Home Dipendenze Droghe, ripartiamo da 7. Proposta in sette punti per i candidati che partecipano alle elezioni politiche del 4 marzo

Droghe, ripartiamo da 7. Proposta in sette punti per i candidati che partecipano alle elezioni politiche del 4 marzo

di Silvia Bandini

Droghe, ripartiamo da 7
Proposta in sette punti per i candidati e i movimenti politici che partecipano alle elezioni del 4 marzo 2018

Droghe, ripartiamo da 7. Ecco le proposte ai candidati che partecipano alle prossime elezioni politiche. Sette punti sui quali è necessario intervenire con urgenza per offrire al paese politiche sulle droghe adeguate alla società in cui viviamo, frutto di dialogo con la società civile e che garantiscano ai servizi le risorse necessarie per essere applicate.Droghe, ripartiamo da 7

  • 1. REVISIONE LEGGE SULLE DROGHE.
    La completa revisione del Testo unico vigente sulle sostanze stupefacenti
  • 2. CANNABIS TERAPEUTICA.
    La messa a regime della regolamentazione nazionale sulla cannabis terapeutica, in modo da garantire il diritto alla salute e la continuità terapeutica ai pazienti
  • 3. CONFERENZA NAZIONALE SULLE DROGHE.
    L’organizzazione nei tempi più brevi possibili della Conferenza nazionale sulle droghe, a nove anni dall’ultima convocazione
  • 4. PIANO D’AZIONE SULLE DROGHE.
    Elaborazione di un Piano d’azione nazionale sulle droghe in netta discontinuità con il fallimentare approccio iper-punitivo del precedente.
  • 5. RILANCIO DEI SERVIZI E DELLA RIDUZIONE DEL DANNO.
    Rilancio e riorganizzazione dei servizi per le dipendenze e adozione della riduzione del danno (RdD) come quarto pilastro nel sistema degli interventi e sua piena e rapida definizione dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.
  • 6. DIALOGO CON LA SOCIETÀ CIVILE.
    Ripristino delle sedi di dialogo sulle politiche sulle droghe, non più attive a livello nazionale dal 2008, che coinvolgano sistema di intervento integrato, società civile, politica e istituzioni competenti, e adozione di processi partecipativi come da indicazione del Piano d’azione europeo
  • 7. VERSO VIENNA 2019.
    Una chiara posizione dell’Italia nel contesto internazionale, volta al dialogo aperto sulle politiche globali e un loro bilanciamento a favore dell’approccio sociale e di salute pubblica in vista dell’appuntamento ONU di Vienna 2019.

Promuovono Droghe, ripartiamo da 7: Associazione Antigone, Associazione Luca Coscioni, CGIL, Comunità di San Benedetto al Porto, Coordinamento Nazionale Comunità d’Accoglienza, Funzione Pubblica CGIL, Forum Droghe, ITARDD, Isola di Arran, la Società della Ragione, LegacoopSociali, Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids. Con l’adesione: A Buon Diritto, Arci, CILD.

Leggi tutto cliccando qui

Fonte Fuoriluogo.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più