Home Attualità L’accesso alle cure della persona straniera. Seconda edizione

L’accesso alle cure della persona straniera. Seconda edizione

di Luca Negri
L'accesso alle cure della persona straniera. Seconda edizione

L'accesso alle cure

L’accesso alle cure della persona straniera. Seconda edizione.

L’accesso alle cure: un vademecum dedicato ai migranti sull’assistenza socio-sanitaria in Italia. Guida operativa dell’Istituto Superiore di Sanità “L’accesso alle cure della persona straniera: indicazioni operative”, giunta alla seconda edizione, due anni dopo la sua prima pubblicazione.

Il volume, frutto della collaborazione tra l’Unità operativa di Ricerca psico-socio-comportamentale, Comunicazione, Formazione e il Centro Operativo AIDS del Dipartimento Malattie Infettive dell’ISS, il Ministero della Salute e un esperto legale in diritto dell’immigrazione del Foro di Palermo.

Allegati

L’accesso alle cure della persona straniera: indicazioni operative. Seconda edizione

A cura di A.M. Luzi, G.M. Pasqualino, L. Pugliese, M. Schwarz, B. Suligoi. 2015, viii, 62 p.
In uno scenario dominato da crescenti flussi migratori è necessario fornire agli operatori socio-sanitari e ai mediatori linguistico-culturali, strumenti di intervento per assicurare una risposta efficace al bisogno di tutela della salute della persona straniera. Tale considerazione ha spinto un gruppo di ricercatori dell’Istituto
Superiore di Sanità (ISS) e di esperti legali, in collaborazione con il Ministero della Salute e con gli specialisti in editoria scientifica e grafica del Settore Attività Editoriali dell’ISS, a stilare una guida operativa sull’accesso alle cure dei migranti.
L’impulso alla realizzazione del lavoro è stato fornito dalla conclusione dell’Accordo Stato-Regioni
(anno 2013), con cui si è voluto assicurare, sull’intero territorio nazionale, la parità di trattamento della persona straniera.
Sotto il duplice profilo dell’assistenza sanitaria e dell’accesso alle cure per i soggetti più vulnerabili. Rilevante, nella materia, è stato anche il recepimento della Direttiva 2011/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera, che ha ampliato, per i cittadini dell’Unione Europea, la possibilità di accedere alle cure sanitarie negli altri stati membri.

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più