Home Epidemiologia Nadir Condivide e Sottoscrive la Dichiarazione EATG sulla Pandemia e sui problemi clinici e sociali per la popolazione con HIV e quella particolarmente vulnerabile

Nadir Condivide e Sottoscrive la Dichiarazione EATG sulla Pandemia e sui problemi clinici e sociali per la popolazione con HIV e quella particolarmente vulnerabile

di Luca Negri
Disponibili gli ultimi due numeri di Delta, numero 85 e 86 da Nadir Onlus

Dichiarazione EATG sull’evoluzione della pandemia di COVID-19

(Bruxelles, 26 marzo 2020) – L’11 marzo l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato l’epidemia di COVID-19 una pandemia. Due settimane dopo, la pandemia sta accelerando in modo esponenziale, avendo colpito quasi tutti i paesi del mondo, alcuni dei quali più colpiti si trovano in Europa.

Le persone che vivono e sono colpite dall’HIV in Europa e in Asia centrale, partner, famiglie e amici sono preoccupati per le implicazioni che la pandemia di COVID-19 può avere per le nostre vite, per i sistemi sanitarie e per le nostre comunità.

Nadir Condivide e Sottoscrive la Dichiarazione EATG sulla Pandemia e sui problemi clinici e sociali per la popolazione con HIV e quella particolarmente vulnerabile

Mentre le persone che vivono con l’HIV che hanno raggiunto la soppressione virale dell’HIV attraverso il trattamento antiretrovirale sembrano avere una vulnerabilità simile alla SARS-CoV-2 come la popolazione generale, ci sono molti che hanno accesso intermittente o assente al trattamento e il loro sistema immunitario rimane compromesso. Poiché l’accesso è più problematico nei paesi dell’Europa orientale e dell’Asia centrale, siamo preoccupati per l’impatto che la crescente pandemia può avere su queste popolazioni. Inoltre, oltre la metà delle persone che vivono con l’HIV in Europa ha più di 50 anni e ha un aumento delle comorbilità come malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche e ipertensione, che i dati clinici attuali suggeriscono come fattori di rischio per la vulnerabilità e le implicazioni di COVID-19.

Al di là delle potenziali implicazioni cliniche, le conseguenze psicologiche, sociali ed economiche di questa emergenza globale avranno probabilmente un ruolo ancora più importante nella nostra vita. Esprimiamo le nostre preoccupazioni e sottolineiamo l’importanza della solidarietà e della cooperazione tra le organizzazioni della comunità, i governi locali, le agenzie internazionali e dell’UE e l’industria farmaceutica per prendere provvedimenti riguardo a:

Continuità dei servizi di trattamento, cura, test e prevenzione

La maggior parte dei paesi in Europa ha applicato politiche di allontanamento sociale, autoisolamento e coprifuoco. I sistemi sanitari già sovraccarichi sono chiamati a indirizzare tutti i loro sforzi per affrontare l’attuale emergenza. A causa delle restrizioni necessarie, i servizi basati sulla comunità sono tenuti a sospendere temporaneamente le loro operazioni.

Il personale sanitario negli ospedali e le impostazioni di comunità / soglia bassa in prima linea sono particolarmente esposti a SARS-CoV-2, molti dei quali non hanno accesso sufficiente ai dispositivi di protezione individuale (DPI).

Le restrizioni e i controlli sui trasporti internazionali hanno un impatto sulle filiere dei medicinali. In questo contesto, il rischio di interruzione dei servizi essenziali è considerevole: annullamento degli appuntamenti medici, mancata coerenza della fornitura di trattamento che influisce sull’aderenza al trattamento, interruzione dell’accesso a PrEP e OST, preoccupazioni sollevate sulla sicurezza e sulla fattibilità di servizi di sensibilizzazione e di favore della comunità, tra cui riduzione del danno, test ecc.

È necessario attuare una strategia per garantire l’erogazione di servizi critici a coloro che ne hanno bisogno in modo sicuro e di facile utilizzo. Ciò include l’accesso ai farmaci essenziali per coloro che non sono stati in grado di tornare nei loro paesi di residenza a causa delle restrizioni di viaggio nazionali. L’esperienza passata e il pensiero creativo possono essere combinati per superare le barriere emergenti. Può esserci una cooperazione transfrontaliera tra paesi e comunità per affrontare la carenza di medicinali e garantire la prosecuzione del trattamento. I gruppi di comunità possono imparare gli uni dagli altri per ottimizzare gli strumenti esistenti e fornire servizi in modo diverso. L’orientamento sanitario d’emergenza dovrebbe inoltre consentire alle persone di visitare non solo le strutture sanitarie ma anche i centri di servizi comunitari per servizi essenziali, se necessario.

Popolazioni chiave e diritti umani interessati da COVID-19

L’attuale pandemia minaccia di esacerbare le disparità esistenti affrontate dalle popolazioni chiave colpite dall’HIV. Questa crisi sta già mettendo a dura prova la maggior parte delle sfere della vita in tutto il mondo e dei gruppi vulnerabili che rimangono senza una rete di sicurezza a causa delle barriere normative e legali esistenti: le prostitute si trovano ad affrontare una drastica perdita di reddito, l’accesso ai servizi diventa ancora di più difficile o impossibile per i migranti e le persone che usano droghe e le misure di autoisolamento non sono nemmeno applicabili per i senzatetto e nelle carceri.

Molte delle attività che definiscono queste comunità sono legate al rischio, come l’uso di droghe e i rapporti sessuali. Le misure penali derivanti dalle attuali politiche di autoisolamento saranno aggiunte alla criminalizzazione esistente in molti paesi europei.

Pertanto, l’EATG chiede strategie per mitigare il rischio che coinvolgeranno queste popolazioni chiave. Insieme a politiche basate sull’evidenza per affrontare la pandemia di COVID-19 su larga scala, chiediamo soluzioni basate sui diritti per le persone che hanno affrontato l’esclusione sociale e sono più vulnerabili nel contesto attuale.

Rimaniamo a distanza fisica, in solidarietà.

Fonte: Nadir Onlus

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più