Home Carceri Enggist (Oms): epatite e Hiv 20 volte piu’ presenti in carcere

Enggist (Oms): epatite e Hiv 20 volte piu’ presenti in carcere

di Luca Negri
case studies dal ECDC

Allarme malattie infettive nelle carceri europee, dove la prevalenza di Hiv ed epatite C ”e’ da 10 a 20 volte superiore a quella della societa’ esterna”.

E’ la denuncia di Stefan Enggist, responsabile Salute e Carcere di Oms Europa che dal 26 al 28 settembre prossimi sara’ a Viterbo in occasione della ”Conferenza Europea 2012 sulle Malattie Infettive, le politiche di riduzione del danno ed i diritti umani in carcere”.

”Nelle carceri europee – spiega all’Asca – si stima vi siano circa 2 milioni di detenuti e che circa 6 milioni di persone passino ogni anno attraverso il sistema penitenziario: quanti di loro sono affetti da una malattia infettiva? Con molte malattie come l’HIV o l’epatite C, ad esempio, la prevalenza nelle carceri e’ da 10 a 20 volte superiore a quella della societa’ esterna.
Ma non c’e’ sorveglianza continua, anzi in molti Paesi, la maggior parte dei penitenziari, proprio perche’ tali, sono esclusi dai sistemi nazionali di sorveglianza sanitaria. Probabilmente perche’ solo in pochi Paesi il Ministero della Salute e’ responsabile della salute anche nelle carceri. Nella maggior parte dei casi, referente e’ il ministero della giustizia o quello degli interni”.

epatite

Eppure, sottolinea il responsabile Oms, la salute dei detenuti ”dovrebbe essere in cima alla lista delle priorita’ nelle carceri europee: quando si pensa a una prigione, automaticamente si fa riferimento a ‘sicurezza’ e ‘custodia’ come uniche priorita’ del luogo. Ma spesso, gli stessi responsabili o coloro che decidono, sono ignari del fatto che nel momento in cui uno Stato priva una persona della sua liberta’, esso diventa pienamente responsabile per la salute e il benessere di quella persona.

In concreto cio’ significa che uno Stato ha l’obbligo di stanziare risorse al fine di garantire il diritto alla salute per tutti i prigionieri”. Ma c’e’ di piu’, afferma Enggist: ”manca la consapevolezza del fatto che la salute e il benessere dei prigionieri riguardano direttamente la sanita’ pubblica nel suo complesso. Ad esempio in Paesi con alti tassi di tubercolosi, uno dei vettori dell’epidemia possono essere le carceri, a causa della mancanza di accurate misure di prevenzione, diagnosi e trattamento.

Lo stesso vale per l’epatite o l’HIV/Aids. E non sembra esservi sufficiente consapevolezza del fatto che in tutti i Paesi, i detenuti provengono da comunita’ piu’ svantaggiate, dove si accumulano rischi per la salute (immigrazione clandestina, il consumo di alcool e droghe illecite)”. Dunque, ribadisce, ”per il bene non solo di ogni singolo detenuto, ma anche per il bene della salute pubblica in generale e’ fondamentale che i servizi sanitari carcerari offrano almeno la stessa qualita’ delle cure rispetto a qualsiasi altro servizio di sanita’ pubblica della comunita”’.

”Il rispetto dei diritti umani fondamentali dei prigionieri. Rapporti fra detenuti e operatori sanitari all’insegna della riservatezza e della fiducia reciproca.

Integrazione della politica sanitaria del carcere nella piu’ complessiva politica nazionale per la Salute. E poi, servizi per le tossicodipendenze e maggiore attenzione alla malattia mentale” sono per Enggist le cinque priorita’ da affrontare, tenendo presenti i risultati positivi ottenuti dai numerosi interventi di riduzione del danno posti in essere negli ultimi anni: ”A partire dal marzo 2009 – ricorda – 77 Paesi in tutto il mondo hanno introdotto programmi contro scambio di aghi e siringhe in comunita’.

Di questi, almeno 10 hanno avviato programmi di scambio di aghi nelle prigioni. Al momento, interventi di questo tipo sono stati introdotti in oltre 60 carceri in Svizzera, Germania, Armenia, Lussemburgo, Spagna, Moldavia, Iran, Romania, Portogallo e il Kirghizistan. Ovunque introdotte, queste misure hanno contribuito a piu’ bassi tassi di infezione di HIV e di epatite e non hanno mai indotto maggiore consumo di droghe ne’ al ferimento di personale o altri detenuti con aghi”.

 

FONTE: asca

 

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più