Home Associazioni La protesta delle associazioni: il Servizio Sanitario Nazionale garantisca immediatamente l’accesso alla PrEP

La protesta delle associazioni: il Servizio Sanitario Nazionale garantisca immediatamente l’accesso alla PrEP

di Luca Negri
ICAR - Hiv: stabili le diagnosi, urge far emergere il sommerso. Piano Nazionale AIDS e Global Health

La protesta delle associazioni: il Servizio Sanitario Nazionale garantisca immediatamente l’accesso alla PrEP – Profilassi Pre Esposizione in Italia.
#ICAR2018 #ICAR2018Roma #PrEP #Hiv #Aids

accesso alla PrEP: a Icar 2018 ancora una protesta delle associazioni

Protesta delle associazioni: il Servizio Sanitario Nazionale garantisca immediatamente accesso alla PrEP – Profilassi Pre Esposizione in Italia.

ICAR 2018 – Giulio Maria Corbelli, di Plus, interviene a nome delle associazioni per spiegare i motivi della protesta.

l’accesso alla PrEP: Nel nostro Paese, la storia della PrEP è una storia di attese e rinvii.
Oggi solo nelle grandi città le persone possono acquistare il farmaco necessario alla Profilassi Pre-Esposizione che può evitare di contrarre l’Hiv e farsi controllare periodicamente. Ma la PrEP non è ancora inserita in una strategia di prevenzione combinata, nè ci sono risorse pubbliche destinate a questa opzione. E questo nonostante sia indicato come uno degli strumenti di prevenzione su cui investire all’interno del Piano Nazionale Aids.

Sicuramente la classe politica e le istituzioni sanitarie hanno mancato di svolgere il proprio ruolo rispetto all’implementazione della PrEP. Tuttavia, come ha riconosciuto nella giornata di apertura di questo convegno anche il presidente di Simit Massimo Galli – che pure, insieme ai presidenti di ICAR, è una delle persone che si sta spendendo di più per l’implementazione della PrEP in Italia – anche all’interno della comunità scientifica di malattie infettive ci sono delle resistenze.

Noi riteniamo che, con le evidenze scientifiche oggi disponibili, ostacolare, o anche solo non agevolare l’accesso alla PrEP per le persone che lo desiderano sia un atteggiamento moralista che, impedendo la prevenzione di fatto, rende co-responsabile di nuove infezioni.

Oggi, le associazioni presenti a ICAR considerano questa situazione non più tollerabile. Ci sono persone che si stanno infettando e che potrebbero evitarlo grazie alla PrEP. Chiunque ostacoli il ricorso alla PrEP dovrebbe sentirsi la responsabilità di queste infezioni.

LILA – Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids PLUS Arcigay Anlaids NPS Italia Onlus #NadirOnlus

Fonte: Community ICAR

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più