Home » HIV associato ad aumento del rischio tubercolosi multiresistente ai farmaci

HIV associato ad aumento del rischio tubercolosi multiresistente ai farmaci

di sert_budrio
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il

HIV associato ad aumento del rischio tubercolosi multiresistente ai farmaciL’infezione da HIV è associata a un aumento del 24% del rischio di tubercolosi multiresistente ai farmaci (MDR-TB).

A evidenziarlo sono i risultati di una revisione sistematica e una metanalisi appena pubblicata sulla rivista PLoS ONE.

L’analisi ha incluso 24 studi diversi con una popolazione totale di circa 93.000 pazienti e gli autori ritengono che i loro risultati abbiano implicazioni importanti per i programmi di controllo della tubercolosi in termini di rilevazione, appropriatezza del trattamento, controllo delle infezioni e follow-up.

A livello mondiale, la tubercolosi è tra le principali cause di malattie gravi e di morte nei pazienti infettati dall’HIV. I risultato del trattamento anti-TB in questi pazienti può anche essere eccellente, ma il trattamento e il controllo della TB è complicato dalle crescenti epidemie di MDR-TB e TB ultraresistente ai farmaci (XDR-TB).

La MDR -TB riguarda principalmente la resistenza ai principali farmaci di prima linea: isoniazide e rifampicina. Finora, invece, non era chiaro se l’infezione da HIV fosse associata a un aumento del rischio di MDR-TB. Per saperne di più, un gruppo di ricercatori etiopi ha quindi eseguito una revisione sistematica e una metanalisi di studi che hanno indagato il rapporto tra le due infezioni. Gli studi inclusi erano tutti di tipo osservazionale (trasversali, caso-controllo, di coorte ecc.).

I 24 studi che soddisfacevano i criteri di inclusione sono stati condotti tra il 1990 e il 2011 in 16 paesi di sei regioni del mondo e comprendevano 14 studi trasversali, sette studi caso-controllo, due report di sorveglianza e di uno studio di coorte. Le popolazioni dello studio variavano da 172 a 56.000 pazienti.

I risultati aggregati hanno mostrato che l’infezione da HIV si è associata a un aumento del rischio di MDR-TB (OR 1,24; IC al 95% 1,04-1,43).

Sette studi hanno riportato dati sull’interazione tra l’infezione da HIV e il rischio di MDR-TB primaria. I loro risultati combinati mostrano che la sieropositività si associa con un aumento del rischio più che raddoppiato (OR 2,28; IC 1,52-3,04 ). Non si è trovata, invece, alcuna associazione significativa tra HIV e rischio di MDR-TB secondaria (OR 1,02; IC al 95% 0,80-1,24) .

L’associazione tra infezione da HIV e il rischio di MDR-TB è risultata significativa anche negli studi trasversali e in quelli di sorveglianza (OR 1,26; IC al 95% 1,02-1,49). Inoltre, l’interazione tra HIV e MDR-TB è risultata significativa negli studi di popolazione (OR 1,38; IC al 95% 1,09-1,66) e poco al di sotto della significatività negli studi basati sulle istituzioni (OR 1,20; IC al 95% 0,96-1,43).

Gli autori scrivono nella discussione che i loro risultati hanno implicazioni per il controllo e i programmi di trattamento della tubercolosi.

Concludono inoltre, che dovrebbero essere considerati e rafforzati la capacità di diagnosi della MDR-TB, l’avvio e l’aumento della  terapia antiretrovirale, nonché la collaborazione tra programmi di controllo dell’HIV e programmi di controllo della TB, che devono essere implementati.

FONTE: pharmastar.it

 

Potrebbe interessarti anche

Usiamo i cookie e i metodi simili per riconoscere i visitatori e ricordare le preferenze. Li usiamo anche per misurare l'efficacia della campagna e analizziamo il traffico del sito. Accetta tutto e visita il sito Per ulteriori dettagli o per modificare le tue scelte di consenso in qualsiasi momento vedere la nostra politica sui cookie.