI sono state presentate virtualmente via webcast dopo che l’incontro di persona a Boston è stato annullato a causa della crescente crisi.

Al 12 marzo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riferisce che ci sono stati circa 125.000 casi di COVID-19, come è nota la malattia respiratoria causata dal virus, segnalati in 117 paesi in tutto il mondo, causando circa 4600 decessi.

Mentre la maggior parte delle persone infette dal nuovo coronavirus – ufficialmente chiamato SARS-CoV2 – avrà una malattia lieve, circa il 20% sviluppa una malattia più grave. Le persone anziane, le persone con patologie di base e quelle con sistema immunitario compromesso sono a maggior rischio di sviluppare gravi complicanze.


CROI 2020: Gli esperti hanno fatto luce sulla risposta del coronavirus e sulle sue implicazioni per le persone con HIV

Epidemiologia in Cina

Il dott. Zunyou Wu del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC) ha fornito una panoramica della cronologia dell’epidemia a Wuhan, in Cina, dove è emersa per la prima volta l’epidemia.

Undici giorni dopo che tre casi insoliti di polmonite nella stessa famiglia sono stati segnalati al CCDC il 27 dicembre, è stato identificato SARS-CoV2, e in pochi giorni il virus è stato sequenziato e sono stati distribuiti i primi kit di test PCR. La città di Wuhan è stata chiusa il 23 gennaio, seguita da un “cordon sanitaire” per la provincia di Hubei che ha coperto 59 milioni di persone.

La risposta del coronavirus: “Era un nuovo virus e non avevamo immunità, nessun trattamento, nessun vaccino e nessun modo magico per controllarlo”, ha detto Wu. “Tutto ciò che abbiamo usato erano misure fondamentali di sanità pubblica”.

Ha stimato che questi sforzi hanno impedito almeno un milione di casi in Cina.

La maggior parte dei casi nell’epidemia di Wuhan è nata da stretto contatto e spesso si è verificata in gruppi familiari, ha riferito Wu. Ha detto che la diffusione del virus può avvenire 24-48 ore prima dell’insorgenza dei sintomi ed è più alta all’inizio del decorso della malattia. Di solito, nei casi lievi, la trasmissibilità dura dai 7 ai 12 giorni, ma può durare più di 2 settimane nei casi più gravi.

Il tempo medio dall’esposizione all’insorgenza dei sintomi è stato di 5-6 giorni. Alla diagnosi, l’80% dei casi era lieve, il 15% era grave e il 5% era considerato critico. Tra quelli con malattia lieve, il 10-15% è progredito in una malattia grave, e di quelli, il 15-20% è diventato critico.

La febbre è il sintomo più comune, che si verifica in circa l’80% dei pazienti, mentre circa il 40% sviluppa una tosse. Molte persone con malattia lieve presentano pochi sintomi, sebbene Wu abbia affermato che la vera infezione asintomatica “sembra essere rara”. Più tardi nella malattia, i pazienti hanno maggiori probabilità di avere difficoltà a respirare e possono sviluppare polmonite. Il tempo di recupero è stato in media di 2 settimane per i casi lievi e fino a 6 settimane per i casi gravi.

Tuttavia, come descritto dal dott. Ralph Baric dell’Università della Carolina del Nord, COVID-19 può progredire fino alla sindrome da stress respiratorio acuto, che si verifica quando i sacchi d’aria feriti (alveoli) nei polmoni non possono più scambiare adeguatamente l’ossigeno, portando potenzialmente all’ipossia ( bassi livelli di ossigeno), insufficienza d’organo e morte. Questo danno polmonare è in gran parte causato dalla risposta del sistema immunitario all’infezione piuttosto che dal virus stesso. La fibrosi polmonare o lo sviluppo di tessuto cicatriziale possono lasciare danni permanenti anche dopo che una persona si è ripresa dall’infezione.

Rispondendo alle domande del pubblico virtuale, Baric ha affermato che non è ancora chiaro se le persone infette sviluppano immunità (e in tal caso quanto dura), se il virus stabilisce serbatoi di lunga durata nel corpo o se può verificarsi una reinfezione (ci sono stato alcuni rapporti di questo, ma sembra essere poco frequente).

Gruppi a rischio più elevato e La risposta del coronavirus

I nuovi casi COVID-19 hanno raggiunto il picco in Cina all’inizio della metà di febbraio e poi sono diminuiti in modo drammatico. L’epidemia iniziò quindi a dilagare altrove nel mondo. Al 25 febbraio, i nuovi casi al di fuori della Cina hanno superato quelli riportati in Cina e il 4 marzo il numero di decessi altrove ha superato quelli in Cina.

Brooks ha discusso della trasmissione di SARS-CoV2, rilevando che l’infezione si diffonde principalmente attraverso le goccioline respiratorie nell’aria – come quelle rilasciate quando una persona tossisce o starnutisce – che atterrano sulle superfici. Il virus può quindi essere trasmesso quando qualcuno tocca queste superfici e lo trasferisce alla bocca, al naso o agli occhi. Il virus è rilevabile nelle feci, ma la diffusione fecale è “improbabile in questo momento”, secondo Brooks. La trasmissione perinatale non è stata osservata e il virus non è stato rilevato nel liquido amniotico o nel latte materno.

