Centri test italiani
www.uniticontrolaids.it

Centri Test
Centri diagnostico-clinici presenti sul territorio italiano che effettuano il test.

Centri Test HIV e lo screening MST
Cliccare sul nome della Regione che Vi interessa
oppure sull’immagine per accedere al sito ministeriale e trovare i centri test della vostra regione.

 

Abruzzo

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sicilia

Toscana

Trentino Alto Adige

Umbria

Val D’Aosta

Veneto

La Legge 135 del 1990 prevede espressamente che il test per la ricerca degli anticorpi anti HIV sia sempre effettuato nel rispetto delle garanzie di confidenzialità e riservatezza dei dati sanitari.
Il Decreto Legislativo del 29-04-1998, n. 124 richiamato anche nell’Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome del 27 luglio 2011, all’art. 5, punto b, sottolinea la gratuità del test per la ricerca degli anticorpi anti HIV.-Rif :uniticontrolaids

  • Il test HIV accerta se sei stato o meno infettato dal virus HIV. Una persona reattiva al test HIV viene detta sieropositiva o HIV positiva.

Il test HIV è un test sierologico immunoenzimatico (ELISA o MEIA o EIA): identifica gli anticorpi prodotti contro gli antigeni virali. Gli anticorpi sono proteine prodotte dal sistema immunitario per combattere una specifica infezione. Nel caso dell’infezione da HIV gli anticorpi non sono protettivi, cioè le persone che presentano anticorpi anti-HIV sono infette dal virus e possono potenzialmente trasmetterlo ad altri individui.
La sensibilità del test di screening all’HIV supera il 99,9%. Un test ELISA positivo, deve essere confermato da un altro test chiamato Western Blot (WB) che, se positivo, esprime con certezza la presenza del virus nel sangue di un individuo.

Il periodo di formazione degli anticorpi anti-Hiv (periodo finestra) può variare da un minimo di qualche settimana fino a 3 mesi dopo che si è venuti a contatto col virus.

Ciò significa che una persona, pur risultando negativa al test in quanto non ha ancora sviluppato gli anticorpi, può avere già contratto l’infezione e quindi può trasmettere ad altri il virus. Il test hiv va dunque eseguito una volta trascorso il periodo finestra.
Il test hiv Elisa verifica solo la presenza o meno degli anticorpi al virus, ma non dà nessuna informazione sullo stato di salute e sul sistema immunitario.

Oggi esistono test combinati che oltre a cercare gli anticorpi rilevano contemporaneamente la presenza di una particolare proteina, l’antigene P24, che compare e aumenta di molto già dopo pochi giorni l’avvenuto contatto. Non tutti i centri italiani effettuano lo screening con questa metodica. Per questo tipo di test, il periodo finestra si ruduce ulteriormente sino a 4/6 settimane.

Il test hiv non ha valore di prevenzione: qualsiasi sia l’esito, i comportamenti da adottare sono gli stessi (rapporti sessuali sicuri e non utilizzare in comune oggetti taglienti e siringhe).

Fonti:
Help Aids
Dati TVA 2010
www.uniticontrolaids

 

NB:
Nell’elenco dei centri test sono presenti anche aggiornamenti che ci sono giunti da volontari, dalle ausl, dai medici, ecc.
Nel caso siate a conoscenza di variazioni Vi preghiamo di segnalarcele perchè avere informazioni aggiornate sarà utile per tutti.