Home Attualità Elevati tassi di reinfezione da HCV tra gli uomini gay e bisessuali

Elevati tassi di reinfezione da HCV tra gli uomini gay e bisessuali

di Luca Negri
Elevati tassi di reinfezione da HCV tra gli uomini gay e bisessuali

Tra gli uomini gay e bisessuali guariti dal virus dell’epatite C (HCV) in alcuni grandi centri specializzati nel trattamento delle epatiti in Germania, dal 2014 ad oggi ben uno su sette è andato incontro a una reinfezione, si è appreso alla Conferenza.

Tutti gli eventi di reinfezione da HCV si sono verificati entro 18 mesi dal termine delle terapie curative.

Il rischio di reinfezione da HCV è risultato più elevato tra gli uomini che facevano uso promiscuo di aghi o siringhe per assumere stupefacenti durante il sesso/chemsex.

Il consumo di stupefacenti per via iniettiva, però, spiega soltanto circa un quarto dei casi di reinfezione.

Non è ancora chiaro quale ruolo giochi esattamente l’uso di droghe iniettive rispetto al sesso non protetto e pratiche sessuali come il fisting nell’epidemia di HCV tra gli uomini gay. Gli studi sembrerebbero infatti indicare che il virus dell’epatite C possa essere trasmesso attraverso i rapporti sessuali tra uomini in caso di contatto con sperma, muco rettale o sangue.

Studi precedenti hanno riscontrato che il 7/10% degli uomini gay guariti dall’HCV contraggono nuovamente l’infezione in tempi molto brevi.

Visualizza i bollettini della conferenza in italiano

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più