La relazione sulle tossicodipendenze 2016

Droghe: ecco la relazione sulle tossicodipendenze 2016

 Pubblicata ben nascosta sul sito del Senato (ma non ancora sul sito del Dipartimento Antidroga), la Relazione Annuale al Parlamento 2016 sullo stato delle tossicodipendenze in Italia.
tossicodipendenze: Pubblicata,  la Relazione governativa 2016  in Italia. Potete scaricarla direttamente dal sito di Fuoriluogo.

Il capitolo della Relazione al Parlamento sulla Riduzione del danno è stato redatto da CNCA e Forum Droghe. Eccolo nella versione originale in pdf.

 

Droghe, la Relazione senza politica

Salvina Rissa commenta la relazione sulle droghe 2016 per la rubrica di Fuoriluogo su il Manifesto del 25 gennaio 2017.

Riportiamo alcuni punti del commento che può essere letto integralmente a questo link

La Relazione annuale sulle droghe è un documento teoricamente importante, passato tuttavia sotto silenzio stampa. La Relazione è, o dovrebbe essere, uno strumento per i policy maker di verifica, valutazione, pianificazione delle politiche pubbliche.

Ancora una volta, nonostante gli sforzi, il documento manca il suo obiettivo istituzionale principale.

Nel 2016 il Dipartimento antidroga aveva fatto interessanti aperture alla società civile, coinvolgendo il mondo dell’associazionismo nella preparazione e nella stesura della Relazione.

Aveva inaugurato un dialogo con le Ong anche su questioni politiche cruciali, ma la tela di rapporti fra società civile e istituzioni è stata in gran parte lacerata dalla mancanza di trasparenza nelle scelte politiche.

Il paradosso si tocca nella parte sulla Riduzione del danno, direttamente curata da Forum Droghe e Cnca, le due Ong che più si erano spese perché la Riduzione del danno avesse finalmente il posto che merita fra i “pilastri” delle politiche sociosanitarie in tema di droga. Ma nel testo pubblicato, il riferimento a Forum Droghe è scomparso.

Il Cnca è stato declassato a mero rilevatore di dati sui servizi esistenti. Ancora più grave, nella presentazione della Relazione non sono riprese e valorizzate le indicazioni operative ai policy maker: come superare i limiti storici dell’attuale offerta e introdurre nuovi indispensabili interventi, come sviluppare in maniera coerente il monitoraggio e la ricerca.

Insomma, il lettore si ritrova in mano un tomo di 489 pagine che sembra fatto apposta per non operare alcuna scelta politica sulle droghe.

La Relazione e il contrasto antidroga

Se la struttura della Relazione, in termini di trasparenza dei dati offerti, risponda alla sua finalità istituzionale, di strumento utile a valutare gli esiti delle strategie intraprese e a operare le scelte per il  futuro.

Si osservi che, ancora una volta, la struttura della Relazione non rispecchia i “pilastri” su cui si reggono le politiche.

Per meglio dire: mentre c’è una parte sui pilastri sociosanitari (al cui interno trova finalmente ampio spazio la riduzione del danno), paradossalmente il pilastro penale-sanzionatorio (che rimane quello principale) non è citato e trattato come tale.

Così le segnalazioni al Prefetto per il consumo personale sono curiosamente elencate nella “domanda” di sostanze, quasi fosse una neutra indagine epidemiologica sui trend di consumo, e non invece un settore di rilievo dell’attività repressiva.

Ovviamente i dati sulle attività di repressione ci sono, ma disseminati fra “l’offerta” e la “domanda” di sostanze, sì da privare il lettore di un immediato quadro d’insieme dell’applicazione della legge penale. Così le segnalazioni al Prefetto per il consumo personale sono curiosamente elencate nella “domanda” di sostanze, quasi fosse una neutra indagine epidemiologica sui trend di consumo, e non invece un settore di rilievo dell’attività repressiva.

La scelta di non mettere a fuoco il pilastro penale come tale ha conseguenze anche nel calcolo economico: sappiamo che il mercato illegale delle droghe principali incide per 14 miliardi di euro, ma non sappiamo i costi del sistema di contrasto, né come questi si distribuiscono fra penale e sociale.

Please follow and like us:
20
https://www.poloinformativohiv.info/wp-content/uploads/2017/02/relazione-tossicodipendenze.jpghttps://www.poloinformativohiv.info/wp-content/uploads/2017/02/relazione-tossicodipendenze-150x150.jpgpoloinformativoDipendenzeAttivismo,Droghe,Riduzione del dannoDroghe: ecco la relazione sulle tossicodipendenze 2016  Pubblicata ben nascosta sul sito del Senato (ma non ancora sul sito del Dipartimento Antidroga), la Relazione Annuale al Parlamento 2016 sullo stato delle tossicodipendenze in Italia. tossicodipendenze: Pubblicata,  la Relazione governativa 2016  in Italia. Potete scaricarla direttamente dal sito di Fuoriluogo. Il capitolo della Relazione...Per saperne di più su hiv e aids