Home Congressi EACS 2019: Standard di cura per l’HIV e le coinfezioni in Europa

EACS 2019: Standard di cura per l’HIV e le coinfezioni in Europa

di Luca Negri
EACS 2019: Standard di cura per l'HIV e le coinfezioni in Europa

Lo Standard di cura per l’HIV e le coinfezioni in Europa si è tenuto a Bucarest, in Romania, dal 30 al 31 gennaio 2019. L’incontro è stato organizzato dalla European AIDS Clinical Society (EACS).

Il recente incontro della European AIDS Clinical Society (EACS) sullo standard di cura per l’HIV e le coinfezioni in Europa si è svolto a Bucarest, in Romania. Il suo scopo era migliorare gli standard di cura dell’HIV e ideare una serie minima di standard verificabili che aiutassero a standardizzare e migliorare l’assistenza all’HIV in tutta la regione. Gli esperti regionali hanno condiviso informazioni sull’attuale situazione europea per aiutare a definire uno standard europeo di assistenza, che al momento manca.

Difficoltà di accesso e ritenzione in cura

1,4 milioni di persone vivono con l’HIV nell’Europa orientale e nell’Asia centrale, il 75% di esse in Russia. Le diagnosi di HIV nella regione sono aumentate del 60% tra il 2010 e il 2016 e 34.000 persone sono morte a causa di malattie legate all’AIDS lo scorso anno, ha detto Vinay Saldanha, direttore regionale di UNAIDS per l’Europa orientale e l’Asia centrale. Tuttavia, ci sono segni che questo trand si stia stabilizzando anche in Russia.

La crisi dell’HIV nell’Europa orientale è principalmente causata dalle difficoltà di accesso e ritenzione in cura, non di test. Le percentuali di test sono effettivamente inferiori nell’Unione europea (42 test HIV per 1000 persone) rispetto all’Europa orientale (166 test HIV per 1000 persone). Ciò è dovuto principalmente a una tradizione di test di sanità pubblica in Russia, con un quarto dei suoi cittadini testato l’anno scorso.

Tuttavia, le persone che hanno bisogno di essere testate possono essere quelle mancate: solo un quarto dei test HIV erano nelle popolazioni chiave ad alto rischio – persone che si iniettano droghe e i loro partner sessuali, uomini gay e bisessuali, prostitute e detenuti.

Complessivamente, il 73% delle persone con HIV nell’Europa orientale conoscono il loro status. Tuttavia, solo il 36% è in trattamento e il 26% è soppresso viralmente.

Leggi tutto l’articolo (lingua inglese) sul sito di AidsMap

Visualizza la presentazione della Conferenza sul sito di EACS

Calendario Eventi e Congressu poloinfo HIV

Fonte: AidsMap

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più