#hivartcure opere al Party of Life dedicato a K.Haring

2018-02-13 11:00 - 2018-02-14 19:00 Europe/Rome
Pinacoteca Nazionale di Bologna
Address: Via delle Belle Arti, 56, 40126 Bologna BO, Italia

#hivartcure sarà l’hashtag lanciato al pubblico durante le performance artistiche del collettivo “Diversamente Positivo” alla mostra dedicata all’artista americano

Le persone presenti saranno coinvolte ed invitate a condividere sui loro social #hivartcure.
Il messaggio sociale dell’arte nella prevenzione e nella lotta allo stigma che ancora ruota intorno al virus HIV.
Il collettivo ” Diversamente Positivo” , nato da circa un anno all’interno di NPS Italia Onlus, condurrà nelle giornate del 13 e 14 febbraio  due laboratori artistici.
Si terranno durante l’orario di apertura della mostra.
Domenico Salierno (Napoli), Alessandro Riccio (Napoli) e Simona Nasta (Palermo) elaboreranno delle opere singole e un’opera collettiva che restereranno in sede fino alla fine della mostra.
Gli attivisti del collettivo dichiarano
“Siamo estremamente onorati e di provare una grande emozione nel poter essere per una volta al fianco del misterioso potere di Haring che continua a trasformare le vite.”

Related upcoming events

  • Da Plus Onlus una nuova edizione di HIVoices
    2018-09-14 09:40 - 2018-09-16 09:40 Europe/Rome

    Da Plus Onlus una nuova edizione di HIVoices

    Laboratorio residenziale su sieropositività e identità sessuale rivolto a MSM che vivono con HIV
    Nel 2018 Plus Onlus propone una nuova edizione di HIVoices, il laboratorio di formazione alla persona che ha già visto la partecipazione di 130 uomini omo-bisessuali HIV+ nelle precedenti sette edizioni.

    Che cos’è HIVoices?
    La nuova edizione di HIVoices è un laboratorio intensivo, rivolto ESCLUSIVAMENTE a persone che vivono con HIV, omosessuali, bisessuali e MsM (maschi che fanno sesso con maschi), pensato come un’esperienza per poter vivere meglio e in maniera più consapevole la propria identità di persona omo/bisessuale che vive con HIV.

    Non si tratta di terapia di gruppo. Non è un gruppo di auto-aiuto. Non è un gruppo gay di amanti della natura.

    La nuova edizione di HIVoices è un percorso di sperimentazione nella relazione con Sé e con l’Altro; un’occasione di crescita individuale nel gruppo-di-pari, per accrescere la propria autostima, accettazione e consapevolezza emotiva. Un luogo in cui ritrovarsi con persone differenti, ma simili; un tempo nel quale non-nascondere la propria identità di uomo sieropositivo dotato di un orientamento sessuale altro.

    Hivoices è un percorso formativo costruito attorno al concetto di auto-apprendimento, attraverso metodologie di educazione non-formale. Un’occasione per acquisire strumenti per ‘inventare il proprio benessere‘ e valorizzare le proprie capacità individuali, in particolare rispetto ad una piena affermazione di sé.

    Perché partecipare a HIVoices?
    Essere omo/bisessuali con HIV è difficile. Anche all’interno della realtà lgbtq: sui social network, nei locali, nei luoghi di incontro sessuale, nelle associazioni. “Perché se lo dico, poi non scopo più!”. “Perché se lo dico, poi mi trattano in modo diverso”.
    Dire (o non dire) di essere sieropositivo non è come dire di essere omo-bisessuale. Anzi, spesso, tutta

    la ‘fatica’ fatta nel coming out rispetto al proprio orientamento sessuale non serve nel processo di accettazione e comunicazione della propria sieropositività. La paura di essere accettati e visibili in quanto persona dotata di un orientamento sessuale altro si somma alla paura di essere discriminato in quanto persona sieropositiva.

