Home » Dichiarazione sul rischio di COVID-19 per le persone con HIV (PLWH) e sulla priorità di accesso al vaccino SARS-CoV-2

Dichiarazione sul rischio di COVID-19 per le persone con HIV (PLWH) e sulla priorità di accesso al vaccino SARS-CoV-2

di Luca Negri

Edito da EACS – European AIDS Clinical Society, con BHIVA, DAIG, EACS, GESIDA, Polish Scientific AIDS Society e Ass. portoghese per lo studio clinico dell’AIDS (APECS)

Rischio di COVID-19: la maggior parte dei casi iniziali o delle analisi di coorte di persone che vivono con HIV (PLWH) [1-17] non ha mostrato prove chiare di un più alto tasso di infezione da COVID-19 o un diverso decorso della malattia. Tuttavia i casi erano in gran parte sottodimensionati e spesso riportavano un’età più giovane rispetto ai pazienti COVID-19 ricoverati HIV -.

Ora che sono disponibili più dati, la maggior parte degli studi riporta un rischio più elevato di esiti negativi negli individui coinfetti con HIV e COVID-19.

Dichiarazione sul rischio di COVID-19 per le persone con HIV (PLWH) e sulla priorità di accesso al vaccino SARS-CoV-2
Clicca per visualizzare l’articolo originale (inglese)

Vedi anche la precedente (2 Aprile 2020) dichiarazione EACS e BHIVA sul rischio di COVID-19 per le persone che vivono con l’HIV (PLWH)

Infatti, due ampi studi di coorte del Regno Unito (UK), hanno riportato un aumento della mortalità tra i PLWH. Un’analisi dei pazienti ospedalizzati ha mostrato un ratio [aHR] di 1,69 (intervallo di confidenza al 95% [CI] 1,15-2,48; p = 0,008) anche se senza dati sulla terapia antiretrovirale (ART), carica virale (VL) o conta dei CD4 [18].

Un’analisi dei dati delle cure primarie nel Regno Unito ha dimostrato, dopo l’aggiustamento per età, sesso, etnia, fumo e obesità, un aHR di 2,59 (95% CI 1,74-3,84; p <0 · 0001) sebbene non fosse in grado di aggiustare i fattori confondenti, comprese le variabili HIV; cosa importante, la maggior parte dei PLWH deceduti presentava altre comorbilità [19].

Recentemente, sono stati presentati dati anche dallo stato di New York che dimostrano che il ricovero per COVID-19 era più alto tra le persone con diagnosi di HIV (RR [95% CI]: 2,61 [2,45-2,79], sRR [95% CI]: 1,38 [1,29 -1,47], 896 PLWH), così come la morte in ospedale [20].

Lo stadio più avanzato della malattia da HIV e la VL non soppressa erano significativamente associati a un aumento del rischio di ricovero [20]. Un’analisi elaborata in California, dopo aver aggiustato gli altri fattori di rischio, ha scoperto che l’HIV aumenta il rischio di morte di un paziente COVID-19 di 2,14 (95% CI 1,70-2,70) [21].

La maggiore prevalenza dell’HIV in Africa consente lo studio di un numero più elevato di partecipanti, ma potrebbero esserci importanti differenze nelle caratteristiche di base e nei fattori di rischio per la mortalità da COVID-19 rispetto ad altre parti del mondo, tra cui età, comorbidità (inclusa la tubercolosi), obesità e stato socioeconomico. Un’analisi molto più piccola del sud di Londra, ha indicato che potrebbe esserci una sostanziale morbilità e mortalità da COVID-19 tra i PLWH di colore, anche tra quelli con soppressione virale [22]. Dati simili sono stati riportati anche dalla Francia [23]. Questa osservazione solleva la questione se le regioni africane con un’alta prevalenza di infezione da HIV possano essere particolarmente vulnerabili all’impatto della pandemia COVID-19.

Si sottolinea che, man mano che emergono più informazioni su PLWH con malattia COVID-19, l’immunodeficienza (definita come CD4 <350 / µL) è stata associata a un aumentato rischio di COVID ‐ 19 grave (odds ratio aggiustato 2,85, 95% CI 1,26-6,44, p = 0,01) [24]. L’unico fattore correlato all’HIV e mortalità in questo studio era un basso numero di CD4 al nadir [24].

Le prove attuali indicano che il rischio di una grave malattia da COVID-19 aumenta con l’età, il sesso maschile e con alcuni problemi medici cronici come ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, malattie polmonari croniche, obesità e diabete. Inoltre, quasi la metà delle PLWH in Europa ha più di 50 anni e le comorbilità sono più comuni nelle PLWH. Inoltre nello studio del Regno Unito il rischio di mortalità aumentato nelle persone con HIV rispetto a quelle senza HIV, era limitato alle persone con comorbilità aggiuntive.

In sintesi, i recenti risultati suggeriscono che la PLWH e l’infezione da HIV non controllata o l’immunodeficienza avanzata o nel contesto di comorbilità aggiuntive potrebbero avere un rischio più elevato di morte per COVID-19.

Le PLWH, quindi, necessitano di considerazione prioritaria per la vaccinazione contro SARS-CoV-2. Tuttavia, la necessità di continuare la raccolta dei dati nella coinfezione PLWH e COVID-19 deve essere evidenziata per aumentare il livello di certezza sui fattori di rischio per esiti peggiori di COVID-19 e per definire meglio quali PLWH hanno urgenza della vaccinazione.

Come fattore di rischio per le infezioni respiratorie, la cessazione del fumo dovrebbe essere incoraggiata per tutti. Le vaccinazioni antinfluenzali e pneumococciche devono essere mantenute aggiornate come raccomandato dalle linee guida BHIVA / EACS.

La Dichiarazione cita anche gli studi in corso sugli antiretrovirali che sembrano più efficaci in epoca COVID 19 e gli sudi in corso.

www.eacs.org

www.clinicaltrials.gov

Potrebbe interessarti anche

Usiamo i cookie e i metodi simili per riconoscere i visitatori e ricordare le preferenze. Li usiamo anche per misurare l'efficacia della campagna e analizziamo il traffico del sito. Accetta tutto e visita il sito Per ulteriori dettagli o per modificare le tue scelte di consenso in qualsiasi momento vedere la nostra politica sui cookie.