Home Altre patologie I trattamenti per il linfoma non Hodgkin ed altri tipi di linfoma danno buoni risultati anche nelle persone con HIV in terapia

I trattamenti per il linfoma non Hodgkin ed altri tipi di linfoma danno buoni risultati anche nelle persone con HIV in terapia

di Luca Negri
L'HIV può aumentare il rischio di cancro della pelle

I trattamenti per il linfoma non Hodgkin ed altri tipi di linfoma danno buoni risultati anche nelle persone con HIV in terapia

La terapia antiretrovirale durante la chemioterapia ha notevolmente migliorato le possibilità di successo nella cura di tipi aggressivi di linfoma. Le persone con HIV trattate per forme aggressive di linfoma non Hodgkin o linfoma di Burkitt,  non sembrano essere soggette a una ricaduta dopo il trattamento, rispetto alle persone HIV-negative trattate per le stesse condizioni. Questo secondo i risultati di un’analisi sul linfoma nelle persone con HIV in Germania, pubblicata questo mese da Haematologica la rivista della European Hematology Association.

I trattamenti per il linfoma danno buoni risultati anche nelle persone con HIV in terapia

Linfoma non Hodgkin

Linfoma non Hodgkin e linfoma di Burkitt sono tumori AIDS correlati e si verificano molto più frequentemente nelle persone con HIV, rispetto alla popolazione generale.

Il linfoma non Hodgkin è un tumore dei linfociti (globuli bianchi), che si sviluppa nei linfonodi.
La forma più aggressiva è il linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL). Il linfoma di Burkitt è una forma di linfoma non Hodgkin che si sviluppa nei linfociti B ed è molto aggressivo.

Entrambi i tumori sono curabili con la chemioterapia e la remissione completa è possibile nella maggior parte delle persone trattate. La recidiva dopo il trattamento si verifica in circa uno su dieci casi nella popolazione generale.

I ricercatori tedeschi volevano sapere se le persone con HIV avevano sofferto di tassi più alti di recidiva. Ed anche se la riduzione della dose, o la riduzione del ciclo di chemioterapia, aveva avuto un impatto sul rischio di recidiva.

Lo studio ha esaminato persone con HIV in Germania trattate per vari tipi di linfoma.
Di tipo diffuso a grandi cellule B (DLBCL), linfoma di Burkitt, linfoma plasmablastico (PBL) o linfoma a cellule B non classificabile dal 2005. I partecipanti allo studio erano 387 persone, di cui 254 hanno raggiunto la remissione dopo il primo ciclo di trattamento. Altre 21 dopo ulteriore chemioterapia e ancora 22 persone hanno raggiunto una remissione parziale. Per parziale si intende la riduzione della massa del linfoma di almeno il 50% e nessun ulteriore diffusione.
Infine 15 persone continuavano a ricevere la chemioterapia al momento dell’analisi.

Dei non responder, 23 pazienti sono morti durante il trattamento, 45 hanno avuto una malattia progressiva e 7 non hanno ricevuto alcun trattamento.
Osservando il corso del trattamento, i ricercatori hanno scoperto che solo il 37% dei pazienti ha usufruito di un ciclo completo di trattamento, senza indugio, dopo la diagnosi. Non c’è stata differenza nei risultati in coloro che hanno ricevuto cicli di trattamento più brevi o dosi più basse per i regimi R-CHOP o GMALL..

Concludendo:

“i risultati del trattamento si confrontano favorevolmente tra i pazienti con HIV in terapia antiretrovirale e quelli senza infezione da HIV”.

Leggi tutti i dettali della ricerca in lingua originale a questo link

Traduzione e adattamento a cura di Poloinformativohiv/AIDS
La copia e diffusione di tale testo è possibile citando, per cortesia, la fonte della traduzione

Fonte: aidsmap

 

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più