    Ma attenzione: se, come, quando e a chi comunicare la propria sieropositività è una scelta individuale. C’è chi (al momento opportuno) lo dice a tutt* e ne fa una bandiera di visibilità; c’è chi invece non lo dice neppure alle persone più care; c’è chi è attivista lgbtq senza dichiarare la propria sieropositività; e c’è chi, pur essendo sieropositivo e facendo sesso con altri uomini, non accetta la propria omo-bisessualità.

    Un ventaglio di possibilità molto ampie; una pluralità di voci differenti.
    È così che nasce HIVoices: un laboratorio originale ed atipico nel panorama lgbtq, nel quale i partecipanti possano sentirsi accolti, sia in quanto uomini-che-fanno-sesso-con-altri-uomini, sia in quanto persone che vivono con HIV.

    Il gruppo come potente cassa di risonanza, per meglio comprendere ciò che si sa, si fa e si sente – ovvero di ciò che si è; in un luogo accogliente e ‘protetto’, che offra ai partecipanti la certezza che la propria privacy e riservatezza saranno tutelate.

    HIVoices 8 SCARICA I FILE: Scheda Tecnica HIVoices – Scheda d’iscrizione HIVoices
    QUANDO: venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 settembre 2018
    DOVE: in una struttura attrezzata per gruppi residenziali sull’Appennino romagnolo
    COSTO: 50 € a testa.
    SCADENZA ISCRIZIONI: è possibile iscriversi fino a domenica 2 settembre 2018
    INFO ED ISCRIZIONI: info@plus-onlus.it

     

  • COACHiv Bagno a Ripoli (FI), 19 settembre 2018
    2018-09-19 15:25 - 2018-09-19 15:25 Europe/Rome

    COACHiv Bagno a Ripoli (FI), 19 settembre 2018

    COACHiv: Oggi una persona HIV-positiva che inizia precocemente la terapia e vi aderisce con costanza può contare su un’aspettativa di vita simile a quella della popolazione generale.

    Tuttavia, se la ricerca scientifica ha consentito lo sviluppo di antiretrovirali altamente efficaci, ci sono una serie di altri fattori che contribuiscono al successo terapeutico, come l’aderenza al trattamento, la gestione delle comorbidità, lo sviluppo di resistenze, etc.

    In questo contesto, appare evidente l’esigenza di diffondere e sviluppare una cultura sull’HIV-counselling ed una formazione specifica per gli specialisti di Malattie Infettive che si trovano a gestire una patologia che, negli anni, ha assunto una connotazione di “patologia cronica” e  persone con HIV/AIDS che devono seguire una terapia per tutta la vita.

    Durante il corso dell’infezione è infatti probabile che venga sperimentata una vasta gamma di bisogni fisici, sociali e di problemi psicologici, non necessariamente costanti, ma che tendono a diventare più complessi e difficili da gestire.

    Il Seminario si rivolge ad un gruppo ristretto di giovani specialisti in rappresentanza dei principali Centri di Malattie Infettive a livello nazionale e nasce con l’obiettivo di sviluppare un percorso di formazione in comunicazione e counselling sanitario per la gestione delle persone con infezione HIV/AIDS per tutta la durata del percorso terapeutico con particolare riferimento ai seguenti step:

    • Comunicare post-test in caso negativo
    • Comunicare la diagnosi di sieropositività e dello stadio dell’infezione
    • Spiegare le ragioni che motivano l’inizio della terapia ART
    • Personalizzare il programma terapeutico
    • Spiegare le ragioni che conducono ad un cambio di terapia
    • Gestire il cambio di terapia
    • Gestire gli eventi avversi
    • Gestire le comorbidità
    • Gestire il paziente multiexperienced
    • Gestire le “popolazioni speciali”: tossicodipendenti, MSM, sex-workers

    Il programma scientifico prevede un ampio ricorso a sessioni interattive ed esercitazioni pratiche sviluppate attraverso role-playing atti a simulare i diversi momenti della storia clinica di un paziente HIV: i discenti verranno chiamati ad individuare le strategie di comunicazione che ritengono più idonee per affrontare la specifica situazione. Le sessioni di role-playing verranno poi commentate e discusse da Tutor Esperti.

    Fonte: fondazioneicona.org

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più