Home Associazioni Da Nadir Onlus: Dichiarazione EACS e BHIVA sul rischio di COVID-19 per le persone PLWH +COVID-19

Da Nadir Onlus: Dichiarazione EACS e BHIVA sul rischio di COVID-19 per le persone PLWH +COVID-19

di Luca Negri
L’HIV AI TEMPI DEL COVID

Finora non ci sono prove per un più alto rischio COVID-19 o per un diverso decorso della malattia nelle persone con HIV rispetto alle persone HIV negative. Le prove attuali indicano che il rischio di malattie gravi aumenta con l’età, il sesso maschile e con alcuni problemi medici cronici come le malattie cardiovascolari e il diabete. Sebbene le persone con HIV che sono in trattamento con un normale conteggio di cellule T CD4 e soppressa carica virale potrebbero non essere ad aumentato rischio di malattia grave, molte persone con HIV hanno altre condizioni che aumentano il loro rischio.

In effetti, quasi la metà delle persone che vivono con l’HIV in Europa ha più di 50 anni e problemi medici cronici come malattie polmonari cardiovascolari e croniche sono più comuni nelle persone che vivono con l’HIV. Si deve presumere che la soppressione immunitaria, indicata da una bassa conta delle cellule T CD4 (<200 / µl) o che non ricevono un trattamento antiretrovirale, sia associata ad un aumentato rischio per una presentazione più grave della malattia. Non sono disponibili dati relativi alla gravidanza o alla potenziale trasmissione perinatale nel contesto dell’HIV.

Rischio di COVID-19 – Le linee guida nazionali esistenti dovrebbero essere seguite in termini di riduzione del rischio e gestite sulla base dei sintomi;

Dichiarazione EACS e BHIVA sul rischio di COVID-19 per le persone PLWH +COVID-19

COVID-19 e antiretrovirali

Sono in corso discussioni e ricerche su alcuni antiretrovirali per l’HIV che potrebbero avere una certa attività contro COVID-19. Il primo studio clinico randomizzato con lopinavir / ritonavir non ha dimostrato alcun beneficio rispetto alle cure standard in 199 adulti ospedalizzati con COVID-19 grave [4]. Non ci sono prove a supporto dell’uso di altri antiretrovirali, inclusi gli inibitori della proteasi; in effetti, l’analisi strutturale non dimostra alcun darunavir vincolante per la proteasi COVID-19.

Attualmente non sono disponibili prove per giustificare il passaggio di un paziente dalla normale terapia antiretrovirale. Inoltre, non ci sono prove a supporto delle persone sieropositive che assumono antiretrovirali al di fuori del contesto della profilassi pre-esposizione (PrEP) per prevenire l’acquisizione dell’HIV – La PrEP deve essere presa come indicato e non ci sono prove attuali che la PrEP sia efficace contro COVID-19.

Più recentemente, è stato sviluppato un sito Web di interazioni farmacologiche COVID-19 (www.covid19-druginteractions.org) per i farmaci sperimentali in fase di sperimentazione per il trattamento di COVID-19 in diverse parti del mondo. EACS e BHIVA annunciano questo sito Web molto utile.

L’epidemia di coronavirus si sta evolvendo rapidamente. EACS e BHIVA continueranno a condividere eventuali aggiornamenti alle linee guida specifiche per le persone con HIV.

Rif:

  1. www.rki.de
  2. https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/index.html
  3. https://www.gov.uk/government/collections/wuhan
  4. Cao B, Wang Y, Wen D et al. Una prova di Lopinavir-Ritonavir negli adulti ricoverati in ospedale con grave Covid-19. N Engl J Med 2020; doi: 10.1056 / NEJMoa2001282.
  5. https://www.unaids.org/sites/default/files/media_asset/HIV_COVID-19
  6. https://www.cdph.ca.gov/Programs/CID/DOA/CDPH Document Library / COVID19forHIVPoz_ADA.pdf

Società / EACS
Tel. 06 3223161019

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più