Home Farmaci anti hiv La FDA approva il primo regime farmacologico iniettabile HIV per adulti che convivono con virus

La FDA approva il primo regime farmacologico iniettabile HIV per adulti che convivono con virus

di Luca Negri
  • Cabenuva, il primo regime farmacologico iniettabile a lunga durata d’azione, è stato approvato per l’uso dalla FDA.
  • Le persone che vivono con l’HIV possono ora optare per questo trattamento al posto di prendere una pillola ogni giorno dell’anno.
  • Il trattamento Cabenuva comprende due farmaci iniettabili (cabotegravir sviluppato da ViiV Healthcare e rilpivirina di Janssen) che vengono somministrati tramite un’iniezione mensile somministrata da un operatore sanitario

Suzi Stewart, 62 anni, convive con l’HIV dal 2006 e da circa 15 anni non ha gradito il tradizionale regime di trattamento quotidiano di prendere una pillola al giorno.
Per lei, è stato un costante promemoria del suo stato di HIV. Quindi, è stato un sollievo quando ha scoperto una sperimentazione clinica per un nuovo il regime farmacologico iniettabile.

“Ho pianto quando ho dovuto aspettare per iniziare il nuovo regime farmacologico iniettabile, ero così stanco di prendere quella pillola, era come una festa quando potevo entrare e fare l’iniezione”, ha detto Stewart a Healthline. “Sembrava davvero una festa. Finalmente ho smesso di prendere quella pillola. “

Fonte dell’articolo: healthline.com

Stewart ha partecipato alla sperimentazione di Cabenuva, il primo trattamento per l’HIV iniettabile a lunga durata d’azione mai ricevuto – Approvazione della Food and Drug Administration (FDA)Fonte attendibile. Un trattamento Cabenuva è composto da due farmaci iniettabili: cabotegravir sviluppato da ViiV Healthcare e rilpivirina di Janssen.

I farmaci per questo regime farmacologico iniettabile, vengono somministrati come iniezioni intramuscolari nei glutei durante una visita clinica.

Perché questo è significativo? Invece di prendere una pillola ogni singolo giorno dell’anno, le persone affette da HIV che optano per questo trattamento devono solo ricevere un’iniezione mensile da un operatore sanitario.

La nuova approvazione del primo regime farmacologico iniettabile Hiv per adulti

Nel suo annuncio, la FDA ha anche approvato Vocabria, una versione in pillola orale di cabotegravir, che le persone dovranno assumere quotidianamente insieme a una forma orale di rilpivirina per un mese prima di iniziare il nuovo regime farmacologico iniettabilee.

Questo per garantire che possano tollerare i nuovi farmaci prima di adottare il nuovo corso di trattamento.

Il dottor David Wohl , professore di medicina presso l’Istituto di salute globale e malattie infettive dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, ha affermato che questo nuovo sviluppo offre un importante progresso nel modo in cui trattiamo l’HIV.

Un ricercatore di studi clinici per Cabenuva, Wohl ha detto a Healthline che il nuovo progresso riflette tutti i passi in avanti compiuti negli ultimi anni, ricordando la crisi dell’AIDS quando le persone erano costrette a “fare i propri antiretrovirali nelle loro vasche da bagno”.

I progressi nell’assistenza più inclusiva e i progressi nella ricerca sono notevolmente migliorati, nella misura in cui le persone con HIV possono vivere una vita lunga e sana, con farmaci che consentono loro di raggiungere uno stato non rilevabile .

Ciò significa che fintanto che aderiscono ai loro regolari trattamenti antiretrovirali, la carica virale dell’HIV nel sangue sarà a livelli così bassi che il virus non può più essere rilevato.

Le persone che non sono rilevabili non sono in grado di trasmettere il virus ai partner sessuali, ad esempio, secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Affrontare diverse forme di stigma

“La particolarità dell’HIV, che è diversa dall’assunzione di una pillola per il diabete, è che, sfortunatamente, c’è uno stigma che è stato etichettato nel vivere con l’HIV”, ha detto Wohl. “Parte di questo stigma è esterno: alcune persone non vogliono che altre persone vedano le loro pillole nell’armadietto dei medicinali, nella borsa o nello zaino.”

Ha aggiunto che c’è anche uno “stigma interno”. Può essere difficile affrontare la convivenza con l’HIV ogni giorno, farsi ricordare il proprio stato dovendo prendere una pillola ogni giorno.

“Può costringere le persone ad avere uno stigma contro se stesse. Per molti versi sentirsi in colpa, sentirsi male, sentirsi sporchi – queste sono purtroppo cose di cui le persone sono gravate “, ha detto.

