Home Attualità Margaret Thatcher bloccò campagna anti Aids per riferimenti a sesso anale

Margaret Thatcher bloccò campagna anti Aids per riferimenti a sesso anale

di Luca Negri
Margaret Thatcher bloccò campagna anti Aids per riferimenti a sesso anale

Margaret Thatcher bloccò campagna anti Aids per riferimenti a sesso analeMargaret Thatcher bloccò campagna anti Aids per riferimenti a sesso analeFino a quando il riferimento venne cambiato in “rapporto rettale”.

La lady di ferro Margaret Thatcher si trovò ai ferri corti con i suoi colleghi di governo quando all’inizio negli anni Ottanta si aprì una disputa sull’uso dei termini legati al sesso anale nell’ambito delle campagne di prevenzione dell’Aids.

La notizia appare su “Independent”. Il governo conservatore dovette prendere atto all’epoca dell’allerta legata ai 300mila nuovi casi di contagio da Hiv in sette anni e cercò di porre rimedio con una campagna sul sesso sicuro rivolta non soltanto alla comunità gay, ma anche al resto della popolazione.

Secondo i documenti diffusi dagli Archivi nazionali di Kew, l’allora ministro della Salute, Norman Fowler, propose nel febbraio 1986 una pagina di pubblicità sui principali quotidiani dal titolo “Sesso a richio”, incentrato sui pericoli del sesso anale, come principale via di trasmissione del virus dell’Hiv. La Thatcher bocciò il progetto perché avrebbe rischiato di corrompere la morale pubblica.

La Thatcher chiese anche che fosse aperta un’inchiesta sulla possibilità che la campagna di sensibilizzazione potesse violare la legge sulle oscenità. La risposta fu che il progetto era legale, ma il premier rispose: “Resto contraria a una parte di questa campagna. Ritengo che l’ansia relativa ai genitori e agli adolescenti che non saranno mai a rischio Aids possa superare gli effetti benefici che potrebbe avere”. La questione si chiuse quando rappresentanti del ministero della Sanità proposero al posto di “sesso anale” la frase “rapporto rettale”. La Thatcher, forse persuasa dell’urgenza sanitaria, si convinse e diede il via libera alla campagna stampa. Dmo-Plg.

Fonte: askanews.it

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più