Home Altre patologie Problemi di pelle

Problemi di pelle

di Luca Negri

Problemi di pelleTre sono le cause principali che possono comportare problemi della pelle nelle persone con HIV:

  • le interazioni tra il sistema immunologico e l’HIV
  • le infezioni
  • gli effetti collaterali dei farmaci

Alcune condizioni della pelle collegate all’HIV o agli effetti collaterali del trattamento possono essere molto gravi e richiedere urgente attenzione medica.
Ci sembra importante ricordare che i problemi della pelle possono essere passeggeri, ma richiedono sempre particolare riguardo, richiedono una diagnosi da parte del medico curante o del dermatologo o dell’infettivologo che è a conoscenza di queste patologie spesso collegate direttamente o indirettamente all’HIV.

Quando la persona viene a contatto con il virus dell’HIV, può avere sintomi simili all’influenza chiamati malattia o sindrome di sieroconversione. Questi sintomi includono il rash cutaneo rossiccio senza prurito che dura 2-3 settimane.
Durante l’infezione, vi è uno squilibrio del sistema immunologico che può comportare prurito alla pelle. Il problema può essere trattato con steroidi e antistaminici.

I problemi della pelle possono presentarsi anche quando il sistema immunologico comincia a guarire a causa dell’azione dei farmaci antiretrovirali (specialmente l’acne e la follicolite), quindi, in alcuni casi potrebbe essere un segno positivo che indica il ripristino delle capacità immunologiche.
Generalmente le infezioni sono divise in tre gruppi:

BATTERICHE
FUNGINE
VIRALI

Le manifestazioni più comuni, di questi gruppi, comprendono:

