Home » Epatite. Oms: “Muoiono 1,4 mln di persone all’anno.

Epatite. Oms: “Muoiono 1,4 mln di persone all’anno.

di Luca Negri

Epatite. Oms: “Muoiono 1,4 mln di persone all’anno.Epatite. Oms: “Muoiono 1,4 mln di persone all’anno.
Più prevenzione e trattamenti per tutti i malati”. Il 28 luglio la Giornata mondiale.

“Prevent hepatitis. Act now”.Vaccinare i bambini per epatite B e dare i trattamenti farmacologici ai malati. Attenzione ai rapporti sessuali non protetti. E poi abbassare il numero delle iniezioni in favore dei farmaci per via orale. Questi alcuni dei temi e delle azioni che saranno al centro della prossima Giornata mondiale che si terrà in Egitto il prossimo 28 luglio.

Le epatiti ogni anno provocano 1,4 mln di morti. Numeri per cui l’Organizzazione mondiale della Sanità invita “urgentemente i paesi di intensificare gli interventi per prevenire l’infezione da epatite virale e per garantire che le persone che sono state infettate vengono diagnosticati e offerto il trattamento”. E in occasione della Giornata Mondiale dell’Epatite che si terrà il 28 luglio in Egitto, l’Oms evidenzia come quest’anno, “l’organizzazione si sta concentrando in particolare su l’epatite B e C, che insieme provocano circa il 80% di tutte le morti per cancro al fegato”. Altri temi all’attenzione della Giornata mondiale dal titolo “Prevent hepatitis. Act now” verterà proprio su tutte le azioni per prevenire la malattia. Dall’acqua e cibo contaminati, così come tramite il contatto con sangue o fluidi corporei, mediante iniezioni non sicure o le trasfusioni.

Conoscere i rischi. Attenzione a iniezioni e rapporti sessuali
L’Oms evidenzia come le persone hanno maggior rischio di contrarre l’epatite dal sangue attraverso le iniezioni non sicure e la condivisione delle siringhe per la droga. Circa 11 milioni di persone che si iniettano droghe hanno l’epatite B o C. I bambini nati da madri con epatite B o C e partner sessuali di persone con epatite sono anche a rischio di contrarre l’infezione.

L’Organizzazione sottolinea quindi “la necessità che tutti i servizi sanitari per ridurre i rischi utilizzino solo materiale sterile per iniezioni e altre procedure mediche, per verificare il sangue e i suoi componenti donati anche per l’epatite B e C (così come avviene per l’HIV e la sifilide) e per promuovere l’uso del vaccino contro l’epatite B. Inoltre, sono consigliate pratiche sessuali più sicure, tra cui ridurre al minimo il numero di partner e l’utilizzo di misure di protezioni (preservativi)”.
Inoltre l’Oms evidenzia “come circa due milioni di persone l’anno contraggono l’epatite da iniezioni non sicure. Queste infezioni possono essere evitati mediante l’utilizzo di siringhe sterili che sono specificamente progettate per impedirne il riutilizzo”.

Eliminare le iniezioni inutili
L’eliminazione delle iniezioni inutili è una strategia efficace secondo l’Organizzazione per la protezione contro la trasmissione. Ogni anno vengono somministrate 16 miliardi di iniezioni. Circa il 5% di queste iniezioni sono per le vaccinazioni, un’ulteriore 5% per le procedure come le trasfusioni di sangue e contraccettivi iniettabili, e il restante 90% per amministrare i farmaci. Per molte malattie, le iniezioni non sono il primo percorso consigliato di trattamento e i farmaci per via orale possono essere usati”.

I vaccini: Oms raccomanda quello per l’epatite B
L’OMS raccomanda la vaccinazione a tutti i bambini contro l’infezione da epatite B, da cui circa 780 000 persone muoiono ogni anno. “Un vaccino sicuro ed efficace in grado di proteggere dalle infezioni da epatite B per la vita. Idealmente, il vaccino deve essere somministrato il prima possibile dopo la nascita, preferibilmente entro 24 ore. La dose nascita dovrebbe essere seguito da 2 o 3 dosi per completare la serie vaccino”.
L’OMS raccomanda anche vaccinare gli adulti che hanno aumentato il rischio di contrarre l’epatite B. Questi includono le persone che hanno bisogno spesso di sangue o emoderivati ​​(ad esempio per i pazienti in dialisi), operatori sanitari, persone che si iniettano droghe, in caso di contatti sessuali di persone con epatite B, e le persone con più partner sessuali”.
Ad oggi, non esiste un vaccino contro l’epatite C.

I farmaci disponibili aumentano probabilità di non morire di cancro al fegato
I medicinali che sono ora disponibili possono curare la maggior parte delle persone con epatite C e controllare le infezioni da epatite B. Le persone che ricevono questi farmaci hanno molto meno probabilità di morire di cancro al fegato e molto meno probabilità di trasmettere il virus ad altre persone. L’Oms “esorta pertanto le persone che pensano di poter essere state esposte a epatite a fare il test in modo che possano scoprire se hanno bisogno di un trattamento per migliorare la propria salute e ridurre il rischio di trasmissione”.

Epatite B. Priorità di trattamento farmacologico per pazienti in cirrosi
All’inizio di quest’anno, l’Oms ha emesso le nuove linee guida per il trattamento dell’infezione da epatite B in cui si consiglia di utilizzare semplici test non invasivi per valutare lo stadio della malattia e per aiutare a identificare chi ha bisogno di cure. L’Oms “chiede anche di definire le priorità di trattamento per le persone con la cirrosi – lo stadio più avanzato di malattia epatica e per l’uso di due farmaci sicuri ed altamente efficaci, tenofovir o entecavir”.

Epatite C. Assicurare trattamento per coloro che hanno il virus
Nel 2014, l’Oms ha fornito le indicazioni per la verifica e il trattamento dell’infezione da epatite C. In questo senso l’Organizzazione “raccomanda di fornire i dati sulle persone considerate ad alto rischio di infezione e di garantire un trattamento per coloro che hanno il virus con diversi farmaci efficaci, compresi i nuovi regimi che usano i farmaci solo per via orale.

Giornata Mondiale dell’Epatite 2015 in Egitto
Quest’anno, l’evento di punta dell’Oms si svolge in Egitto, un paese che ha uno dei più alti tassi di epatite del mondo. Si stima che il 10% della popolazione tra i 15 e 59 anni è cronicamente infetta da epatite C. Tra il 2007 e il 2014, più di 350 000 persone con epatite C sono state trattate. Dopo l’introduzione di nuovi farmaci più efficaci, nel 2014, il numero di pazienti in trattamento continua ad aumentare. Oggi, 32 centri di trattamento dedicati stanno fornendo cure a spese del governo.

Fonte: quotidianosanita.it

Potrebbe interessarti anche

Usiamo i cookie e i metodi simili per riconoscere i visitatori e ricordare le preferenze. Li usiamo anche per misurare l'efficacia della campagna e analizziamo il traffico del sito. Accetta tutto e visita il sito Per ulteriori dettagli o per modificare le tue scelte di consenso in qualsiasi momento vedere la nostra politica sui cookie.