Home Attualità Comunicazione di sicurezza rivolta a medici e pazienti: rischio di interazione tra ritonavir e levotiroxina

Comunicazione di sicurezza rivolta a medici e pazienti: rischio di interazione tra ritonavir e levotiroxina

di Luca Negri
aifa

Comunicazione di sicurezza rivolta a medici e pazienti: rischio di interazione tra ritonavir e levotiroxina

Rischio di interazione tra ritonavir e levotiroxina con diminuzione dell’efficacia terapeutica di levotiroxina e conseguente ipotiroidismo L’Agenzia Italiana del Farmaco desidera richiamare l’attenzione sulle nuove informazioni che saranno riportate nel Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) e nel Foglio Illustrativo (FI) dei medicinali a base di ritonavir (sia come singolo componente che come associazione fissa) e di levotiroxina.

Comunicazione AIFA: rischio di interazione tra ritonavir e levotiroxinaInformazioni per gli operatori sanitari:

• Il ritonavir, medicinale impiegato come booster nei regimi antivirali per il trattamento dell’ HIV e dell’ epatite C cronica, induce la glucuronidazione della levotiroxina, ne risulta pertanto una diminuita esposizione sistemica alla levotiroxina.

Sebbene la glucuronidazione non sia la principale via di eliminazione della levotiroxina, bisogna considerare che gli effetti di induzione presentano una variabilità individuale molto ampia e questo aspetto riveste un ruolo importante per medicinali con stretto indice terapeutico, come la levotiroxina.

• Sono stati segnalati casi post –marketing indicativi di una potenziale interazione tra medicinali contenenti ritonavir e levotiroxina.

• L’ormone tireostimolante (TSH) deve essere monitorato in pazienti trattati con levotiroxina almeno durante il primo mese dall’inizio e/o dalla fine del trattamento a base di ritonavir.

I pazienti che assumono medicinali a base di ritonavir devono:

• Informare il medico o il farmacista se stanno assumendo, hanno recentemente assunto o potrebbero assumere medicinali contenenti levotiroxina, un medicinale usato nel trattamento di problemi alla tiroide
Per leggere tutto il documento vi invitiamo a cliccare sulla fonte qui sottostante.

Fonte: aifa.gov.it

Nota dal sito di EpaC: attualmente l’unica terapia per l’epatite C che contiene ritonavir è la seguente Ombitasvir/Paritaprevir/Ritonavir + Dasabuvir

Condividi:

Potrebbe interessarti anche