Home Effetti collaterali La terapia precoce riduce il rischio di tumori di origine infettiva

La terapia precoce riduce il rischio di tumori di origine infettiva

di Neptune

La terapia precoce riduce il rischio di tumori di origine infettivaLa terapia precoce antiretrovirale con una conta dei CD4 superiore a 500 ha molte meno probabilità di sviluppare una tumori di origine infettiva rispetto a chi entra in cura con conte dei CD4 meno elevate. Sono risultati che vengono da un ampio studio denominato START, mirato a indagare proprio il tema dei benefici della terapia precoce.

Lo studio ha preso in considerazione pazienti con conte dei CD4 superiori a 500, che sono stati randomizzati per iniziare subito la terapia precoce antiretrovirale o attendere finché la conta linfocitaria non fosse scesa a 350.

Complessivamente, dai risultati è emerso che la terapia precoce ha indubbi benefici. I risultati preliminari mostravano anche che, iniziando prima il trattamento, il rischio di tumore diminuiva di due terzi, ma non si faceva specificamente distinzione in base all’eziologia del tumore.

L’analisi più recente si è invece concentrata proprio sulle patologie tumorali di origine infettiva, dimostrando che la terapia precoce è in grado di ridurre il rischio del 75%. Le forme di tumore più comuni sono risultate il sarcoma di Kaposi e il linfoma non-Hodgkin. Tra gli altri predittori dell’insorgenza di una patologia tumorale di origine infettiva sono stati identificati l’età avanzata, un alto indice di massa corporea (BMI), la provenienza del paziente da una regione a basso reddito e una carica virale elevata.

Resoconto completo su aidsmap.com

FONTE: aidsmap.com

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più