Home » Importanza delle interazioni farmacologiche

Importanza delle interazioni farmacologiche

di Luca Negri
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il

Importanza delle interazioni farmacologiche“Comorbosità, co-terapie e coinfezione HIV/HCV”.

Un farmaco introdotto nell’organismo (per via orale, parenterale, ecc.) può subire varie trasformazioni, in funzione delle sue caratteristiche fisico-chimiche, ed essere eliminato per vie diverse, in varie forme molecolari.
Quindi, può accadere che un farmaco non venga quasi per nulla modificato e sia eliminato come tale, oppure che subisca numerose trasformazioni verso forme che possono essere ancora farmacologicamente attive (o anche più attive rispetto alla molecola originale) oppure del tutto inerti (non attive) per quanto concerne l’effetto desiderato.

Impostare per il paziente un percorso terapeutico complessivo che sia sicuro, tollerabile e renda il massimo dell’efficacia, è la vera sfida odierna. Inoltre, è oggi richiesta una prospettiva di successo terapeutico a lungo termine corrispondente all’aspettativa di vita del paziente stesso. Al fine di rispondere a questa sfida, appare quindi chiaro come l’argomento principale su cui fare attenzione sia proprio il bilanciamento complessivo della terapia in termini di interazioni farmacologiche.

Scarica la Relazione

Scarica il Nadirponte

 

FONTE: newsletter nadironlus

 

Potrebbe interessarti anche

Usiamo i cookie e i metodi simili per riconoscere i visitatori e ricordare le preferenze. Li usiamo anche per misurare l'efficacia della campagna e analizziamo il traffico del sito. Accetta tutto e visita il sito Per ulteriori dettagli o per modificare le tue scelte di consenso in qualsiasi momento vedere la nostra politica sui cookie.