Home I Congressi I Primi studi presentati alla IV Conferenza IAS HIVR4P, studio HPTN 084

I Primi studi presentati alla IV Conferenza IAS HIVR4P, studio HPTN 084

di Luca Negri
Published: Last Updated on

I primi studi presentati a HIVR4P, lo studio HPTN 084, Anticorpi neutralizzantiI e Islatravir

Iniziata la IV Conferenza IAS sullo stato dell’arte della ricerca su prevenzione, terapia, ruolo dello stile di vita di fronte al blocco provocato dal coronavirus. La conferenza è concepita anche per stimolare l’attenzione sul continente africano che non è riuscito ancora ad applicare le raccomandazioni UNAIDS sulla prevenzione.
I primi studi presentati a HIVR4P, studio HPTN 084, Anticorpi neutralizzantiI e Islatravir, Anticorpi neutralizzantiI e Islatravir

PREVENZIONE

I primi studi presentati a HIVR4P, lo studio HPTN 084, Anticorpi neutralizzantiI e Islatravir
Il dottor Sinead Delany-Moretlwe presenta il progetto dello studio HPTN 084

CABOTEGRAVIR INIETTABILE A LUNGA DURATA D’AZIONE PREVIENE L’INFEZIONE DA HIV NELLE DONNE
I risultati finali aggiornati della fase in cieco dello studio HPTN 084, inclusi nuovi dati su aumento di peso, gravidanza e incidenza di IST, forniscono un’ulteriore prova che un regime PrEP di cabotegravir iniettabile a lunga durata d’azione (CAB) è sicuro e superiore al tenofovir orale giornaliero / emtricitabina (TDF / FTC) nella prevenzione dell’HIV tra le donne cisgender in Africa.

La fase in cieco dello studio HPTN 084 è stata interrotta all’inizio dello scorso anno dopo un’analisi ad interim da parte del comitato di monitoraggio della sicurezza dei dati dello studio.

Lo studio HPTN 084 aveva arruolato 3.224 donne cisgender HIV-negative e sessualmente attive nell’Africa sub-sahariana. I partecipanti erano stati randomizzati a un CAB più placebo o TDF / FTC o TDF / FTC più placebo CAB. Hanno ricevuto cinque settimane di prodotto orale giornaliero seguite da iniezioni intramuscolari ogni otto settimane dopo un carico iniziale a intervalli di quattro settimane, insieme a pillole orali giornaliere.

La ricerca dell’Università del Witwatersrand, conferma il CAB come il primo agente di prevenzione dell’HIV iniettabile sicuro ed efficace per le donne cisgender.

Punti salienti:
– CAB e TDF / FTC sono stati entrambi efficaci nella prevenzione dell’HIV. Sono state osservate in totale 40 infezioni da HIV (4 nel gruppo CAB; 36 nel gruppo TDF / FTC) su 3.892 anni-persona; l’incidenza cumulativa dell’HIV era di 1,03 per 100 anni-persona. Tuttavia, CAB era superiore a TDF / FTC; le donne nel gruppo CAB avevano un rischio inferiore dell’89% di infezione da HIV rispetto al gruppo TDF / FTC, probabilmente a causa del vantaggio di aderenza conferito da 8 iniezioni settimanali.

– Entrambi i prodotti sono risultati sicuri e ben tollerati, con poche differenze negli eventi avversi di Grado 2+ per braccio – a parte le reazioni nel sito di iniezione, che erano più alte nel gruppo CAB ma generalmente lievi. Un aumento immediato del peso corporeo (circa 0,4 kg) è stato osservato nel braccio CAB, ma è stato piccolo rispetto all’aumento di peso in entrambi i bracci nel corso dello studio (+2,4 kg / anno nel braccio CAB; +2,2 kg / anno nel braccio TDF / FTC).

– L’incidenza della gravidanza per 100 anni-persona è stata di 1,3 totali (1,5 nel gruppo CAB, 1,1 nel gruppo TDF / FTC); non sono state segnalate anomalie congenite.

– L’incidenza di clamidia e gonorrea è stata simile in entrambi i bracci dello studio; utilizzando queste IST come marker di compensazione del rischio, non c’era evidenza di differenze di rischio per braccio.

Questi risultati completano quelli di HPTN 083, sul CAB iniettabile a lunga durata d’azione come farmaco superiore al TDF / FTC orale giornaliero nella prevenzione dell’HIV tra uomini cisgender e donne transgender che hanno rapporti sessuali con uomini.

ANTICORPI NEUTRALIZZANTI
Annunciati oggi nuovi progressi nella ricerca di anticorpi neutralizzanti di classe VRC01 mirata all’immunogeno derivato da anticorpi anti-idiotipici, un progresso che potrebbe aiutare ad accelerare lo sviluppo di un vaccino contro l’HIV. Sono tra i più ampi e potenti anticorpi ampiamente neutralizzanti (bNAb) conosciuti; prendono di mira il sito di legame CD4 sulla proteina dell’involucro dell’HIV (Env).

I punti da rilevare includevano i risultati di studi che valutavano se le endovena con un anticorpo ampiamente neutralizzante (bNAb) potranno prevenire l’acquisizione dell’HIV. Positivi i risultati provvisori da uno studio sulla profilassi pre-esposizione iniettabile a lunga durata d’azione (PrEP) nelle donne.

ISLATRAVIR, PROMETTENTE COME PREP ORALE UNA VOLTA AL MESE
Una pillola mensile di islatravir, secondo un’analisi ad interim dei dati di uno studio di fase 2°, rappresenta il primo inibitore nucleosidico della traslocazione della trascrittasi inversa (NRTTI) in fase di sviluppo per la prevenzione e il trattamento dell’HIV.

Lo studio sta valutando la sicurezza, la tollerabilità e la farmacocinetica (PK) di islatravir orale negli adulti a basso rischio di HIV. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere sei dosi di Islatravir 60 mg, Islatravir 120 mg o placebo somministrati per via orale una volta al mese. I livelli plasmatici di islatravir sono stati misurati in tutti i partecipanti e islatravir PK nelle cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC) e nel tessuto mucoso è stato misurato in un sottogruppo.

Sharon Hillier ha presentato un’analisi ad interim su 192 (76,8%) dei 250 partecipanti pianificati (67,2% donne, età media 32 anni, 64,1% bianchi). Il monitoraggio della sicurezza in cieco suggerisce che il farmaco è ben tollerato. L’analisi farmacocinetica ad interim mostra che le concentrazioni minime di islatravir-trifosfato dopo dosi mensili di 60 mg o 120 mg erano tutte al di sopra della soglia farmacocinetica prestabilita per la profilassi dell’HIV di 0,05 pmol / 106 PBMC. Islatravir PK ha mostrato una proporzionalità della dose approssimativamente lineare. L’analisi farmacocinetica preliminare dei tessuti sottoposti a biopsia suggerisce una distribuzione rapida, sostenuta e adeguata. Sulla base di questi dati, quest’anno verranno lanciati due studi di fase 3 con Islatravir 60 mg come regime PrEP orale una volta al mese.

Fonte: Nadir onlus

Vedi anche l’articolo di AidsMap (inglese) A triumph for injectable PrEP, but a sobering result for oral PrEP

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetta Tutto Scopri di più