– L’eczema (pelle irritata o secca) che può avere molte cause e può essere trattato con antistaminici. Per alleviare qualsiasi condizione di pelle secca, evita lunghi bagni e l’uso di sapone, gel e altri irritanti potenziali. Usa, invece, creme a base d’acqua o idratanti.
-La dermatite che si manifesta con macchie rosse e rash squamoso. Può essere causato da infezione fungose e dall’eczema.Può essere trattata con creme e unguenti corticosteroidei o antifungini o con terapia non specifica Alcuni problemi del cuoio capelluto sono trattati con shampoo antiforfora o antifungini.
-La dermatite seborroica, che è un’infiammazione delle ghiandole oleose della pelle, compare spesso nelle parti pelose del corpo e causa una squamazione giallastra della pelle. E’ molto comune nella sintomatologia dell’HIV.
– La tigna è un’infezione che causa rossore e squamazione della pelle e macchie bianche e umide. Si tratta con creme antifungine. L’olio diluito del te può essere molto efficace. Mantieni la pelle secca ed evita creme o deodoranti o profumi irritanti.
La follicolite (piccole pustole nei follicoli, la radice del pelo) è un’infezione della pelle si tratta anche essa con antifungini.
– L’impetigine è un’infezione batterica che si riconosce da ulcerazioni rosse con croste giallastre. I follicoli si possono infettare anche, provocando ascessi, i quali sono trattati con antibiotici. Piccoli brufoli perlati possono essere causati da infezioni virali come il virus del canarino, il molluscum contagiosum o da infezioni fungine come la criptococcosi.
– Il molluscum contagiosum è un’infezione della pelle causata da un virus (Molluscum Contagiosum) che provoca piccole lesioni. Circa il 20% delle persone con HIV/AIDS sviluppa il virus del molluscum. Il molluscum non è un problema grave, ma può influenzare l’apparenza fisica, soprattutto quando le lesioni si presentano in zone visibili come la faccia, producendo problemi emozionali e psicologici.
Il molluscum può infettare qualsiasi parte della pelle, ma è particolarmente comune sulla faccia, nell’inguine e nell’area del pube. Si può contagiare da lesioni già esistenti ad altre parti del proprio corpo o ad altre persone, attraverso vestiti, lenzuola oppure oggetti che sono stati in contatto con le lesioni. Gli uomini con HIV spesso sviluppano il molluscum sulla faccia. Farsi la barba col rasoio può contribuire all’auto-contagio.
Un medico può identificare facilmente le lesioni da molluscum. Come abbiamo già detto, sono lesioni ceruminose, color carne e non fanno male nè causano prurito. Si tende quindi a sottovalutarle e a rimandare la visita medica finchè le lesioni sono molte e molto visibili.
Vi sono soltanto altre due infezioni che causano problemi alla pelle che sembrano simili al molluscum, ma per il medico e per il dermatologo il molluscum è di facile diagnosi.
Le lesioni da molluscum sono trattate allo stesso modo delle verruche. Sfortunatamente, però, le lesioni spesso ritornano e hanno bisogno di essere trattate di nuovo.
Possono essere bruciate con azoto liquido, che è il metodo più comune. Possono anche essere bruciate con l’ago elettrico (elettrocauterizzazione) o con il laser.
Le lesioni possono anche essere trattate con chimici usati per le verruche come l’acido tricloracetico, la podofillina o la podofilossina. Questi agenti chimici, però, non possono essere usati su pelli sensibili o vicino agli occhi.
Le lesioni possono anche essere tagliate chirurgicamente. A volte il trattamento può essere doloroso e lasciare cicatrici. Quanto prima si ricorre al trattamento, tanto minore sarà la cicatrice o il fastidio dell’intervento.
Le lesioni da molluscum possono anche essere trattate con farmaci usati normalmente per l’acne come il tretinoinolo (tretinoin, Retinolo-A) o isotretinoinolo (isotretinoin, Accutane). Questo è un nuovo approccio che agisce riducendo la quantità d’olio nella pelle, facendo seccare e spellare la cappa più esterna. Possono causare rossore e irritazione.
Il Retinolo-A è una crema che si applica sulle lesioni. L’Accutane si somministra oralmente, in forma di compresse.
Un altro approccio nuovo è usare farmaci antivirali quali il cidofovir o l’imiquimodina. Questi farmaci si applicano direttamente sulle lesioni e possono causare irritazione locale della pelle.
I farmaci per l’acne (Retinolo-A) e Accutane tendono a seccare molto la pelle. La pelle secca è anche un effetto collaterale degli inibitori della proteasi indinavir (Crixivan) e di altri farmaci antiretrovirali.
Se usi Retinolo-A o Accutane per trattare il molluscum insieme ad una terapia antiretrovirale con farmaci che seccano la pelle, i tuoi problemi della pelle potrebbero peggiorare.
– Le verruche, particolarmente quelle genitali e anali, sono causate dal virus del papilloma umano HPV .

Le persone con HIV spesso sviluppano effetti collaterali collegati con la pelle, come il rash. La maggior parte delle volte sono problemi leggeri e non vi è bisogno di interrompere il trattamento. Per minimizzare il rischio di questo problema, alcuni di questi farmaci, come ad esempio la nevirapina, vengono prescritti inizialmente e per un periodo limitato ad un basso dosaggio per poi aumentarlo a dosaggio pieno entro due settimane. Ridurre la dose può essere anche necessario o efficace in alcuni casi, ma è una decisione che non dovresti prendere mai senza l’indicazione del medico specialista di HIV.
Se il rash è leggero, potresti essere in grado di ricominciare il farmaco in una data successiva. Se il rash, invece, è grave, non dovresti assumere più quel farmaco.
La nevirapina causa rash nel 20-30% delle persone e l’efavirenz in meno del 5%. Questo rash è normalmente leggero e sparisce man mano il corpo si abitua al farmaco. Un farmaco steroideo chiamato prednisone potrebbe essere utile per ridurre la frequenza di rash nelle persone che assumono la nevirapina.

Fonte: Delta n24 -Nadir Onlus

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più