Home Associazioni Iardino: La politica si occupi del reinserimento sociale dei pazienti

Iardino: La politica si occupi del reinserimento sociale dei pazienti

di Luca Negri

Iardino: La politica si occupi del reinserimento sociale dei pazienti“Basta con la discriminazione lavorativa”. Questo il monito di Rosaria Iardino presidente onorario del Network Persone Sieropositive, alla vigilia del II Congresso nazionale di Accesso Alle Cure dove tra l’altro si parlerà della “relazione tra i diritti negati e l’accesso alla cura”.

07 MAR – Rosaria Iardino, presidente onorario del Network Persone Sieropositive, alla vigilia del 2° Congresso nazionale di Accesso Alle Cure, chiarisce il significato dell’importante appuntamento su discriminazione e HIV: Abbiamo scelto di parlare della relazione tra i diritti negati e l’accesso alla cura. Non è infatti sostenibile incentivare il test e agevolare l’accesso ai farmaci dei pazienti senza poi occuparsi del loro necessario reinserimento sociale. La pratica di esami ematici pre assuntivi – aggiunge la Iardino – non esclude solamente le persone HIV+ ma anche chi soffre di epatite C e malattie croniche”.

Il momento di confronto tra il mondo della medicina, della rappresentanza sindacale e della politica, spiega Rosaria Iardino, è pensato specificatamente sul tema del lavoro e del diritto alla cittadinanza perchè “se si vuole che i malati di HIV rinuncino alle pensioni di invalidità civile, non bisogna presentarle come un privilegio ma lavorare perchè si concorra alla pari. È giunto il momento che la sieropositività smetta di essere un elemento discriminatorio”.

Il secondo convegno “Accesso alle cure”, organizzato da Nps ha come titolo “una responsabilità per la salute, il lavoro e i diritti di cittadinanza” e si prefigge il duplice obbiettivo di: fornire informazioni aggiornate e autorevoli sulle reali prospettive di cura e di vita delle persone sieropositive; affrontare il tema dei rilevanti costi personali, sociali, lavorativi e economico sanitari conseguenza di approcci datati e sbagliati alla malattia.

Questo appuntamento, che da Roma si è spostato a Milano, tratterà il tema delle attuali frontiere nel contrasto all’infezione da HIV partendo dal problema dell’accesso alle cure per le persone sieropositive con un approccio complessivo dal punto di vista clinico, psicosociale e di economia sanitaria.

Il convegno vedrà la partecipazione di esponenti accreditati del mondo della politica, delle istituzioni, della sanità e della rappresentanza sindacale sviluppando un percorso di riflessione e approfondimento finalizzato alla ricerca di possibili soluzioni.

La comunità scientifica e le istituzioni saranno invitate confrontarsi su questi temi, sviluppando proposte e assumendo impegni per il superamento di un problema culturale e di mancato rispetto della normativa che comporta costi altissimi per i pazienti sieropositivi e per tutta la società.

Fonte: quotidianosanita.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più