Home » Tre consigli per i musulmani con l’HIV che seguono il Ramadan

Tre consigli per i musulmani con l’HIV che seguono il Ramadan

di Luca Negri
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il

 

Tre consigli per i musulmani con l’HIV che seguono il Ramadan

Alcune indicazioni importanti, divulgate dalla storica associazione francese Sida Info Service, per permettere ai fedeli musulmani con l’HIV di affrontare serenamente il Ramadan.

 

1) Innanzitutto, si può seguire la pratica religiosa del Ramadan solo se, oltre all’HIV, non si soffre di altre patologie, come diabete e ipertensione.

2) Possono rispettarlo solo i pazienti che assumono i medicinali in dosaggio unico. Vietato, invece, a chi li prende a due o tre riprese nell’arco della giornata. In quanto, gli intervalli temporali da rispettare tra una dose e l’altra durante il mese sacro sono troppo brevi.

3) Per i farmaci che vanno presi lontano dai pasti, ci si può regolare in base agli orari di fine o inizio del digiuno.

di Annalisa Lista

Fonte: west-info.eu

Potrebbe interessarti anche

Usiamo i cookie e i metodi simili per riconoscere i visitatori e ricordare le preferenze. Li usiamo anche per misurare l'efficacia della campagna e analizziamo il traffico del sito. Accetta tutto e visita il sito Per ulteriori dettagli o per modificare le tue scelte di consenso in qualsiasi momento vedere la nostra politica sui cookie.