Home Diritti Guarda che il tuo amico ha l’AIDS. Violazione della legge 135/90

Guarda che il tuo amico ha l’AIDS. Violazione della legge 135/90

di Luca Negri

 

Alcuni giorni fa è apparsa la notizia della condanna nei confronti di un dipendente di un’Azi
enda Sanitaria che ha rivelato ad un conoscente la condizione di sieropositività di un paziente.

Purtroppo questo tipo di violazione dei diritti delle persone con HIV raramente viene denunciata.
Per paura, per autostigmatizzazione, per sensi di colpa….i motivi possono essere tanti.
Eppure non è giusto , non è etico e non è legale che la condizione di salute di una persona diventi argomento di conversazione o di pettegolezzo soprattutto in ambito sanitario.

Quando si accede agli sportelli dei CUP ci sono distanze da rispettare tra una persona e l’altra proprio per evitare che chi è dietro di noi possa sentire ciò che diciamo o viceversa.
Ma a che serve tutto ciò se poi è la persona che lavora dietro allo sportello a divulgare informazioni?

E questo non riguarda solo l’HIV, ma qualsiasi patologia ed anche altri particolari della vita privata come quelli legati alla sfera sessuale. Vedi: Dati sanitari. Provvedimento generale sui diritti di “pari rango”

L’esempio di questa condanna dovrebbe servire per sensibilizzare maggiormente il personale sanitario sull’argomento ed evitare simili comportamenti.
E dovrebbe servire a noi, persone con HIV, per smettere di tacere ed accettare passivamente tali abusi nel caso avvengano.

Il comma 1 dell’articolo 5 – Legge 135/90

1. Gli operatori sanitari che, nell’esercizio della loro professione, vengano a conoscenza di un caso di AIDS, ovvero di un caso di infezione da HIV, anche non accompagnato da stato morboso, sono tenuti a prestare la necessaria assistenza adottando tutte le misure occorrenti per la tutela della riservatezza della persona assistita.

Testo integrale Legge 135

Redazione Poloinformativohiv

 

 

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più