Home Associazioni HIVoices, il workshop residenziale per persone gay sieropositive

HIVoices, il workshop residenziale per persone gay sieropositive

di Luca Negri
Plus onlus al Bologna Pride 2018

HIVoices, il workshop residenziale per persone gay sieropositive

L’associazione Plus Onlus organizza un laboratorio residenziale sulla sieropositività e sull’identità sessuale rivolto esclusivamente a persone gay sieropositive, bisessuali e MsM (maschi che fanno sesso con maschi). L’iniziativa è pensata come un’esperienza per poter vivere meglio e in maniera più consapevole la propria identità di persona omo/bisessuale che vive con HIV.

Gli organizzatori spiegano che «non si tratta di terapia di gruppo. Non è un gruppo di auto-aiuto. Non è un gruppo di persone gay amanti della natura. HIVoices è un percorso di sperimentazione nella relazione con Sé e con l’Altro; un’occasione di crescita individuale nel gruppo-di-pari, per accrescere la propria autostima, accettazione e consapevolezza emotiva. Un luogo in cui ritrovarsi con persone differenti, ma simili; un tempo nel quale non-nascondere la propria identità di uomo sieropositivo dotato di un orientamento sessuale altro».

Appare come un dato di fatto che essere omo/bisessuali con HIV sia difficile, anche all’interno della realtà lgbtq. Tante persone temono di essere trattate in modo diverso o di dover rinunciare agli affetti se dicono qualcosa riguardo al proprio stato sierologico.

HIVoices, il workshop residenziale per persone gay sieropositive

Ma gli organizzatori notano come «dire (o non dire) di essere sieropositivo non è come dire di essere omo-bisessuale.

Anzi, spesso, tutta la “fatica” fatta nel coming out del proprio orientamento sessuale non serve nel processo di accettazione e comunicazione della propria sieropositività. La paura di essere accettati e visibili in quanto persona dotata di un orientamento sessuale altro si somma alla paura di essere discriminato in quanto persona sieropositiva». Ed è per questo che «nasce HIVoices: un laboratorio originale ed atipico nel panorama lgbtq, nel quale i partecipanti possano sentirsi accolti, sia in quanto uomini che fanno sesso con altri uomini, sia in quanto persone che vivono con HIV».

L’evento è fissato dal 31 marzo al 2 aprile 2017. in una struttura attrezzata per gruppi residenziali sull’Appennino romagnolo. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina dell’iniziativa.

Fonte: gayburg.blogspot.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più