Home » Le terapie complementari

Le terapie complementari

di Luca Negri
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il

Le terapie complementariRagioni per cui le persone con HIV usano le terapie complementari.

Introduzione
Le terapie complementari sono usate da molte persone con HIV
Non ci sono consensi da parte degli infettivologi sul ruolo che le terapie complementari possono avere nel trattamento dell’infezione da HIV. Alcuni di loro le scartano a priori mentre altri hanno un approccio più aperto.

 

Questo è in parte dovuto al fatto che le terapie complementari non sono state soggette a valutazioni rigorose sulla loro efficacia e sicurezza come accade invece per le terapie ‘ufficiali’.
Le ragioni che spingono all’uso di terapie complementari includono la riduzione dello stress, il sollievo dagli effetti collaterali e dal dolore e il rafforzamento del sistema immunitario.
Di seguito vengono riportate più informazioni riguardanti tali aspetti.

Riduzione dello stress
Molte persone usano le terapie complementari per ridurre lo stress. Possono trarne un beneficio provando una sensazione  di miglioramento del benessere generale e della salute.

Riduzione degli effetti collaterali della terapia.
Gli effetti collaterali della terapia anti HIV e dei farmaci usati per eventuali infezioni opportunistiche possono migliorare con l’uso di farmaci complementari o supplementari(integratori).
Ad esempio un supplemento di calcio può aiutare nel controllo della diarrea, uno dei più comuni effetti collaterali della terapia. Gli oli usati nell’aromaterapia, come rosmarino e menta possono ridurre il senso di nausea; erbe come la valeriana hanno un effetto rilassante che può servire nei distrurbi del sonno o per calmare l’ansia.

Rafforzamento del sistema immunitario.
Alcune persone usano le terapie complementari come mezzo per sostenere il sistema immunitario. Non c’è evidenza che ciò funzioni, ma è possibile che ci sia un beneficio nel senso generale di benessere.

Rallentamento nella progressione della malattia
E’ risaputo che le persone con HIV hanno  carenza di importanti sostanze nutrienti.
Si tratta di un sintomo dell’infezione da HIV piuttosto che di una causa di immunodeficienza o di un’ infezione opportunistica. I ricercatori hanno valutato i supplementi nutrizionali necessari per le persone con hiv. Molte di queste ricerche sono state condotte nei paesi poveri dove c’è un accesso limitato alle terapie antiretrovirali. I risultati di questi studi sono stati incoraggianti e suggeriscono che una pillola multivitaminica giornaliera può aiutare a rallentare la progressione della malattia. Ma ciò non può comunque sostituire il trattamento antiretrovirale.

Sollievo dal dolore
Alcuni titpi di terapie complementari possono dare sollievo dal dolore. L’agopuntura è usata comunemente per ridurre il dolore, così come cicli di massaggi o sedute con osteopati possono essere efficaci soprattutto in presenza di dolori ai muscoli o alle giunture. Sarebbe comunque opportuno informare il proprio medico in caso di sensazioni dolorose specificando se sono di lieve entità e saltuarie o invece più importanti e persistenti.

Trattamenti contro altre infezioni
Non c’è evidenza che le terapie complementari possano prevenire o curare le più comuni infezioni. Si può mettere in gioco la vita scegliendo approcci alternativi nel trattamento di infezioni come la polmonite ad esempio, che invece richiederebbero un appropriato trattamento antibiotico. I rimedi erboristici, l’agopuntura o l’omeopatia possono alleviare i sintomi delle infezioni, come le sudorazioni notturne, ma non guarire l’infezione stessa.

Punti da ricordare sulle terapie complementari.

Le terapie complementari non risolveranno i vostri problemi di vita e salute, bisogna essere realistici riguardo alle aspettative che possono nascere a riguardo.
Ad esempio domandatevi se scegliete una terapia complementare per aiutarvi a controllare sintomi o effetti collaterali o semplicemente che vi renda più facile conviverci.
Le terapie complementari non sono soggette alle regolamentazioni e ai controlli che invece vengono effettuati per i farmaci convenzionali. Per questa ragione trattate con sospetto le affermazioni sull’efficacia effettiva della terapia che state considerando.
Così come le medicine convenzionali anche le terapie complementari possono avere effetti collaterali che possono essere dannosi.
Inoltre spesso le erbe medicinali intaragiscono con i farmaci antiretrovirali. Ad esempio un’erba usata come antidepressivo, l’Erba di San Giovanni può ridurre i livelli degli inibitori della proteasi e dei NNRTi nel sangue. Dosaggi eccessivi di vitamina C possono ridurre la concentrazione plasmatica dell’indinavir e alti dosaggi di aglio riducono il livello di invirase e degli NNRTi.
Solo perchè un trattamento è ‘naturale’ non significa che automaticamente sia sicuro o senza rischi

