Home Farmaci anti HIV I 10 migliori sviluppi clinici dell’HIV del 2019

I 10 migliori sviluppi clinici dell’HIV del 2019

di Luca Negri
Published: Last Updated on 640 views

I 10 migliori sviluppi clinici dell’HIV del 2019
Di David Alain Wohl, M.D. Come baby boomer (a malapena), ho dovuto adattarmi a vivere in un mondo in cui flusso di informazioni con cui sono cresciuto sono stati sostituiti da quasi un numero infinito di fonti che rilasciano costantemente torrenti di dati, propaganda, saggezza, falsità e consigli. In medicina, non è diverso (sentiti libero di annuire con la testa).

Con così tanto da sapere e tanti decenni di vita umana, i filtri devono essere applicati. Coloro che si eccitano nel potenziale e nella prospettiva di future scoperte possono essere nutriti con qualsiasi cosa galleggi nella barca all’avanguardia. Altri, di carattere più pratico, avranno appetito per ciò che li aiuterà nella pratica della loro arte. È per quest’ultimo che queste 10 storie principali nella medicina clinica dell’HIV possono essere utili..

Un determinato sviluppo dell’HIV farà la differenza nella clinica? Come cambierà questa pratica? È qualcosa che dovrei sapere se mi prendo cura delle persone che vivono con l’HIV? La risposta a ciascuna di queste domande deve essere affermativa affinché la storia sia tra le Top 10. Quindi, qui troverai i dati sugli effetti collaterali emergenti dell’aumento di peso, delle terapie per l’HIV sempre semplificate e dei nuovi farmaci che alla fine ti verranno prescritti. Once intriganti di prevenzione per l’HIV e altre infezioni a trasmissione sessuale (STI) valgono non solo chili di cura, ma vale anche la pena menzionarle, e così sono. Oh, e infine, qualcuno ha un piano per eliminare l’HIV. Ne parlerò anche io.

Logo di The body: I 10 migliori sviluppi clinici dell'HIV del 2019
Articolo tradotto da the Body

1: Chiarezza sul ruolo degli inibitori dell’integrasi nell’aumento di peso

“Questa roba può farti ingrassare?” Meg, una donna di 48 anni, chiese mentre si lasciava cadere su un sedile dopo essere stata controllata dall’infermiera.

Qualche mese prima, alla fine del 2018, avevo finalmente convinto Meg a passare dal lopinavir / ritonavir (Kaletra) che aveva assunto per oltre un decennio a favore dell’inibitore dell’integrasi dolutegravir (Tivicay) più emtricitabina / tenofovir alafenamide (F / TAF, Descovy). Non è stata una vendita facile per un sopravvissuto a lungo termine che ha accreditato il suo regime per avergli salvato la vita, ma i miei avvertimenti su potenziali interazioni farmacologiche e il mio “Saranno solo due minuscole pillole!” il tono consumava la sua riluttanza. Supervisore in una casa di cura e madre di due adolescenti, Meg all’inizio apprezzò la comodità delle sue nuove medicine. Ho sorriso dicendo “te l’avevo detto” al nostro primo follow-up post-switch.

Ma poi la situazione si si è ribaltata – letteralmente. Voleva sapere se ero responsabile dell’aumento di peso di 23 libbre che le ha rovinato la vita. E ho dovuto ammettere: lo ero.

Leggi l’analisi completa>> in inglese

2: Un Rinascimento per i regimi antiretrovirali a due farmaci

Gli studi GEMINI hanno ottenuto il rispetto per la combinazione di dolutegravir (DTG, Tivicay) più lamivudina (3TC, Epivir). A 96 settimane, questo regime di doppia terapia è rimasto non inferiore a dolutegravir più emtricitabina / tenofovir disoproxil fumarato (FTC / TDF, Truvada) se assunto come regime di prima linea, senza che sia emersa resistenza farmacologica emergente durante il follow-up dello studio. Si tratta di dati a più lungo termine che sarebbero normalmente degni della classifica dei primi 10.

Ma negli Stati Uniti, il vero potenziale per 3TC / DTG – che è stato approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti ad aprile con il marchio Dovato – sta nel mantenimento, non nel trattamento di prima linea. Questo perché, sebbene sopprimere la carica virale di una persona sia un ordine più elevato rispetto a mantenerlo in questo modo, uno studio di commutazione è discutibilmente più rilevante per noi clinicamente che le nuove diagnosi .

pillola PrEP blu, ora ce ne sono due. Nell’ottobre 2019, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato emtricitabina / tenofovir alafenamide (FTC / TAF, Descovy) come PrEP per coloro che sono a rischio di contrarre l’HIV-1 su qualsiasi percorso diverso dal sesso vaginale. (Arriveremo a quest’ultima parte in un secondo.) L’approvazione arriva sette anni dopo che emtricitabina / tenofovir disoproxil fumarato (FTC / TDF, Truvada) è diventato il primo farmaco PrEP.

È necessario un maggiore accesso a PrEP e mentre i problemi di tossicità sono solo uno dei tanti motivi per cui alcuni differiscono o eliminano PrEP, un modo più sicuro per erogare tenofovir può solo aiutare. Tuttavia, i progressi nella chimica medicinale, comprese le formulazioni PrEP a lunga durata d’azione, sono solo una parte della soluzione al problema di far sì che più persone siano a rischio di infezione da HIV con PrEP.

The Body

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetta Tutto Scopri di più