Home Dipendenze Il ministero si occupi anche dei tossicodipendenti. A cominciare dal sito web

Il ministero si occupi anche dei tossicodipendenti. A cominciare dal sito web

di Luca Negri

Il ministero si occupi anche dei tossicodipendenti. A cominciare dal sito webdi Pietro Yates Moretti
Uno degli aspetti più devastanti dell’attuale politica antidroga è il fatto che la tossicodipendenza è considerata più un fenomeno giudiziario che sanitario. Per capire questo, basta andare sul sito del ministero della Salute, che alla tossicodipendenza neanche dedica una delle decine di canali di informazione.

 

L’incarcerazione di tossicodipendenti, la trasmissione di malattie infettive come l’Hiv per la mancanza di politiche di riduzione del danno, la circolazione di sostanze incontrollate e talvolta letali sono solo alcune delle emergenze sanitarie create dal mercato nero con cui si finanziano le maggiori organizzazioni criminali italiane e mondiali.
Eppure, visitando il sito del Ministero della Salute, non abbiamo trovato alcun settore tematico dedicato alla tossicodipendenza.

Sulla home del sito appaiono ben 47 aree tematiche, dai cosmetici ai biocidi, dall’Antidoping all’assistenza sanitaria per i turisti che vanno all’estero, ma nessuna area dedicata alla tossicodipendenza. Anche il settore dedicato alla lotta all’Hiv/Aids trascura la popolazione tossicodipendente, limitandosi a dire ‘en passant’ che la condivisione di siringhe infette è una delle modalità di contagio, senza poi informare su come reperire siringhe sterili.

Proprio pochi giorni fa uno studio ha denunciato come la guerra alla droga spinga molti Governi a rigettare misure di riduzione del danno (come programmi di scambio siringhe), danneggiando irrimediabilmente la lotta all’Hiv/Aids. I ricercatori spiegano che una efficace campagna contro questa epidemia non può non mirare a informare la popolazione tossicodipendente, che deve essere incoraggiata ad utilizzare siringhe pulite attraverso appositi programmi di assistenza sanitaria.

A giudicare dal sito Web del ministero della Salute, altrimenti ricco di campagne di informazione e di settori tematici, la tossicodipendenza non è questione di salute. L’informazione mirata alla popolazione tossicodipendente sembra essere stata deferita in toto al sottosegretario Carlo Giovanardi, da ormai quasi un decennio alla guida delle inefficacissime politiche antidroga italiane ed uno dei più vocali detrattori delle politiche di riduzione del danno.

Il ministro della Salute Ferruccio Fazio, se non vuole perdere ogni credibilità, dovrebbe non solo rimediare alle strabilianti lacune del suo sito, ma soprattutto riportare nella sua sfera di ‘interesse’ un tema pericolosamente trascurato. Non si puo’ lasciare la salute di centinaia di migliaia di cittadini malati in mano ad un collega di Governo i cui insuccessi sono sotto gli occhi di tutti.

FONTE: politicamentecorretto.com

 

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più