Combinare terapie convenzionali e complementari

Chiedi sempre al tuo medico quali terapie complementari o supplementari puoi utilizzare e ascolta qualsiasi dubbio lui eprimerà riguardo la tua scelta.
Sebbene un bravo medico rispetterà sempre le tue decisioni prendi comunque nota di qualsiasi prova lui ti porterà riguardo all’inutilità o alla pericolosità dell’utilizzo di tale terapia. D’altra parte se ti troverai in completo disaccordo con lui potrai sempre cercare o rivolgerti ad un altro medico del centro HIV dove sei seguito, che abbia un atteggiamento più aperto nei confronti delle terapie complementari.

E’ molto importante che tu possa sapere se puoi combinare la tua terapia convenzionale con una complementare, soprattutto se intendi utilizzare rimedi erboristici o integratori.
Come precedentemente menzionato infatti, molte erbe e supplementi possono interagire con i farmaci antiretrovirali. In alcuni casi le interazioni sono ben conosciute, in altri magari non ci sono sufficienti dati in proposito.

Alcuni specialisti di terapie non convenzionali hanno l’opinione che le medicine convenzionali contribuiscano o siano loro stesse causa delle malattie. Tali terapeuti devono comunque rispettare le tua scelta di utilizzare farmaci convenzionali perchè non deve essere dimenticato che il miglioramento della salute delle persone che vivono con l’hiv e la drastica riduzione di morti per aids sono dovuti all’efficacia del trattamento antiretrovirale.
Trattate con sospetto qualsiasi terapeuta che questioni o neghi questa evidenza.

Le terapie complementari dalla A alla Z

Introduzione
Di seguito trovate una breve introduzione alle terapie complementari utilizzate dalle persone con HIV.

Agopuntura
E’ un aspetto della medicina tradizionale cinese. Riguarda l’inserimento di aghi in diverse parti del corpo per favorire il flusso dell’energia. Solitamente è una pratica non dolorosa o solo leggermente fastidiosa. Può aiutare a combattere lo stress, la stanchezza e il dolore.

Aromaterapia
Questa pratica utilizza olii essenziali estratti dalle piante. Ogni olio si suppone abbia un differente effetto curativo su mente e corpo. Possono essere inalati direttamente o utilizzati per bagni o massaggi.
L’aromaterapia è un trattamento efficace contro lo stress e favorisce il rilassamento.
Alcuni olii possono essere tossici ed è quindi meglio consultare un aromaterapista qualificato prima di utilizzarli.

Training autogeno
E’ una tecnica che utilizza giornalmente esercizi mentali per ridurre lo stress collegando mente e corpo per mezzo di uno stato di profondo rilassamento e incoraggiando la guarigione.
Porta ad un aumento dell’energia e al miglioramento dei problemi legati al sonno. Può essere utile per combattere alcuni sintomi come difficoltà respiratorie o sudorazioni notturne

Dieta
La dieta gioca un ruolo chiave in molte terapie complementari, ma ci sono alcune diete che rivendicano il diritto di migliorare la salute e il sistema immunitario. Queste includono la dieta macrobiotica , quella anti-candida, quella biologica, ecc.. .
Ognuna di loro può avere dei vantaggi, ma cambiare l’intero regime alimentare in una volta può essere molto difficile e se sei ammalato o hai complicazioni metaboliche potrebbe non essere una buona idea.
Meglio parlare con un dietista prima di effettuare cambiamenti radicali nel proprio modo di nutrirsi.

Esercizio fisico
Ogni forma di esercizio fisico ti aiuterà a incrementare il benessere  cardiovascolare riducendo il rischio di malattie cardiache, ti aiuterà a mantenere la massa muscolare e favorire la capacità di combettere le infezioni
Esercizi come T’ai chi , lo  yoga , ecc.,  sono discipline che servono per ritrovare l’equilibrio tra corpo, mente e spirito.

