Home HIV e Epatiti Epatite alcolica acuta, il caffè migliora il quadro clinico in soggetti geneticamente predisposti e forti bevitori di alcol

Epatite alcolica acuta, il caffè migliora il quadro clinico in soggetti geneticamente predisposti e forti bevitori di alcol

di Luca Negri
Published: Last Updated on

Epatite alcolica acuta, il caffè migliora il quadro clinico in soggetti geneticamente predisposti e forti bevitori di alcol.

Negli ultimi anni sono stati pubblicati diversi studi sui potenziali, e in alcuni casi dimostrati, effetti benefici del caffè su problemi epatici. In questo nuovo studio multicentrico, prospettico, osservazionale presentato al congresso annuale dell’American College of Gastroenterology è stato mostrato come il rischio di epatite alcolica acuta è elevato nei forti bevitori di alcol che portano un genotipo specifico (G/G), ma questo rischio diminuisce con l’assunzione regolare di caffè.

Epatite alcolica acuta, il caffè migliora il quadro clinico

Epatite alcolica acuta:

Negli ultimi anni sono stati pubblicati diversi studi sui potenziali, e in alcuni casi dimostrati, effetti benefici del caffè su problemi epatici. In questo nuovo studio multicentrico, prospettico, osservazionale presentato al congresso annuale dell’American College of Gastroenterology è stato mostrato come il rischio di epatite alcolica acuta è elevato nei forti bevitori di alcol che portano un genotipo specifico (G/G), ma questo rischio diminuisce con l’assunzione regolare di caffè.

I fattori principali legati allo sviluppo di epatite alcolica acuta sono la quantità di alcol assunto, lo stato nutrizionale del paziente e i tratti genetici e metabolici. Di solito esiste una correlazione lineare tra la gravità dell’alcolismo, in funzione della durata dell’abuso e della quantità assunta, e lo sviluppo di un’epatopatia, anche se non tutti quelli che ne abusano sviluppano un danno epatico significativo.

L’epatite alcolica acuta è una situazione rara, ma quando si instaura è catastrofica, con elevata mortalità nel breve termine”, ha precisato il dr. Naga Chalasani, della Indiana University School of Medicine di Indianapolis durante la sua presentazione al congresso ACG.

“Il dato che emerge da questo studio è davvero molto interessante Sembra che ci sia una interazione tra il genotipo PNPLA3 e bere caffè. Bere caffè risulta protettivo, mentre il genotipo PNPLA3 G/G è alquanto pericoloso”.

Nello studio  “Translational Research and Evolving Alcoholic Treatment” (TREAT 001), 189 pazienti con epatite alcolica acuta con un passato da forti bevitori (per almeno 6 mesi) sono stati confrontati con un gruppo di controllo di 150 persone senza malattie epatiche.

I partecipanti erano principalmente bianchi, di mezza età, uomini in sovrappeso, arruolati dal maggio 2013 al maggio 2016.

Dati clinici e di laboratorio appropriati sono stati usati per diagnosticare l’epatite alcolica acuta. Il follow-up è stato di 12 mesi.

Nei pazienti con epatite, la bilirubina totale era superiore a 2 mg/dL al basale e i livelli di aspartato aminotransferasi (AST) erano superiori a 50 U/L. Nel gruppo di controllo, i livelli di AST e alanina transaminasi (ALT) erano nel range di normalità.

Il rischio di mortalità nei pazienti con epatite alcolica acuta aumentava col passare dei giorni: 30 giorni, 9.6%; 90 giorni 16,0%, 180 giorni 22.5% e 365 giorni, 27.5%.
Per i partecipanti di discendenza europea sono stati determinati i genotipi PNPLA3; “G/G è il genotipo che gioca il ruolo di cattivo giocatore, mentre C/C è il genotipo buono”, ha spiegato il dr. Chalasani. Ciò si riflette nel fatto che il genotipo PNPLA3 G/G è risultato più comune nei pazienti con epatite alcolica acuta rispetto al gruppo di controllo (34% vs 22%).
Per Leggere L’aricolo completo vai alla fonte: pharmastar.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetta Tutto Scopri di più