“C’è una ricerca abbastanza ampia e ben fatta che mostra che questo ricorderà alle persone il loro HIV”, ha detto Wohl. “Quindi, da quello a non doverci pensare, adesso possono andare una volta al mese per un’iniezione, dunque possono tornare il più vicino a ciò che considerano il più normale possibile facendo solo un’iniezione ogni mese.”

Wohl ha aggiunto: “Su base psicologica, penso che per molte persone sarà un vantaggio”.

Il dottor Alan Taege , esperto di malattie infettive presso la Cleveland Clinic, ha detto di essere inizialmente sorpreso di vedere i risultati pubblici dello studio e di vedere quanti partecipanti preferivano prendere un farmaco iniettabile piuttosto che una pillola.

“Ogni giorno milioni di persone in questo paese prendono pillole per ogni genere di cose, ma più sei giovane, a volte è più difficile ricordare [prendere una pillola], e anche, quando invecchi, inizi a dimenticare anche le cose, “Ha detto Taege a Healthline.

Taege, che non è stato coinvolto nel processo, ha detto che non vedremo necessariamente un’adozione di massa di questo nuovo farmaco. Per prima cosa, dipende dalla fornitura e dallo stoccaggio.

Il farmaco dovrà essere conservato a basse temperature e le strutture dovranno avere lo spazio e la capacità per avere la giusta quantità di scorte. Dipenderà anche dalle tipiche preoccupazioni relative ai farmaci di chi può permettersi cosa e quale assicurazione coprirà.

Un’altra preoccupazione: ad alcune persone non piace ricevere iniezioni.

Taege immagina un futuro in cui questa sia un’opzione accessibile, in cui le persone che vivono con l’HIV possano scegliere tra questa e le forme più tradizionali di farmaci.

Il farmaco inizierà a essere spedito a grossisti e distributori specializzati a febbraio, ha detto a Healthline un rappresentante ViiV. Quindi sarà disponibile nei canali giusti per essere ordinato e reso disponibile.

Wohl ha ricordato di aver curato un uomo con l’HIV anni fa che ha detto che il suo “regime ideale” di prendere le pillole era “più mi avvicini a zero, meglio è”.

Ha detto che non è un segreto che le persone vogliano prendere meno medicine, non vogliono fissare quella piccola compressa ogni giorno.

Wohl pensa che ci dirigeremo verso un futuro prossimo in cui più di questi tipi di farmaci iniettabili saranno la norma e, come Taege, ha aggiunto che daranno alle persone una scelta.

‘Una svolta “

“Alcune persone descrivono questo come una svolta nel trattamento dell’HIV semplicemente a causa della potenziale comodità e privacy del paziente, che è qualcosa che penso andrà bene per un certo numero di pazienti, e alla fine vedremo quanti, a lungo termine, lo adotteranno “, Ha detto Taege. “Speriamo di poterlo fare in modo che possa aiutare tutti i pazienti ad avere una vita migliore.”

Wohl ha aggiunto che questo non può essere sottovalutato. “È davvero un grosso problema, è storico”, ha detto.

Ora, la sfida sarà assicurarsi che sia ampiamente diffuso. Non può raggiungere solo New York o San Francisco. Ha detto che deve essere nei luoghi in cui l’HIV ha colpito più duramente e dove le persone hanno bisogno di accedere a terapie nuove e migliori, come Johannesburg, in Sud Africa, e Monrovia, in Liberia.

Quando la Stewart, che vive in Iowa, ripensa al suo viaggio con l’HIV, ha detto di sentirsi fortunata. Ha una famiglia solidale che non l’ha mai stigmatizzata perché convive con l’HIV.

Ha detto che non dimenticherà mai quando ha scoperto per la prima volta il suo stato: aveva sintomi simil-influenzali che continuavano a peggiorare e perdita di peso. Un esame mirato ha rilevato che aveva un mughetto avvolto intorno al suo esofago.

Il suo medico le ha chiesto se era stata sottoposta a test per l’HIV prima e quando ha detto “no”, è stata subito testata e ha trovato i risultati. A quel tempo, viveva con sua madre, che non era altro che di supporto.

“Ero estremamente malato, molto malato, quasi sul punto di morire, in realtà. È stata una benedizione aver ricevuto subito l’aiuto di cui avevo bisogno “, ha detto Stewart.

Oggi gode di buona salute ed è felice di ricevere questo nuovo farmaco e di poter condividere la sua storia con gli altri.

“Sono solo benedetto da una famiglia meravigliosa e da amici che lo hanno accettato subito. Ho dei nipoti e un pronipote. E ho imparato che devi vivere per te stesso e per le persone che ti amano. ma è una scelta personale “, ha detto durante la discussione sulla scelta del farmaco giusto per te.

“È per ciascuno il suo”, ha detto. “Ma per me è stata una scelta meravigliosa.”

Fonte: FDA Approves First Long-Lasting Injectable HIV Medication (healthline.com)

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetta Tutto Scopri di più