Tocco terapeutico e curativo
Esistono diverse forme di cura attraverso l’imposizione delle mani, incluso alcune basate sulla fede e terapie come il Reiki. Tutte cercano di stimolare il processo di guarigione tramite una persona che, agendo da canale energetico, fa fluire la propria energia in un’altra. I risultati che sono riportati, includono miglioramenti sia nella salute fisica sia mentale, ed un gran rilassamento.

Rimedi a base di erbe o fiori
Questa è una forma di medicina nella quale vengono utilizzate piante o erbe che aiutano a mantenersi in salute, trattare malattie e favorire la guarigione.
I trattamenti a base di erbe possono essere usati per trattare piccoli disturbi come alcune infezioni fungine trattate con the verde o aglio.
Ci possono però essere reazioni dovute all’interazione con i farmaci antiretrovirali. Parla sempre prima col tuo medico su ogni terapia vegetale che stai prendendo o che pensi di prendere.

Omeopatia
Nell’omeopatia piccolissime quantità di sostanze che normalmente causano malattie vengono usate per trattare la malattia stessa. I sintomi non sono repressi ma favoriti e il corpo viene visto come il mezzo che cura se stesso.
I rimedi omeopatici sono personalizzati per ogni individuo.
L’approccio dell’omeopata all’hiv può seguire diversi orientamenti. In alcuni casi si occupa di trattare particolari infezioni, in altri si rivolge al danno del sistama immunitario interessandosi sia ai sintomi emotivi che a quelli fisici.

Ipnosi
Lo stato di trance indotto dall’ipnosi apre la mente a suggerimenti che possono servire per ridurre sintomi come dolore e/o stress ed aiutare nel trattamento psicologico. E’ comunque importante farsi seguire da un professionista accreditato.

Massaggi
Una delle più semplici e popolari terapie. I massaggi sono eccellenti per ridurre lo stress, favorire una sensazione di benessere ed aiutare ad alleviare dagli effetti collaterali della terapia antiretrovirale.

Naturopatia
Si tratta di un procedimento senza l’uso di farmaci basato sul principio  che il corpo sia in grado di curarsi da solo col sostegno di cambiamenti dietetici, digiuno, eliminazione di tossine col sudore ed esercizio.
Il naturopata deve comunque  riconoscere l’importanza delle medicine quando sono necessarie e orientare i propri rimedi per favorire il benessere generale.

Osteopatia
E’ una terapia fisica manipolativa orientata a correggere disfunzioni strutturali del corpo che causano problemi di salute. Dolori ricorrenti al tronco, al collo, problemi di sudorazione, di respirazione o intestinali possono assere migliorati tramite l’omeopatia. Viene largamente usata nei dolori muscolari e articolari migliorando la vitalità generale.

Riflessologia
Tratta la pianta del piede come una mappa dell’intero corpo e massaggiando aree specifiche del piede viene migliorata la salute della relativa parte del corpo.
La riflessologia può dare sollievo a vari sintomi, ridurre effetti collaterali e stress.

Shiatsu
E’ una combinazione di massaggi e agopuntura dove, la pressione applicata in punti del corpo favorisce l’afflusso di sangue ed energia incrementando la vitalità. Può essere un trattamento effettivo contro stress, ansia e disturbi correlati come l’insonnia. Viene anche usata per trattare sintomi ed effetti collaterali come la nausea.

Medicina Tradizionale Cinese
E’ una disciplina medica che usa concetti, linguaggi e metodi completamente diversi dalla medicina occidentale.
Incorpora vari elementi come qi gong, agopuntura e rimedi vegetali. Qi gong e agopuntura sono entrambi diretti al bilanciamento dell’energia ‘qi’, nel corpo.
Le erbe utilizzate dalla medicina cinese fanno parte di una pratica millenaria e servono per rafforzare il sistema immunitario in modo sufficiente per combattere direttamente le infezioni. Possono causare effetti collaterali e interagire con i farmaci prescritti dalla medicina occidentale.

Visualizzazione
Utilizza immagini mentali per combattere le malattie e gli è stato dato merito di migliorare i sintomi e favorire il livello di energia.

Liberamente tradotto a cura di Poloinformativohiv
Fonte: namlife.org

Potrebbe interessarti anche

Usiamo i cookie e i metodi simili per riconoscere i visitatori e ricordare le preferenze. Li usiamo anche per misurare l'efficacia della campagna e analizziamo il traffico del sito. Accetta tutto e visita il sito Per ulteriori dettagli o per modificare le tue scelte di consenso in qualsiasi momento vedere la nostra politica sui cookie.