Brooks ha sottolineato che è più probabile che si sviluppi una malattia grave tra le persone di età avanzata e quelle con condizioni coesistenti tra cui ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari o malattie polmonari croniche. In Cina, infatti, la mortalità si avvicina al 16% per le persone di età pari o superiore a 80 anni. Ma a differenza di altri virus respiratori, che sono mortali sia nei bambini piccoli che negli anziani, COVID-19 è raro nei bambini e i loro sintomi sono generalmente lievi.

Il tasso di mortalità complessivo per COVID-19 sarà probabilmente compreso tra 0,5 e 3,5%, rendendolo da 5 a 35 volte più mortale dell’influenza stagionale, che ha una mortalità di circa lo 0,1%, secondo Brooks. “Quante persone muoiono dipende da quanto velocemente la malattia può essere rilevata e curata”, ha detto.

Non ci sono dati specifici finora su COVID-19 nelle persone immunocompromesse, ma per analogia con altri virus respiratori, possono avere maggiori probabilità di avere una malattia grave.

Tra le persone che vivono con l’HIV – molte delle quali hanno 50 anni o più e hanno condizioni coesistenti – il rischio di risposta al coronavirus è probabilmente maggiore per quelli con un basso numero di cellule CD4 e quelli che non sono in terapia antiretrovirale con soppressione virale completa, Brooks ha detto .

Tuttavia, ha informato che tutte le persone con HIV prendano precauzioni in quanto si tratta di un nuovo virus e resta ancora molto da imparare.

Le raccomandazioni di Brooks includono la garanzia di fornire almeno un mese di farmaci, tenersi aggiornati con i vaccini contro l’influenza e la polmonite da pneumococco e stabilire un piano per l’assistenza clinica se isolato o messo in quarantena. Infine, ha consigliato: “Mantenere un social network, ma a distanza – il contatto sociale ci aiuta a rimanere mentalmente sani e combatte la noia”. Ha anche invitato la comunità dell’HIV a utilizzare la sua esperienza per combattere lo stigma che sta emergendo intorno al coronavirus.

Trattamento e vaccini COVID-19

Il dott. Baric e il dott. Anthony Fauci dell’Istituto nazionale americano per le allergie e le malattie infettive (NIAID), uno dei leader della risposta epidemica negli Stati Uniti, hanno rivisto entrambi i trattamenti emergenti per COVID-19 e un potenziale vaccino contro il coronavirus.

Attualmente non ci sono farmaci approvati, terapie immunitarie o vaccini contro i coronavirus del gruppo 2b, la categoria che include SARS-CoV2, secondo Baric. Tuttavia, ha affermato Fauci, “gli antivirali, gli anticorpi monoclonali e altri agenti vengono sviluppati e testati in tempo reale, letteralmente mentre parliamo”. Ha osservato che il registro internazionale delle sperimentazioni cliniche dell’OMS comprende 260 studi relativi a COVID-19.

La combinazione antiretrovirale HIV lopinavir / ritonavir (Kaletra) è stata utilizzata con l’interferone beta per trattare altri coronavirus e ha mostrato attività contro SARS-CoV2. È attualmente allo studio in Cina.

L’analogo nucleotidico remdesivir di Gilead Sciences (noto anche come GS-5743), originariamente sviluppato per trattare il virus Ebola, è il più lontano della pipeline. I primi studi hanno dimostrato che migliora la funzione respiratoria negli animali anziani con un coronavirus correlato.

Remdesivir viene somministrato ad alcune persone con COVID-19 grave in base a un uso compassionevole ed è stato studiato in pazienti con malattia lieve, moderata e grave in studi clinici in Cina e negli Stati Uniti – uno dei quali include persone evacuate dalla nave da crociera Diamond Princess.

Altre terapie studiate includono la clorochina (usata per prevenire e curare la malaria) e l’analogo nucleosidico sperimentale EIDD 1931.

Il Centro di ricerca sui vaccini del NIAID sta collaborando con Moderna e la Coalition for Epidemic Preparedness per sviluppare un vaccino COVID-19. I ricercatori hanno creato un candidato al vaccino contro l’mRNA che prende di mira i picchi di SARS-CoV2, un prodotto è stato spedito ai siti di sperimentazione clinica a febbraio e il test dovrebbe iniziare tra circa due mesi, ha detto Fauci. Ha notato che questa è la progressione più veloce di sempre dalla selezione della sequenza a una sperimentazione clinica.

Diversi altri candidati al vaccino sono nelle prime fasi di sviluppo. Fauci ha predetto che il prima possibile per un vaccino, disponibile per un ampio uso, sarebbe tra 12 e 18 mesi.

References

Watch the webcast of this session on the conference website.

View the details of the session on the conference website.

Traduzione e adattamento a cura di Poloinformativohiv/AIDS
La copia e diffusione di tale testo è possibile citando, per cortesia, la fonte della traduzione.

Fonte: AidsMap

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetta Tutto Scopri di più